Arabia Saudita: Saudi Vision 2030

di lettura

L'Arabia Saudita è di gran lunga la più importante economia del Medio Oriente, storicamente trainata dalla produzione di petrolio.

Image

Negli ultimi anni il governo saudita ha introdotto una serie di misure volte a sviluppare la struttura economica del Paese. Queste includono una limitata deregolamentazione, l’incoraggiamento agli investimenti stranieri e la privatizzazione di alcuni settori dell'economia.

Istruzione e formazione, turismo, sanità, trasporti, infrastrutture, acqua, agricoltura e servizi municipali sono solo alcuni dei settori considerati prioritari per il governo e che offrono interessanti opportunità d’affari per le imprese straniere.

La Saudi Vision 2030 è una tabella di marcia per sviluppare vari settori industriali diversi da quelli collegati agli idrocarburi che porterà cambiamenti commerciali e sociali di ampio respiro.

Il Programma di Trasformazione Nazionale 2020 (NTP) fa parte dell'attuazione della Saudi Vision 2030 e ha coinvolto 24 enti governativi sauditi. Sono state introdotte numerose riforme, a cominciare dall’informatizzazione finalizzata a ridurre al minimo la burocrazia e a rendere agevole ed attrattivo per gli stranieri investire in Arabia Saudita.

Saudi Vision 2030

La Saudi Vision 2030 definisce un'ampia gamma di obiettivi strategici ed economici volti a ridurre la dipendenza dalla produzione petrolifera e la spesa pubblica.

  • Industria della difesa: il 50% della spesa per le attrezzature militari deve essere localizzato in Arabia Saudita entro il 2030
  • Industria mineraria: da riformare per stimolare una crescita massiccia con obiettivo di 97 miliardi di SAR e 90.000 posti di lavoro
  • Settori non petroliferi: sviluppo dei settori non petroliferi con conseguente riduzione della dipendenza dagli idrocarburi
  • Petrolio e gas: aumentare la localizzazione delle attività collegate al settore, passando dall’attuale 40% al 75%, lo sviluppo di settori di supporto, aumento della produzione di gas con una rete nazionale di distribuzione del gas
  • Investimenti del settore privato: aumento del contributo del settore privato dal 40% al 65% del PIL con particolare attenzione a energia, sanità, alloggi e servizi municipali
  • IPO di Saudi Aramco: quotazione in borsa di un massimo del 5% di Saudi Aramco, la società petrolifera di proprietà del governo, con i proventi derivanti dalla quotazione destinati al Fondo pubblico per gli investimenti ("PIF")
  • Investimenti all'estero: il PIF diventerà un fondo sovrano globale, valutato fino a 3.000 miliardi di dollari
  • Privatizzazioni: un'ampia gamma di attività governative verranno privatizzate
  • Industria dell'energia rinnovabile: da sviluppare con la partecipazione del settore privato
  • Settore della vendita al dettaglio e del commercio: da sviluppare con l'obiettivo di creare un milione di posti di lavoro attraverso l'alleggerimento delle restrizioni agli investimenti stranieri
  • Istruzione: aumentare il coinvolgimento del settore privato con l'obiettivo di aumentare al 6% al 15% la percentuale di studenti con un’istruzione superiore in strutture non governative
  • Settore sanitario: aumentare il contributo del settore privato alla spesa per l'assistenza sanitaria dal 25% al 35%, con una serie di partenariati pubblici e privati
  • Edilizia residenziale (la più grande area di spesa del governo nell'ambito del NTP): creazione di licenze rapide, pacchetti finanziari speciali e partenariati per incoraggiare gli investimenti del settore privato in progetti abitativi e di sviluppo di terreni governativi
  • Commissione reale per Jubail e Yanbu (seconda solo al Ministero dell'Edilizia abitativa per entità di bilancio nell'ambito del NTP): aumento degli investimenti del settore privato e incoraggiamento all’apertura di industrie con l'obiettivo di aumentare il numero di prodotti lavorati e trasformati nel paese
  • Investimenti esteri: aumento degli investimenti esteri diretti da 30 miliardi di SAR a 70 miliardi di SAR e piani per accelerare significativamente i tempi di approvazione degli investimenti stranieri
  • Industria delle telecomunicazioni: sviluppare le infrastrutture e le tecnologie dell'informazione, compresa la banda larga ad alta velocità
  • Trasporti: creazione di un polo logistico regionale con infrastrutture interne e transfrontaliere complete e tra loro collegate.

La Saudi Vision 2030 e il Programma di Trasformazione Nazionale che l'accompagna sono pertanto una lettura essenziale per le società straniere che intendono investire e operare in Arabia Saudita.

Stefano Meani

Analisi di mercato
Trend nei trasporti internazionali 2022
Trend nei trasporti internazionali 2022
I dati che provengono dall'indagine annuale ITF "Trends in the Transport Sector" comprendono informazioni relative al trasporto merci, al trasporto passeggeri e alla sicurezza stradale.
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Il rapporto di Deloitte esplora le tendenze che incidono sul mercato luxury, identifica le 100 maggiori società di beni di lusso e valuta le loro prestazioni nelle varie aree geografiche.
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.