Sri Lanka e Pakistan: restrizioni per l’apertura di lettere di credito su beni considerati non essenziali

di lettura

Le banche di Sri Lanka e Pakistan scoraggiano l’importazione di beni non essenziali imponendo vincoli alle aperture delle lettere di credito.

Image

La lettera di credito è uno strumento di pagamento regolato dalla pubblicazione UCP 600 (Uniform Custom Practice) della Camera di Commercio Internazionale di Parigi (I.C.C. – International Chamber of Commerce). 

La lettera di credito è un obbligo irrevocabile della banca a pagare contro presentazione da parte del beneficiario dei documenti conformi alle condizioni contenute nella lettera di credito, nelle UCP 600 e alla “International Standard Banking Practice” (ISBP), sempre della ICC.

Le scarse riserve valutarie dello Sri Lanka rischiano di sfociare in una crisi che potrebbe richiedere un “salvataggio” del Fondo monetario internazionale. Dopo aver rimborsato il debito di 1 miliardo di dollari a luglio, il governo è in grado di coprire solo due mesi di importazioni da destinarsi alle forniture di beni di primaria necessità.

Per affrontare la grave crisi valutaria ha imposto  “100 percent cash margin” sulle lettere di credito (LC) per oltre 600 articoli, come tappeti, cioccolatini, vino, impermeabili, veicoli a motore, in modo da limitare le importazioni non necessarie. Tale restrizione, emessa dalla Banca centrale alle banche commerciali autorizzate, è entrata in vigore l’8 Settembre 2021.

Il cash margin è la quantità di denaro che l’importatore deve depositare presso la propria banca per avviare una transazione di importazione e per l'apertura di una lettera di credito (LC), nel caso specifico il 100% dell’ammontare.

Anche il Pakistan ha deciso di adottare questo approccio: la Banca centrale State Bank of Pakistan (SBP) ha imposto, a partire dall’8 Ottobre 2021, “100 percent cash margin” per apertura di lettere di credito su 114 beni considerati “non necessari”. Una mossa per prevenire deflussi di dollari e un ulteriore indebolimento della rupia.

L’imposizione del Cash Margin Requirements (CMR) nell’importazione su ulteriori 144 beni, porta a 525 il totale delle merci soggette a tale misura.

Conclusioni

  • Gli esportatori Italiani dovrebbero verificare se le merci da loro esportate sono soggette a “cash margin”
  • Il “cash margin” aumenta sostanzialmente il costo delle importazioni in termini di costo/ opportunità delle somme depositate e quindi scoraggiano tali operazioni
  • Gli esportatori italiani che esportano in questi due paesi merci considerate non necessarie potrebbero vedersi ridurre il fatturato.

Marco Bertozzi

 

 

Altre tematiche
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Secondo i dati presentati a Roma al Convegno di Conftrasporto-Confcommercio, valichi alpini e porti sono le principali vie di accesso del nostro Paese al commercio internazionale.
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il porto di Ravenna è il solo porto commerciale dell’Emilia Romagna e movimenta ogni anno oltre 27 milioni di tonnellate.
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
E’ stata emanata la nuova legge sull’imposta delle società (Legge Federale n. 47 del 2022). Le disposizioni della c.d. CT Law si applicheranno ai periodi di imposta che iniziano il 1° giugno 2023.
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Tra le quattro libertà di circolazione sulle quali si fonda il mercato interno dell’Unione europea, quella relativa ai servizi è di importanza fondamentale per imprese, lavoratori autonomi e professionisti.
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
Uno studio indipendente suggerisce 10 interventi che aiutano il mondo produttivo a migliorare da subito l’efficienza energetica.
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Genova è da tempo il porto marittimo di riferimento per le imprese manifatturiere della Lombardia. L’area di attrazione dell’hub ligure si sta allargando anche al Veneto e all’Emilia Romagna.
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.