L’Arabia Saudita diversifica con il solare e l’eolico

di lettura

L’Arabia Saudita punta a raddoppiare la sua attuale capacità elettrica grazie al contributo di 54 GW generati da nuovi progetti nelle energie rinnovabili (41 GW dal sole, 9 GW dal vento e dal geotermico) entro il 2032.

L’Arabia Saudita diversifica con il solare e l’eolico

La crescita economica, l’aumento della popolazione e dei fenomeni di urbanizzazione stanno determinando un incremento dei consumi energetici del 6% all’anno (la domanda di elettricità nel 2032 sarà tre volte superiore al livello attuale). Ipotizzando una crescita della domanda di energia dell’8% all’anno, il Paese diventerebbe nel 2030 un importatore netto di energia (malgrado le ingenti risorse di petrolio e gas).

Il governo saudita ha quindi definito una strategia di lungo periodo per diversificare il mix energetico nazionale con il duplice obiettivo di:

  • continuare a esportare il gas e il petrolio
  • favorire la diffusione dell’energia green all’interno del paese.

I protagonisti della diversificazione saranno l’energia solare e quella eolica. I combustibili fossili contribuiranno, a regime, “solo” al 50% del fabbisogno nazionale.

Il ”Proposed Competitive Procurement Process for the Renewable Energy Programme” prevede di arrivare a produrre 23,900 MW da fonti energetiche rinnovabili, entro il 2020. Nel corso del 2014 saranno avviate gare d’appalto internazionali  nel solare termico, solare fotovoltaico, eolico e geotermico.

I 6 Paesi GCC (Gulf Cooperation Council) investiranno 155 miliardi di dollari per la costruzione di impianti per lo sfruttamento delle fonti alternative, in particolare l’energia solare. Gli esperti stimano che, nei prossimi tre anni, l’energia prodotta nell’area sfruttando il sole  raggiungerà gli 84 GW.

The Daily Telegraph (26 October 2013)

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
Pubblichiamo un abstract del Focus on di Sace - Simest  “La produzione globale dopo il Covid: verso un nuovo riassetto asiatico?”
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione dell'11,6% nei primi nove mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
GreenItaly 2020
GreenItaly 2020
L’Italia è leader europeo nel riciclo dei rifiuti e nell’economia circolare secondo l’undicesimo rapporto sulla green economy italiana di Symbola e Unioncamere.
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
Gli aggiornamenti congiunturali di Banca d’Italia sull’andamento dell’economia nelle regioni italiane (novembre 2020).
Prometeia:  Analisi dei settori industriali ottobre 2020
Prometeia: Analisi dei settori industriali ottobre 2020
A partire dai mesi estivi, l’industria manifatturiera italiana ha registrato un recupero intenso e diffuso, che tuttavia non potrà impedire un calo del fatturato del 14.3% a prezzi costanti nel 2020.
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 13,3% nei primi otto mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
Nonostante l’emergenza sanitaria mondiale, le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate durante i primi sei mesi del 2020.
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Una delle peculiarità dell’Italia è la presenza di numerosi piccoli musei locali collocati prevalentemente in centri di medie e piccole dimensioni e nei borghi storici. 
Brexit: The Border with the European Union
Brexit: The Border with the European Union
Il Governo britannico ha aggiornato ad ottobre 2020 il primo modello operativo sulle operazioni tra Gran Bretagna e Unione Europea del luglio scorso.
Agroalimentare: italian sounding in Asia
Agroalimentare: italian sounding in Asia
L’export di prodotti agricoli e alimentari verso i Paesi Extra-UE mostra una sostanziale tenuta nel periodo gennaio-aprile 2020, coincidente con lo sviluppo della pandemia (+3,7% rispetto allo stesso periodo del 2019).