Il titolo esecutivo europeo per i crediti non contestati

di lettura
E' stato istituito un vero e proprio "titolo esecutivo europeo" per i crediti non contestati.

Oltre al Regolamento (CE) n. 44/2001 del Consiglio, con il quale veniva semplificata la procedura di riconoscimento ed esecuzione delle decisioni emesse dai Giudici di uno Stato Membro dell'Unione Europea in ciascuno degli altri Stati Membri (ad eccezione della Danimarca), e al D. Lgs. n. 231/2002, emanato dal Governo italiano in attuazione della direttiva 2000/35/CE, per consentire la notificazione del decreto ingiuntivo all'estero, merita un approfondimento il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio n. 805/2004 del 21 aprile 2004.

Dal 21 ottobre 2005 determinate decisioni, appositamente certificate, verranno direttamente eseguite in uno Stato Membro diverso da quello del Giudice che le ha emesse, senza bisogno di alcuna procedura di riconoscimento e/o di exequatur in tale altro Stato, con notevole risparmio di tempi e costi.

Possono essere certificate quale "titolo esecutivo europeo": le decisioni giudiziarie (nozione molto ampia che comprende sentenze, ordinanze, decreti e altri provvedimenti aventi natura decisoria, ivi compresa la determinazione delle spese giudiziali); le transazioni giudiziarie (concluse, cioè, davanti al Giudice o da questo approvate) e gli atti pubblici, purché tutti questi provvedimenti si riferiscano a "crediti non contestati", ovvero ai casi in cui:

  • il credito per cui si procede sia stato espressamente riconosciuto dal debitore in sede giudiziale o in un atto pubblico, oppure
  • il debitore non abbia mai contestato tale credito nel corso del giudizio, oppure
  • il debitore, pur avendo inizialmente contestato il credito, non sia successivamente comparso ad un'udienza, sempre che tale mancata comparizione equivalga ad un'ammissione tacita del credito.

La certificazione

Spetta al Giudice dello Stato Membro in cui la decisione è stata emessa, apporvi la certificazione di "titolo esecutivo europeo", su istanza del creditore, a condizione che:

  • la decisione sia esecutiva in tale Stato Membro (ad esempio, dovrà trattarsi di un decreto ingiuntivo munito di "formula esecutiva")
  • sia stata emessa da un Giudice competente - secondo i criteri di competenza giurisdizionale fissati dal Regolamento (CE) n. 44/2001
  • sia il risultato di un procedimento nel quale sia stato garantito al debitore il rispetto dei diritti basilari alla difesa.

Quanto a tale ultimo aspetto dovranno, in particolare, essere state osservate alcune norme specifiche in materia di notifica della domanda giudiziale al debitore, nonché in materia di contenuto minimo obbligatorio della domanda giudiziale (dovrà contenere alcune informazioni essenziali onde consentire al debitore di conoscere esattamente il credito per cui si procede e di difendersi nei tempi, luoghi e modi opportuni).

Per quanto concerne la notifica degli atti giudiziari tra i Paesi U.E., ricordiamo che le procedure sono state notevolmente semplificate con il recente Regolamento 1348/2000, espressamente richiamato dal provvedimento che qui si commenta.

L'esecuzione forzata

La decisione certificata come titolo esecutivo europeo equivarrà, nello Stato Membro nel quale deve essere eseguita, ad una decisione emessa da un giudice di tale Stato, e l'esecuzione forzata sarà effettuata secondo le norme di tale Paese. Per procedere in tal senso, il creditore dovrà fornire alle autorità competenti dello Stato dell'esecuzione pochi e semplici documenti:

  • copia della decisione in forma autentica
  • copia del certificato di titolo esecutivo europeo, anch'essa in forma autentica
  • traduzione asseverata del certificato nella lingua ufficiale dello Stato membro dell'esecuzione (oppure, nell'eventuale diversa lingua che lo Stato in questione abbia ufficialmente dichiarato di accettare).

Non potranno essere richiesti depositi di somme o cauzioni al creditore istante, per il solo motivo che questi sia privo di residenza o domicilio nello Stato membro dell'esecuzione.

