Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022

di lettura

In ottobre il Fondo monetario internazionale ha confermato la previsione di crescita del prodotto mondiale nel 2022, mentre ha ridotto la stima per l’anno prossimo al 2,7 per cento.

Image

Sul quadro gravano molteplici rischi al ribasso connessi con: l’aggravamento delle tensioni geopolitiche, il persistere di elevati livelli di inflazione, l’eventuale adozione di politiche monetarie eccessivamente restrittive e non coordinate, il più brusco rallentamento dell’economia cinese.

Il prezzo del petrolio qualità Brent è sceso a circa 90 dollari il barile nella media di settembre, il livello più contenuto dall’inizio della guerra in Ucraina, risentendo principalmente del peggioramento delle prospettive nelle maggiori economie e del rallentamento della domanda proveniente dalla Cina.

Il prezzo del gas naturale scambiato sul mercato olandese Title Transfer Facility (TTF) ha raggiunto quasi i 340 euro per megawattora alla fine di agosto. Successivamente il prezzo è sceso, fino a poco più di 110 euro il 18 ottobre; alla diminuzione hanno contribuito il rallentamento degli acquisti, conseguente al raggiungimento dell’obiettivo di stoccaggio all’80 per cento suggerito dalla Commissione europea e il calo dei consumi. Il 18 ottobre la Commissione ha proposto nuove misure per contenere i rialzi delle quotazioni. I futures segnalano che il prezzo del gas naturale rimarrà molto elevato per tutto il prossimo anno, anche a causa dei rischi gravanti sulla sicurezza degli approvvigionamenti.

Area dell’euro

L’attività ha segnato un’espansione in tutte le principali economie, in modo marcato in Spagna e in Italia (che hanno beneficiato anche del forte impulso delle attività turistiche e ricreative) e più moderatamente in Francia e in Germania.

L’attività economica nell’area dell’euro avrebbe ristagnato nei mesi estivi, risentendo in particolare degli ulteriori forti rincari delle materie prime energetiche e dell’accresciuta incertezza connessa con il protrarsi della guerra in Ucraina.

ll prodotto crescerà del 3,1 per cento quest’anno, dello 0,9 nel 2023 e dell’1,9 nel 2024. Rispetto allo scorso giugno, le stime sono state riviste al rialzo per il 2022 e al ribasso per i due anni successivi.

L’inflazione al consumo si è portata in settembre al 9,9 per cento. Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha avviato la fase di rialzo dei tassi di riferimento, con due interventi consecutivi nelle riunioni di luglio e di settembre. Secondo le proiezioni degli esperti della BCE pubblicate in settembre, la dinamica dei prezzi nell’area si porterà all’8,1 per cento in media nel 2022, per poi scendere gradualmente nel corso del 2023 e convergere verso un valore di poco superiore all’obiettivo di inflazione nella seconda parte del 2024.

Economia italiana

Nel secondo trimestre il prodotto è aumentato dell’1,1 per cento sul periodo precedente; è stato sostenuto dal ritorno alla crescita dei consumi delle famiglie, grazie anche al miglioramento della situazione epidemiologica, e dall’incremento degli investimenti. In primavera gli investimenti ‒ trainati dalla spesa in impianti e macchinari e da quella in costruzioni ‒ hanno continuato a crescere (1,1 per cento sul periodo precedente), sebbene a un tasso più contenuto rispetto al primo trimestre.

Per tenere conto dell’incertezza internazionale, Banca d’Italia ha formulato uno scenario di base e uno avverso.

  • Nello scenario di base si ipotizza che i flussi di gas dalla Russia verso il nostro paese rimangano sui livelli osservati negli ultimi mesi e che i prezzi delle materie prime siano coerenti con quelli desumibili dai recenti contratti futures. Il PIL aumenterebbe del 3,3 per cento nel 2022, dello 0,3 nel 2023 e dell’1,4 per cento nel 2024. L’inflazione al consumo sarebbe pari all’8,5 per cento nella media di quest’anno e si manterrebbe elevata nel prossimo, al 6,5 per cento, per poi scendere sensibilmente nel 2024, quando si collocherebbe poco al di sopra del 2 per cento.
  • Nello scenario avverso – che presuppone un arresto delle forniture di gas russo dall’ultimo trimestre del 2022, un ulteriore rincaro dell’energia e un più forte rallentamento del commercio mondiale – il PIL si espanderebbe del 3 per cento quest’anno, si contrarrebbe di oltre l’1,5 nel 2023 e tornerebbe a crescere moderatamente nel 2024. L’inflazione, lievemente più elevata nell’anno in corso rispetto allo scenario di base, continuerebbe a salire anche il prossimo anno, superando il 9 per cento, per poi scendere in maniera decisa nel 2024.

Scambi con l’estero e bilancia dei pagamenti

Le esportazioni in volume sono di nuovo aumentate nel secondo trimestre, sospinte sia dalla componente dei beni sia, in misura più intensa, da quella dei servizi; nel bimestre luglio-agosto le vendite all’estero di beni hanno lievemente rallentato.

Le vendite di beni in volume, dopo essere fortemente aumentate nel primo trimestre, sono cresciute nel secondo dell’1,5 per cento. La dinamica positiva ha interessato principalmente i mercati dell’area dell’euro. Dal punto di vista settoriale, è stato diffuso alla maggior parte dei comparti; vi hanno contribuito in special modo i petroliferi raffinati e la farmaceutica. Le esportazioni di servizi sono cresciute, per effetto soprattutto della ripresa del turismo internazionale.

Export Italia ottobre 2022

È proseguito il forte peggioramento del saldo di conto corrente, in atto dalla seconda metà del 2021, a causa dell’ulteriore ampliamento del deficit energetico. Nei primi otto mesi del 2022 il saldo è diventato negativo per 12,9 miliardi di euro, contro un surplus di 43,5 nello stesso periodo dello scorso anno.

Fonte: Banca d’Italia (Bollettino economico - 21 ottobre 2022)

Analisi di mercato
Trend nei trasporti internazionali 2022
Trend nei trasporti internazionali 2022
I dati che provengono dall'indagine annuale ITF "Trends in the Transport Sector" comprendono informazioni relative al trasporto merci, al trasporto passeggeri e alla sicurezza stradale.
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Il rapporto di Deloitte esplora le tendenze che incidono sul mercato luxury, identifica le 100 maggiori società di beni di lusso e valuta le loro prestazioni nelle varie aree geografiche.
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.