Settore tessile in Spagna

di lettura

La Spagna è un attore importante nel settore della moda globale e ha una forte base industriale, sebbene l'attività si sia ridotta a causa della pandemia.

Image

Catalogna, Valencia e Galizia hanno basi industriali significative per la produzione tessile e il costo del lavoro è inferiore rispetto ai paesi settentrionali del Nord Europa.

Molti marchi spagnoli preferiscono esternalizzare la produzione (Mango, Desigual, Springfield) con contratti per lo più all'estero. Marocco e Turchia in particolare hanno saputo coniugare consegne rapide con una qualità sufficiente, a prezzi inferiori rispetto alle controparti spagnole.

Alcune grandi aziende importano prodotti finiti o semilavorati in Spagna per la distribuzione in tutto il mondo. Inditex è un ottimo esempio con grandi centri di distribuzione in Galizia che servono una vasta gamma di mercati.

La Spagna riceve uno dei più alti livelli di turismo internazionale. Isole come Maiorca, Minorca e Isole Canarie sono molto popolari tra i viaggiatori britannici, tedeschi e francesi che contribuiscono ad aumentare le vendite nel settore.

La pandemia ha avuto un forte impatto sul settore in Spagna: i ricavi delle industrie tessili sono diminuiti del 41,3% nel 2020 rispetto al 2019. Anche grandi aziende come H&M e Inditex stanno chiudendo negozi in Spagna. H&M ha annunciato che chiuderà il 30% dei suoi negozi, riducendo la forza lavoro del 17%.

I tassi di shopping online in Spagna sono più bassi rispetto alla media europea e il commercio elettronico ha solo in parte compensato gli effetti del lockdown.

Trend

  • La sostenibilità è la tendenza dominante per la moda in Spagna. Alcune fibre naturali sono considerate più rispettose dell'ambiente rispetto alle fibre tradizionali grazie a metodi agricoli che utilizzano meno acqua e/o meno fertilizzanti. Il cotone organico, ad esempio, sta diventando una scelta popolare per capi come t-shirt e pantaloni.
  • Un'altra tendenza in crescita è l'utilizzo di fibre riciclate per produrre nuovi vestiti. I materiali riciclati possono essere ricavati da vecchi vestiti, tessuti industriali e bottiglie di plastica.
  • Le aziende del fast-fashion, sempre più criticate per il loro rilevante impatto ambientale, stanno investendo nella economia circolare e spingono i clienti a riportare i vecchi capi nei loro negozi per essere riciclati.
  • Attesa una crescita per il mercato del tessuto non tessuto nei prossimi anni. I tessuti non tessuti sono utilizzati nella costruzione di strade sotto forma di geotessili, nell'industria automobilistica e dei trasporti, nell’arredamento, nel settore sanitario…

Import export

La Spagna è il secondo maggiore importatore di abbigliamento nell'UE da paesi terzi, dietro alla Germania.

La maggior parte dei tessuti importati in Spagna provengono da: Belgio, Cina, Italia e Turchia. La Germania rappresenta gran parte delle importazioni di prodotti tessili industriali.

Le maggiori destinazioni di esportazione tessile per le aziende spagnole sono all'interno dell'UE.

Giuseppe Pizzi

Altre tematiche
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Centro Studi Fedespedi ha pubblicato i dati 2021 sullo shipping internazionale e sul traffico aereo cargo in Italia.
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
Dal 27 aprile si allarga la platea dei beneficiari e aumenta il tetto massimo richiedibile del finanziamento agevolato che SIMEST eroga attraverso il Fondo 394/PNRR a valere su risorse europee.
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Promos Italia è partner del Progetto MENTOR II che promuove percorsi di mobilità circolare e opportunità di tirocini professionali nel Nord Italia a giovani provenienti da Marocco e Tunisia.
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
La Banca centrale egiziana ha reso noto che, a seguito della decisione del 13 febbraio 2022 riguardante la disciplina delle operazioni di importazione, dal 22 Febbraio 2022 non è più consentito importare merci in Egitto utilizzando il sistema CAD, istituendo così l’obbligo di utilizzare esclusivamente il credito documentario (salvo le eccezioni previste).
La riforma del contratto di spedizione
La riforma del contratto di spedizione
La Legge n. 233/2021, di conversione del D.L. n. 152/2021 (Disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR), apporta significative modifiche alle norme del Codice Civile che disciplinano il contratto di spedizione.
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
ASSOPORTI e SRM hanno pubblicato sulla newsletter semestrale  Port Infographic  statistiche e dati aggiornati sui trasporti marittimi e la portualità.
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Nel corso del 2021, SIMEST ha sostenuto le esportazioni di beni strumentali (impianti e macchinari) attraverso il “Contributo Export su Credito Fornitore” registrando un incremento del  60% rispetto all’anno precedente.
Il pericolo peste suina africana
Il pericolo peste suina africana
Il 7 gennaio 2022 è stato confermato il riscontro del virus della Peste suina africana in una carcassa di cinghiale rinvenuta a Ovada (Alessandria).
Brevetti italiani in Europa
Brevetti italiani in Europa
Secondo l’analisi Unioncamere - Dintec cresce l’Italia innovativa che fa ricerca e produce brevetti a livello europeo.
Vademecum  Marchio UKCA
Vademecum Marchio UKCA
Federazione Anima Confindustria ha aggiornato il vademecum “L’impatto della Brexit sulle Aziende: introduzione e utilizzo del marchio UKCA”.