Significativa appare, infine, la disposizione di cui all'art. 21, lett. c. del Regolamento n. 805/2004 che impedisce all'autorità dello Stato membro dell'esecuzione di rifiutare l'esecuzione medesima, anche se la decisione certificata come titolo esecutivo europeo sia incompatibile con una decisione precedente emessa da un altro giudice (in uno Stato membro o in un paese terzo), qualora il debitore non abbia fatto valere tale incompatibilità costituendosi e difendendosi davanti al Giudice dello Stato membro d'origine.

Tale disposizione, unitamente a quella che esclude espressamente ogni riesame del merito della causa da parte delle autorità dello Stato dell'esecuzione, è molto importante poiché tende a scoraggiare condotte pretestuose (sovente in passato tenute dai debitori convenuti nelle cause internazionali) che consistono nel rimanere contumaci nei procedimenti giudiziali esteri, per poi proporre tutte le proprie contestazioni, anche nel merito, di fronte al proprio giudice nazionale al fine di bloccare il riconoscimento e l'esecuzione della sentenza.

Il Regolamento n. 805/2004 quindi giustamente penalizza il convenuto che non abbia debitamente contestato il credito nell'ambito del procedimento estero, pur avendolo potuto fare.

Questo nuovo provvedimento, che è entrato in vigore in Italia nel gennaio 2005 senza bisogno di leggi di ratifica (trattandosi di un Regolamento, direttamente applicabile negli Stati Membri UE) appare certamente in grado di recare beneficio alle piccole e medie imprese europee, agevolando un efficace recupero dei propri crediti al di fuori del proprio Paese a costi e con tempi contenuti.

Maurizio Gardenal e Christian Montana

Tag dell'informativa
Applicabile dal 21 ottobre 2005
Altre tematiche
Operazioni di credito e incasso documentario: Le Nuove Regole Icc per la presentazione dei documenti in formato elettronico
Operazioni di credito e incasso documentario: Le Nuove Regole Icc per documenti in formato elettronico Lo scorso 1 Luglio 2019 sono entrate in vigore due importanti pubblicazioni della CCI riguardanti le operazioni documentarie. In particolare si tratta della nuova versione delle eUCP, da oggi eUCP 2.
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure Il nuovo Codice della Crisi di Impresa (Decreto Legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019) fornisce una nuova definizione di “crisi descrivendola quale “lo stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate”.
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa Nell’ambito della strategia per il mercato unico digitale è stato raggiunto un accordo politico fra le istituzioni europee in merito all’adozione di un nuovo regolamento UE che si prefigge quale obiettivo quello di assicurare  equità, trasparenza e prevedibilità nelle pratiche commerciali utilizzate dalle piattaforme di intermediazione online e dai motori di ricerca generici nei confronti delle imprese e degli operatori commerciali che ne fruiscono.
Guida Pratica: Il trasporto internazionale
Guida Pratica: Il trasporto internazionale Quando un’impresa decide di commercializzare i suoi prodotti all’estero, non può assolutamente esimersi da un’attenta gestione del trasporto e dei rapporti giuridici con i soggetti coinvolti i quali giocano un ruolo importantissimo anche in relazione ad eventuali problematiche doganali.
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori CONAI è il Consorzio Nazionale Imballaggi e si occupa di recuperare, riciclare e/o smaltire i rifiuti derivanti da materiali da imballaggio in Italia.
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali Il nuovo Regolamento Privacy sarà applicabile su tutto il territorio dell’Unione europea a partire dal 25 maggio 2018 ed abrogherà la quasi totalità della legge italiana attualmente vigente (Codice Privacy).
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione Il nuovo Regolamento UE 2018/1807 si inserisce nel più ampio quadro della disciplina europea relativa alla regolamentazione del trattamento di dati e aggiunge un ulteriore tassello alla strategia per il mercato unico digitale.
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco A distanza di 22 anni dalla sua pubblicazione, il legislatore unionale ha inteso modificare il Reg. (CE) n. 2271/96 del Consiglio (c.d.
E-commerce: proposte di direttive UE a di tutela del consumatore
E-commerce: proposte di direttive UE a tutela del consumatore La Commissione Europea, nell’ambito di un pacchetto denominato “New deal for consumers – Un new deal per i consumatori”, ha presentato due proposte di direttiva volte a rafforzare la tutela del consumatore.
Come superare le criticità della resa EXW
Come superare le criticità della resa EXW Nell’articolo un approfondimento sui termini di resa, con particolare riferimento alla resa Franco Fabbrica e alle modalità di ridurre i rischi della mancata prova dell’esportazione.