Agroalimentare: mercati trainanti e frenanti l’export italiano

di lettura

Nel primo trimestre dell'anno le esportazioni italiane di Agroalimentare risultano in crescita tendenziale in ben 102 mercati mondiali (sui 152 analizzati nell'ambito del Sistema Informativo Ulisse). Inoltre, su 109 mercati la performance delle vendite italiane appare più favorevole della media dei concorrenti UE28. 

Agroalimentare: mercati trainanti e frenanti l’export italiano

Export ITALIA 1° Trimestre 2017: principali mercati trainanti e frenanti 
(variazioni tendenziali nei livelli e, tra parentesi, in termini percentuali) 

Fonte: Sistema Informativo Ulisse (Congiuntura Paesi UE)

Mercati trainanti

Nei primi tre mesi dell'anno i contributi più rilevanti alla crescita delle vendite italiane di prodotti di Agroalimentare sono derivati dai mercati:

  • Stati Uniti (con un incremento dell'export italiano di circa 79 milioni di euro rispetto al corrispondente trimestre 2016, pari al +9.5%, in linea con la performance dell'insieme dei concorrenti UE28)
  • Germania (in aumento tendenziale di circa 68 milioni di euro, pari al +4.4%, leggermente più dinamico dei concorrenti UE28)
  • Regno Unito (+63 milioni di euro, pari al +9.4%, di 7 punti in più della media UE28)
  • Spagna (in crescita di 40 milioni di euro, pari al +12.7%, di 8 punti in più della media UE28) 
  • Svizzera (+30 milioni di euro, pari al +9.5%, di quasi 3 punti in più della media UE28).

Mercati frenanti

I mercati più penalizzanti per l'export italiano di Agroalimentare nel primo trimestre dell'anno – peraltro una netta minoranza, come si diceva in precedenza - sono risultati, nell'ordine:

  • Egitto (in calo di oltre 20 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2016, pari al -53.6%, di quasi 14 punti meno dinamico dell'insieme dei concorrenti UE28)
  • Arabia Saudita (in calo di oltre 13 milioni di euro, pari al -17.1%, di oltre 14 punti meno dinamico della media dei competitori dell'area UE)
  • Danimarca (-10 milioni di euro, pari al -7.6%, di circa 9 punti meno dinamico dei competitori UE)
  • Algeria (-8.2 milioni di euro, pari ad un calo di oltre 34 punti percentuali, di quasi 62 punti meno dinamico dei competitori UE)
  • Etiopia (in calo di 8 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2016, pari al -60.1%, di 2 punti meno dinamico dell'insieme dei concorrenti UE28).

Fonte: Sistema informativo Ulisse

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.