Agribusiness nell’Africa sub-sahariana

di lettura

Fare affari con i paesi dell’Africa sub-sahariana è possibile, in particolare nel settore agroindustriale. Come dimostra il Dossier curato dalla rivista mensile “Africa e Affari”.

Image

Per decenni l’Africa è stata considerata soprattutto per le ricchezze del sottosuolo: pietre preziose, minerali, giacimenti di petrolio e di gas dovranno però lasciare spazio anche a un’agricoltura moderna che accompagnerà le prossime tappe dello sviluppo.

L’agricoltura e l’agribusiness insieme contano per quasi la metà del Pil africano: l’agricoltura per circa il 25% e l’agribusiness per un altro 20%. La produttività agricola africana è pari a 1,3 tonnellate per ettaro, circa il 60% in meno rispetto alla media mondiale.

La vastità del suo territorio e dei suoi ambienti e climi permette la realizzazione di colture di ogni tipo. L’Africa possiede il 50% delle terre ancora non coltivate e il 27% di quelle arabili, ma nonostante questo enorme potenziale, importa 30 miliardi di dollari di cibo all’anno.

Sta crescendo la classe media africana, sempre più costituita da persone inurbate che, con le migliori condizioni economiche, cercano di arricchire e

variare la loro dieta. La Banca Mondiale, in un recente rapporto intitolato “Coltivando l’Africa, sbloccare il potenziale dell’agribusiness”, ha dato un valore al futuro possibile del settore agricolo africano: 1 trilione di dollari entro il 2030, ovvero un giro d’affari di 1.000 miliardi di dollari per la sola Africa subsahariana.

Il mercato alimentare urbano in Africa, secondo gli esperti, potrebbe quadruplicarsi nell’arco dei prossimi anni fino a superare, entro il 2030, un giro d’affari di 400 miliardi di dollari.

I centri commerciali di Nairobi, Lagos e Accra stanno ridefinendo le modalità con cui la classe media africana fa acquisti. I grandi centri di distribuzione stanno sostituendo il “mercato centrale”.

Le due principali catene di supermercati dell’Africa sono Shoprite e Massmart, entrambe sudafricane. Shoprite è il primo rivenditore di cibo del continente con 1.246 punti vendita aziendali e 274 franchiser, in 18 paesi. A ruota segue Massmart – che lo scorso anno ha ceduto il 51% del capitale alla statunitense Wal-Mart (per oltre 2 miliardi di dollari) - con 9 grandi magazzini e 288 negozi, in 14 paesi africani.

L’agribusiness ha un vasto potenziale di crescita nelle filiere della lavorazione, dell’impacchettamento, del controllo qualità e della commercializzazione del prodotto agricolo. I settori più dinamici sono riso, cereali, avicoltura, oli vegetali, caseario e orticoltura.

Una maggiore competitività dell’agribusiness in Africa, richiede però:

  • un più facile accesso alla proprietà della terra e una miglior governance delle risorse
  • la formazione di forza lavoro specializzata nel settore agricolo, a vari livelli
  • costruzione e manutenzione di strade e collegamenti viari che consentano, tutto l’anno e in qualsiasi condizione climatica, di poter trasportare le merci ai centri di raccolta
  • la riforma delle politiche sulle sementi (restrizioni sulle importazioni, rigidi e lunghi processi di diffusione di nuove varietà di semi)
  • la diffusione e commercializzazione di fertilizzanti a costi competitivi (quelli  usati in Africa sono per lo più importati e i prezzi risultano superiori del 30% rispetto ad altre parti del mondo)
  • la realizzazione di sistemi irrigui su larga scala
  • la creazione di un comparto di ricerca e sviluppo agricolo attualmente inesistente

In collaborazione con: "Africa e Affari"

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).