Silent confirmation o star del credere?

di lettura
Alcuni paesi, come la Cina o l’Iran, non concedono alle proprie banche l’autorizzazione a richiedere la conferma alla banca del beneficiario. Che fare, in questi casi?  Esistono strumenti di garanzia alternativi a disposizione dell’esportatore italiano?

La conferma in un credito documentario consente al beneficiario/esportatore, di coprire rischio insolvenza banca emittente e rischio paese attraverso l’intervento di una banca, detta confermante, che si impegna a pagare pro soluto con propri fondi in presenza di documenti conformi.

La banca confermante può assumere nei confronti del beneficiario una separata e autonoma obbligazione a pagare (in caso di insolvenza della banca emittente e di default del paese della banca emittente) qualora quest'ultima banca abbia autorizzato, nel momento di emissione della L/C, la possibilità di conferma mediante apposita richiesta nel campo 49 del messaggio swift MT 700.

Generalmente, si ricorre a questo strumento in presenza di transazioni con controparti operanti in Paesi in via di sviluppo o caratterizzate da rischio politico medio-alto. Ci sono paesi, però, come la Cina o l’Iran, che non concedono alle proprie banche - per questioni religiose o altro - l’autorizzazione a richiedere la conferma alla banca del beneficiario.
Che fare, allora, in questi casi? Ci sono strumenti di garanzia alternativi a disposizione dell’esportatore italiano?

1. Silent Confirmation

Con il termine silent confirmation si intende la conferma di una lettera di credito da parte di un istituto bancario o finanziario esterno al credito - di solito si tratta di un forfaiter - in assenza di specifica richiesta/autorizzazione della banca emittente.

Ricorrendo a tale strumento, il venditore si garantisce contro il rischio insolvenza banca emittente e il rischio Paese, che vengono trasferiti direttamente al forfaiter con cui ha stipulato il contratto di silent confirmation.
In tale accordo il forfaiter non interviene nell’esame e nella negoziazione dei documenti (di solito delega questo compito a una banca gradita), sottoponendo la validità della silent alla presenza della specifica banca designata nel credito documentario sottostante.

L'efficacia dello strumento dipenderà dall’esito del controllo documentale svolto dalla banca designata, la quale effettuerà una prestazione solutoria in presenza di documenti conformi e di fondi della banca emittente.

Se quest’ultima, però, non dovesse adempiere per uno degli eventi connessi a rischio insolvenza banca e/o rischio paese, il rischio di mancato pagamento si trasferirebbe al forfaiter, che dunque, proprio in virtù della silent confirmation, dovrà pagare il beneficiario, dietro presentazione di specifica documentazione indicata nel contratto di silent.

2. Star del credere

Lo star del credere è un contratto (sempre extra credito documentario) con cui un soggetto, di solito una banca, si assume l’impegno a coprire il rischio insolvenza banca emittente e rischio paese.
A differenza della silent confirmation, la banca che emette la garanzia sotto forma di star del credere, sarà la stessa banca designata che compare nella lettera di credito.

Dopo aver attentamente valutato lo "standing" della banca emittente e la situazione del paese in cui essa opera, la banca designata - proponendo al venditore lo star del credere - diventa di fatto la banca confermante seppur extra credito documentario.

Ricorrendo a tale strumento il beneficiario è garantito non solo contro il rischio insolvenza banca emittente e rischio paese, ma anche contro il rischio tecnico del controllo documentale. La banca designata con il contratto dello star del credere si assume, infatti, anche il rischio della verifica dei documenti, in quanto pagherà il beneficiario a presentazione di documenti conformi.

  • Nella silent confirmation, il forfaiter non paga il beneficiario se la banca emittente riscontra discrepanze (nel caso in cui nel credito documentario non sia presente una banca designata).
  • Nello star del credere, invece, se la banca emittente riscontra discrepanze, il beneficiario sarà comunque pagato dalla banca designata.

Vantaggi e svantaggi dei due strumenti di garanzia del credito

La silent confirmation rende più facile la conferma di un credito in quanto:

  • non è necessaria l’esplicita richiesta di aggiungere la conferma nel testo della L/C
  • la ricerca dell’istituto disposto a confermare il credito può spaziare oltre i confini nazionali e può riguardare anche istituti operanti sul mercato del forfaiting, specializzati nella valutazione del rischio paese debitore e del rischio banca.

A fronte di questi vantaggi, la silent confirmation presenta però alcuni punti critici:

  • il beneficiario supporta il rischio della perdita dei documenti fino alle casse della banca designata (di solito una banca europea)
  • gli stessi documenti sono analizzati da un soggetto diverso rispetto all'istituto bancario/finanziario che ha coperto il rischio al beneficiario.

Con lo star del credere, invece, il venditore ha un limitato rischio di perdita dei documenti e si relaziona con una banca che si comporta, di fatto, come una tradizionale banca confermante, con una sola differenza:

  • la banca confermante in un credito documentario effettua la prestazione di pagamento su base pro soluto, con documenti conformi, nel rispetto delle indicazioni del credito (a vista o a scadenza)
  • la banca che propone lo star del credere, verificata la conformità dei documenti, prima di pagare chiederà i fondi alla banca emittente il credito. Se quest'ultima sarà insolvente, la banca designata effettuerà il pagamento al beneficiario su base pro soluto in virtù dello star del credere.

Domenico Del Sorbo

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Centro Studi Fedespedi ha pubblicato i dati 2021 sullo shipping internazionale e sul traffico aereo cargo in Italia.
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
Dal 27 aprile si allarga la platea dei beneficiari e aumenta il tetto massimo richiedibile del finanziamento agevolato che SIMEST eroga attraverso il Fondo 394/PNRR a valere su risorse europee.
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Promos Italia è partner del Progetto MENTOR II che promuove percorsi di mobilità circolare e opportunità di tirocini professionali nel Nord Italia a giovani provenienti da Marocco e Tunisia.
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
La Banca centrale egiziana ha reso noto che, a seguito della decisione del 13 febbraio 2022 riguardante la disciplina delle operazioni di importazione, dal 22 Febbraio 2022 non è più consentito importare merci in Egitto utilizzando il sistema CAD, istituendo così l’obbligo di utilizzare esclusivamente il credito documentario (salvo le eccezioni previste).
La riforma del contratto di spedizione
La riforma del contratto di spedizione
La Legge n. 233/2021, di conversione del D.L. n. 152/2021 (Disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR), apporta significative modifiche alle norme del Codice Civile che disciplinano il contratto di spedizione.
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
ASSOPORTI e SRM hanno pubblicato sulla newsletter semestrale  Port Infographic  statistiche e dati aggiornati sui trasporti marittimi e la portualità.
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Nel corso del 2021, SIMEST ha sostenuto le esportazioni di beni strumentali (impianti e macchinari) attraverso il “Contributo Export su Credito Fornitore” registrando un incremento del  60% rispetto all’anno precedente.
Il pericolo peste suina africana
Il pericolo peste suina africana
Il 7 gennaio 2022 è stato confermato il riscontro del virus della Peste suina africana in una carcassa di cinghiale rinvenuta a Ovada (Alessandria).
Brevetti italiani in Europa
Brevetti italiani in Europa
Secondo l’analisi Unioncamere - Dintec cresce l’Italia innovativa che fa ricerca e produce brevetti a livello europeo.
Vademecum  Marchio UKCA
Vademecum Marchio UKCA
Federazione Anima Confindustria ha aggiornato il vademecum “L’impatto della Brexit sulle Aziende: introduzione e utilizzo del marchio UKCA”.