Smarrimento di piccoli colli di valore

di lettura
La previsione di un limite di responsabilità corrisponde alla finalità di equilibrare il rischio del trasporto suddividendolo tra committente e vettore. In questo modo da un lato il vettore può evitare una copertura assicurativa totale anche contro quegli eventi non dipendenti dalla sua capacità organizzativa ed imprenditoriale, dall’altro si evitano aumenti indiscriminati nelle tariffe di trasporto.

Il fatto che il vettore (nazionale od internazionale) abbia la facoltà di limitare le sue responsabilità non provoca perdite economiche al committente del trasporto se questi si avvale di una assicurazione diretta.

Al comprensibile atteggiamento del courier che può tentare di rigettare qualsiasi responsabilità per minimizzare il risarcimento, vanno contrapposte almeno due considerazioni.

Adire le vie legali spesso non è prudente perchè i costi ed i tempi di un eventuale giudizio sarebbero da stimare e comunque in ogni caso non potrebbe essere richiesto un risarcimento superiore al danno economico effettivamente subito

Esistono numerose sentenze della magistratura italiana che si sono pronunciate sul tema dello smarrimento o della conseguente mancata riconsegna di plichi o  colli contenenti merci di valore.

Nella maggior parte dei casi i giudici non hanno riconosciuto ai vettori la facoltà di avvalersi dei limiti di debito considerando colpa grave il fatto che un'azienda specializzata in questo campo perda il controllo anche di un singolo collo e non sia in grado di determinare dove e quando si è verificato il fatto e conseguentemente non sia stato individuato il diretto responsabile. I giudici, in sostanza, sono indotti, configurando gli estremi della colpa grave (il collo conteneva oggetto di elevato valore ed il vettore ne era consapevole) a disapplicare i limiti di responsabilità con il conseguente risarcimento per il valore integrale del danno subito.

Giovanna Bongiovanni

Tag dell'informativa
Controversie con il vettore

Altre tematiche
Export una guida per partire
Export una guida per partire
La Farnesina - in collaborazione con le Regioni, ICE, SACE e SIMEST – ha elaborato una guida digitale, per  far conoscere gli strumenti pubblici a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Secondo Gita Gopinath, capo economista del FMI, l'emergenza provocata dalla pandemia causerà "una perdita complessiva per l'economia mondiale di oltre 12.000 miliardi di dollari" fra il 2020 e il 2021. 
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.