Accordo di partneriato tra Unione europea e Singapore

di lettura

Il 21 novembre è entrato in vigore l’accordo commerciale tra l’UE e la Repubblica di Singapore approvato dal parlamento europeo lo scorso 8 novembre 2019. Nell'articolo i contenuti dell'accordo e i vantaggi che ne derivano per gli scambi commerciali.

Accordo di partneriato tra l’Unione europea e Singapore

Singapore è una piccola isola dell’Asia Sud-Orientale, un Paese considerato quarto principale centro finanziario del mondo, avente un ruolo significativo nel commercio internazionale e nella finanza mondiale.
La città-nazione di Singapore si è mostrata sempre più integrata nel mondo occidentale, soprattutto grazie al suo straordinario sviluppo nel settore industriale, che si basa sull’alta tecnologia e sulle attività terziarie. 
Singapore possiede una sviluppata economia di mercato, classificata fra le più libere e competitive al mondo, tanto che addirittura all’inizio del XX secolo, il Paese veniva considerato una delle quattro tigri asiatiche insieme a Hong Kong, Corea del Sud e Taiwan. Inoltre, il porto di Singapore è tra i primi cinque per attività e traffico su scala mondiale. 

L’8 novembre 2019 il Parlamento Europeo ha approvato l’accordo commerciale tra l’UE e la Repubblica di Singapore che è entrato in vigore il 21 novembre, nella parte riguardante l’accordo commerciale

A livello europeo, l’accordo rientra nel gruppo ALS (Accordi di Libero Scambio) e consta di due principali elementi:

  • Accordo commerciale 
  • Accordo sugli investimenti UE – Singapore

La parte riguardante gli investimenti, entrerà in vigore solo dopo la ratifica dei singoli Stati Membri dell’Unione.

Punti essenziali dell’accordo commerciale

Settore Doganale

1) Abbattimento dazi doganali

Oltre l'80% delle importazioni da Singapore entreranno nell'UE in esenzione da dazi. I rimanenti dazi UE saranno eliminati nell'arco dei 3 o 5 anni in base al tipo di prodotto.
Beneficeranno dell'eliminazione immediata dei dazi solo le seguenti categorie, quali: prodotti elettronici, farmaceutici, petrolchimici e prodotti agricoli trasformati. I dazi su alcuni tipi di tessili e tappeti saranno eliminati entro 3 anni, mentre quelli su biciclette, frutta, cereali e calzature sportive saranno eliminati nell'arco di 5 anni.
Molti prodotti della UE in ingresso attualmente a Singapore godono già di esenzioni daziarie, che continueranno a sussistere, mentre verranno abolite le misure tariffarie nei confronti delle bevande e dei prodotti alcolici di origine UE.

2) Agevolazioni ai fini dell’origine preferenziale 

Nell'odierna economia globale, le imprese, grandi e piccole, operano spesso all'interno di catene di approvvigionamento internazionali e i loro prodotti contengono sempre più componenti sia di origine nazionale che di importazione.
L'accordo commerciale UE-Singapore riconosce la natura integrata delle catene di approvvigionamento dell'Asia sudorientale includendo la nozione di "cumulo ASEAN" . Ciò consentirà ai produttori aventi sede a Singapore di considerare originari del paese, componenti acquisiti da altri Stati membri dell'ASEAN.
La preferenzialità dei prodotti verrà riconosciuta tramite attestazione nei documenti commerciali, purchè l’operatore economico abbia lo status di “Esportatore Autorizzato”, come avviene attualmente con gli scambi commerciali con la Corea del Sud.

3) Rimozioni delle barriere tecniche non tariffarie
L’accordo cerca di omologare ed uniformare, al fine di agevolare il libero commercio, le divergenze di natura tecnica ai fini della sicurezza e della compatibilità ambientale ed elettromagnetica, soprattutto nei seguenti settori:

  • Prodotti elettronici
  • Veicoli a motori e loro parti
  • Prodotti farmaceutici e dispositivi medici
  • Apparecchi e strumenti per l’energia rinnovabile

4) Migliorare la collaborazione tra le amministrazioni doganali
Le amministrazioni doganali si confronteranno per semplificare, armonizzare e modernizzare le procedure commerciali e doganali al fine di ridurre i costi delle transazioni  e promuovere il commercio legittimo anche con il riconoscimento dello status di Operatore Economico Autorizzato della UE, da parte delle autorità di Singapore.

