Algeria: in etichetta va indicato l’operatore che svolge le procedure di importazione

di lettura

Il Ministero del Commercio Algerino ha emesso, il 19 maggio, un avviso agli importatori algerini che ha delle conseguenze operative per gli esportatori italiani.

"I servizi di controllo qualità e repressione frodi operanti ai posti di confine e dipendenti dal Ministero del Commercio hanno registrato negli ultimi tempi il blocco di un numero elevato di prodotti in importazione in quanto presentavano sulle etichette/marcature il nome e l’indirizzo di un importatore differente da quello che aveva di fatto svolto le procedure di importazione.

Allo scopo di porre fine a questa pratica, il Ministero del Commercio informa gli importatori che – a partire dal 1° luglio 2011 – tutte le richieste di dichiarazione di conformità per i prodotti bloccati, per la motivazione sopra indicata e accettati a tale data, saranno invece respinti dalla dogana qualora le marcature non corrispondano all’identità dell’effettivo importatore.

Di conseguenza, gli importatori devono verificare preventivamente, ossia prima di procedere a tutte le operazioni di importazione, che i prodotti riportino correttamente la loro esatta identità. Devono altresì responsabilizzare i propri fornitori (esportatori) affinché non si verifichino ulteriori non conformità.”

A seguito di questo avviso (disponibile sul sito del Ministero del Commercio Algerino ) SGS – GIS aggiungerà le fotografie delle marcature/etichette - con l’indicazione dell’importatore e dei dettagli della spedizione - alla documentazione finalizzata al rilascio dei Certificati di conformità. Poiché la verifica entrerà in vigore per le merci in arrivo alle dogane algerine dal 1 luglio, il controllo alla partenza dall’Italia sarà implementato a partire dal mese di giugno.

Informazioni:
daniela.andreoli@sgs.com

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.