Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp

di lettura

L’accordo per il mutuo riconoscimento di un paniere di 100 prodotti alimentari a indicazione geografica porterà vantaggi commerciali alle aziende italiane che esportano in Cina a partire dal 2021.

Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp

La cooperazione UE-Cina è stata avviata nel 2006. Nel 2012 un primo accordo ha consentito di proteggere 10 indicazioni geografiche di entrambe le parti.

Ora grazie al nuovo accordo bilaterale, altri 100 prodotti europei (Champagne dalla Francia, Feta dalla Grecia, Irish whiskey, birra tedesca, Ouzo, Wódka polacca e, dalla Spagna, Queso Manchego e Cava) avranno maggior tutela in Cina.

Entro quattro anni l'ambito di applicazione dell’accordo commerciale sarà allargato ad altre 175 indicazioni geografiche di entrambe le parti.

Secondo la Coldiretti: "Ci sono ancora troppe barriere doganali che penalizzano le esportazioni agroalimentari verso Pechino. Se infatti è stato rimosso nel 2016 il bando sulle carni suine italiane e nel 2018 le frontiere si sono aperte in Cina per l’erba medica italiana, al momento per quanto riguarda la frutta fresca l’Italia può esportare in Cina solo kiwi e agrumi mentre sono ancora bloccate le mele e le pere oggetto di uno specifico negoziato. Una situazione che limita le esportazioni agroalimentari nazionali che nei primi sette mesi del 2019 sono risultate in calo dell’1% per un valore di 241 milioni di euro".

Le 26 indicazioni geografiche italiane

Sono 26 i prodotti Dop e Igp italiani compresi nell'elenco dei prodotti Ue:

  • Grana Padano, Asiago, Gorgonzola , Mozzarella di bufala campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano Taleggio
  • vini Asti, Barbaresco, Bardolino Superiore, Barolo, Brachetto d’Acqui, Brunello di Montalcino, Chianti,  prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, dolcetto d’Alba, Franciacorta, Soave, vino nobile di Montepulciano, Montepulciano d’Abruzzo, vino Toscano
  • Prosciutto San Daniele, prosciutto di Parma, bresaola della Valtellina
  • aceto Balsamico di Modena
  • grappa.

L’elenco dei 100 prodotti cinesi comprende il riso Panjin, varietà pregiate di tè, lo zenzero, le bacche di goji Chaidamu, la pasta di fagioli.

In termini di valore, il mercato delle indicazioni geografiche dell'UE è pari a circa 74,8 miliardi di euro, ossia il 6,8% dei prodotti alimentari e delle bevande dell'UE, con esportazioni per 16,9 miliardi di euro, che rappresentano il 15,4% di tutte le esportazioni UE di prodotti alimentari e bevande.

Fonte: Commissione Europea

Primati dell'Italia

L'Italia vanta il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari ed è leader nella biodiversità. L’Italia può inoltre contare:

  • sulla leadership indiscussa nella Ue per la qualità alimentare con 305 specialità Dop/Igp/Stg riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg
  • su 5.155 prodotti tradizionali regionali censiti
  • sulla leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche.

Sul territorio nazionale ci sono 504 varietà iscritte al registro viti, contro le 278 dei francesi e 533 varietà di olive, rispetto alle 70 degli spagnoli.

Siamo il primo produttore UE di riso, grano duro e vino e di molte verdure e ortaggi come pomodori, melanzane, carciofi, cicoria fresca, indivie, sedano e finocchi. E anche per quanto riguarda la frutta il made in Italy è leader in molte produzioni importanti: dalle mele e pere fresche, dalle ciliegie alle uve da tavola, dai kiwi alle nocciole fino alle castagne.

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.