Benefici su altri settori

1)Tutela delle indicazioni geografiche nel settore alimentare

Nel settore alimentare saranno più del 25% le tutele che verranno riconosciute all’Italia e precisamente: l’Aceto balsamico di Modena, la Mortadella di Bologna, il Prosciutto di Parma e quello di S. Daniele, il Gorgonzola, il Grana Padano, la Mozzarella di Bufala Campana, il Pecorino Romano, l’Arancia Rossa di Sicilia, la Lenticchia di Castelluccio di Norcia e il Pomodoro di Pachino, ed altre.
Nel settore delle bevande invece, la Grappa, il Chianti, il Prosecco e il Montepulciano d’Abruzzo, solo per citarne alcune.

2) Apertura globale dei mercati dei servizi
Si prevedono particolari agevolazioni ed opportunità di investimenti per le imprese europee specialmente nei settori delle telecomunicazioni, dell’ingegneria, dell’informatica, del trasporto marittimo e dei servizi ambientali. Dal punto di vista finanziario, vi sarà inoltre l’opportunità, da parte delle banche europee, di estendere la propria rete finanziaria e commerciale a Singapore.
 
3) Opportunità di partecipazione agli appalti
E’ prevista la reciproca partecipazione alle gare per gli appalti pubblici con metodi moderni e con elevati standard di trasparenza e correttezza. Il maggior numero di appalti pubblici si prevedono nei settori del trasporto e nelle strutture per il miglioramento dell’ambiente.

4) Tutela dei diritti di proprietà intellettuale
L’accordo commerciale rafforza le già esistenti norme sia nella UE che a Singapore sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale. I titolari dei diritti di proprietà intellettuale potranno avvalersi anche della tutela a livello doganale per bloccare alle frontiere le merci contraffatte o sospette di violare il diritto della proprietà intellettuale.

5) Impegni in materia di sviluppo sostenibile ed equo solidale nel commercio
L’accordo prevede un impegno sostanzioso e vincolante per favorire pratiche commerciali a tutela dell’ambiente, dei diritti dei lavoratori e dello sviluppo sociale sostenibile. Dette tutele dovranno essere in linea con tutti gli accordi già presi a livello internazionali da entrambi le parti.

Vantaggi e prospettive future

Negli ultimi 5 anni l’Unione Europea ha messo in atto ben 16 accordi commerciali con i propri partner. Attualmente son ben 42 gli accordi commerciali sottoscritti dall’Unione Europea con 73 paesi o gruppi di paesi. Tutto ciò rappresenta a livello mondiale la più grande rete commerciale.
Sicuramente quest’accordo diventerà un trampolino di lancio verso l’Asia, in quanto si tratta di un primo accordo commerciale bilaterale tra l'UE e un paese membro dell'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN), con scambi bilaterali di merci per un valore complessivo di oltre 53 miliardi di euro e scambi di servizi per 51 miliardi di euro. Basti pensare che oltre 10 mila imprese dell’Ue si sono stabilite appunto in questo Paese avanzato ed in forte crescita. Nel 2017 il complesso degli investimenti bilaterali ha raggiunto i 344 miliardi.
La seguente infografica mostra tutte le città dell’UE dove ci sono aziende che attualmente stanno esportando verso Singapore, solo in Italia oltre 800 città:


 
Fonte: https://ec.europa.eu/trade/policy/in-focus/eu-singapore-agreement/eu-singapore-in-your-town/

Per ulteriori approfondimenti, consultare: 
Accordo commerciale
Elementi chiave dell’accordo

Mariaester Venturini

Analisi di mercato
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Il Bollettino Economico di gennaio analizza la situazione internazionale e presenta le proiezioni macroeconomiche per il 2021-23.
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.