Arabia Saudita, un mercato ad alto potenziale per il made in Italy

di lettura

Dopo la crescita degli anni passati, la sfida che attende ora il Regno saudita è far evolvere l'economia per renderla meno dipendente dal petrolio. Con il piano Saudi Vision 2030 sono state annunciate alcune radicali riforme che dovrebbero accelerare questo processo, aprendo anche nuove opportunità per le imprese straniere.

Image

"Saudi Vision 2030" è basato su una radicale liberalizzazione e diversificazione dell’economia e si propone di aumentare il grado di apertura internazionale e l’attrattività del mondo degli affari saudita. 
Il piano è ambizioso, anche in considerazione dell’orizzonte temporale di attuazione, che è di 14 anni da oggi. Si tratta di un quadro di riforme che dovrà condurre l’Arabia Saudita da un’economia basata sul greggio e sul settore pubblico, a un’economia attiva e dinamica, competitiva a livello internazionale. Per sviluppare gli investimenti nel settore non petrolifero nascerà un fondo sovrano e una serie di privatizzazioni coinvolgeranno alcune società pubbliche, prima fra tutte la compagnia petrolifera di stato, la Aramco (sarà trasformata in una holding e una quota del 5% sarà messa sul mercato).
Il settore privato giocherà un ruolo fondamentale. Al fine di attirare gli investimenti stranieri, verranno probabilmente concessi incentivi fiscali e, soprattutto, verrà attuata una netta semplificazione legislativa e burocratica. Il settore finanziario, già liberalizzato nel giugno 2015, sarà ulteriormente stimolato vista l’intenzione di trasformare il Financial District di Riyadh in una piazza finanziaria di livello mondiale.

Le opportunità di business per le imprese italiane

L'Arabia Saudita è, dopo gli Emirati Arabi, il secondo mercato di destinazione delle esportazioni italiane nell’area del Golfo. Il valore del nostro export è quasi raddoppiato negli ultimi sei anni, facendo registrare nei primi 11 mesi del 2015 una crescita del 7,5%. 
Tra i principali prodotti esportati dall’Italia troviamo macchinari e tecnologie, prodotti in metallo e materie plastiche, materiali per l’edilizia, mobili e beni di lusso (gioielli in particolare).

La sfida per le imprese italiane è quella di cogliere le opportunità legate ai grandi investimenti previsti nei comparti industriali e nel settore delle infrastrutture e dell’edilizia, mettendo a disposizione know how, tecnologie, macchinari e apparecchiature. 

Così come il made in Italy può trovare ampi spazi sul mercato saudita intercettando la domanda dei consumatori a più alto potere d’acquisto nei settori dei beni di fascia alta, dai gioielli alla moda, dai mobili e articoli per l’illuminazione ai prodotti alimentari.

Esistono inoltre buone opportunità d’affari per le aziende italiane anche nei settori della logistica, dei trasporti e telecomunicazioni, del turismo, della sanità, delle energie rinnovabili e dell’ambiente, in particolare per la gestione delle risorse idriche. 

I comparti che presentano le maggiori potenzialità sono: 

  • Oil & gas, petrolchimico e impiantistica
  • Minerario e metallurgico
  • Meccanica, automazione ed elettrotecnica
  • Infrastrutture 
  • Logistica e trasporti
  • Salute e medicale 
  • Energie rinnovabili e ambiente (gestione dell’acqua in particolare)
  • Edilizia e materiali da costruzione
  • Arredo-design
  • Agroalimentare
  • Beni di fascia alta del sistema moda-persona: abbigliamento, calzature, gioielleria, cosmetica
  • Turismo e attrezzature horeca
  • ICT, telecomunicazioni e sicurezza.
Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Le imprese di biotecnologie in Italia
Le imprese di biotecnologie in Italia
L’industria biotecnologica italiana si caratterizza per una forte intensità di ricerca e sviluppo con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.
Il turismo europeo di alta gamma
Il turismo europeo di alta gamma
I brand europei di alta gamma detengono il 72% del mercato del lusso mondiale, rappresentano il 10% del valore dell’export totale e generano il 4% del PIL europeo (€ 800 miliardi di fatturato complessivo).
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).