Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp

di lettura

L’accordo per il mutuo riconoscimento di un paniere di 100 prodotti alimentari a indicazione geografica porterà vantaggi commerciali alle aziende italiane che esportano in Cina a partire dal 2021.

Image

La cooperazione UE-Cina è stata avviata nel 2006. Nel 2012 un primo accordo ha consentito di proteggere 10 indicazioni geografiche di entrambe le parti.

Ora grazie al nuovo accordo bilaterale, altri 100 prodotti europei (Champagne dalla Francia, Feta dalla Grecia, Irish whiskey, birra tedesca, Ouzo, Wódka polacca e, dalla Spagna, Queso Manchego e Cava) avranno maggior tutela in Cina.

Entro quattro anni l'ambito di applicazione dell’accordo commerciale sarà allargato ad altre 175 indicazioni geografiche di entrambe le parti.

Secondo la Coldiretti: "Ci sono ancora troppe barriere doganali che penalizzano le esportazioni agroalimentari verso Pechino. Se infatti è stato rimosso nel 2016 il bando sulle carni suine italiane e nel 2018 le frontiere si sono aperte in Cina per l’erba medica italiana, al momento per quanto riguarda la frutta fresca l’Italia può esportare in Cina solo kiwi e agrumi mentre sono ancora bloccate le mele e le pere oggetto di uno specifico negoziato. Una situazione che limita le esportazioni agroalimentari nazionali che nei primi sette mesi del 2019 sono risultate in calo dell’1% per un valore di 241 milioni di euro".

Le 26 indicazioni geografiche italiane

Sono 26 i prodotti Dop e Igp italiani compresi nell'elenco dei prodotti Ue:

  • Grana Padano, Asiago, Gorgonzola , Mozzarella di bufala campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano Taleggio
  • vini Asti, Barbaresco, Bardolino Superiore, Barolo, Brachetto d’Acqui, Brunello di Montalcino, Chianti,  prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, dolcetto d’Alba, Franciacorta, Soave, vino nobile di Montepulciano, Montepulciano d’Abruzzo, vino Toscano
  • Prosciutto San Daniele, prosciutto di Parma, bresaola della Valtellina
  • aceto Balsamico di Modena
  • grappa.

L’elenco dei 100 prodotti cinesi comprende il riso Panjin, varietà pregiate di tè, lo zenzero, le bacche di goji Chaidamu, la pasta di fagioli.

In termini di valore, il mercato delle indicazioni geografiche dell'UE è pari a circa 74,8 miliardi di euro, ossia il 6,8% dei prodotti alimentari e delle bevande dell'UE, con esportazioni per 16,9 miliardi di euro, che rappresentano il 15,4% di tutte le esportazioni UE di prodotti alimentari e bevande.

Fonte: Commissione Europea

Primati dell'Italia

L'Italia vanta il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari ed è leader nella biodiversità. L’Italia può inoltre contare:

  • sulla leadership indiscussa nella Ue per la qualità alimentare con 305 specialità Dop/Igp/Stg riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg
  • su 5.155 prodotti tradizionali regionali censiti
  • sulla leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche.

Sul territorio nazionale ci sono 504 varietà iscritte al registro viti, contro le 278 dei francesi e 533 varietà di olive, rispetto alle 70 degli spagnoli.

Siamo il primo produttore UE di riso, grano duro e vino e di molte verdure e ortaggi come pomodori, melanzane, carciofi, cicoria fresca, indivie, sedano e finocchi. E anche per quanto riguarda la frutta il made in Italy è leader in molte produzioni importanti: dalle mele e pere fresche, dalle ciliegie alle uve da tavola, dai kiwi alle nocciole fino alle castagne.

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).