Brasile: Settore infrastrutture e costruzioni

di lettura

Nell'articolo, in collaborazione con Sace,  focus sulle opportunità di investimento per il settore infrastrutture e costruzioni in Brasile.

Brasile: Settore infrastrutture e costruzioni

Gli investimenti diretti esteri nelle infrastrutture ammontavano a USD 11,7 mld nei primi 4 mesi del 2017 da USD 1,9 mld nello stesso periodo del 2016. L’acquisizione degli asset brasiliani è prerogativa soprattutto degli investitori cinesi e istituzionali, attratti dai bassi prezzi e dalle prospettive di lungo periodo, in particolare dei segmenti trasporto, water e power.

Una spinta positiva al settore potrebbe provenire dal nuovo programma governativo di lavori pubblici, Avançar, che prevede uno stanziamento di BRL 50 mld per le infrastrutture, al fine di stimolare l’intera economia e generare nuovi posti di lavoro.

Il comparto delle infrastrutture di trasporto assorbirà la gran parte dei fondi pubblici stanziati (il 40%), con l’individuazione di circa 50 progetti potenzialmente beneficiari.

Un altro impatto a favore della crescita del settore potrebbe materializzarsi con forza a partire dal 2019 grazie al programma di concessioni, Projeto Crescer, che ha già attirato grande interesse degli investitori privati nei settori aeroportuale, portuale ed energetico.

Tuttavia, il modello ha riguardato a oggi principalmente progetti brownfield e non è ancora stato testato nei segmenti più rischiosi, tra cui quello autostradale e ferroviario, che hanno tipicamente ritorni meno attrattivi per gli investitori e sono in genere dominati dagli operatori domestici. Nonostante i primi riscontri positivi di Crescer, gli effetti benefici delle concessioni sul settore brasiliano delle costruzioni potrebbero materializzarsi a distanza di molti anni.

Opportunità d'affari

Secondo BMI il settore presenta alcuni elementi di opportunità:

  • Investimenti importanti nel settore aeroportuale del paese, con un programma di concessioni volto a portare operatori privati nel settore
  • Il governo ha aperto i porti pubblici del Brasile al settore privato, attraendo grande interesse
  • Il Presidente Temer ha istituito il IPP (Programa de Parcerias de Investimentos ) per coordinare gli investimenti infrastrutturali in Brasile. Nell’ambito dell’IPP, un nuovo programma di concessioni, Projeto Crescer, è stato avviato. Il programma è già stato ampliato due volte dal suo lancio, con recente aggiunta di 57 asset nell’agosto 2017.
  • I piani per permettere rinnovi anticipati di concessioni, così come la possibilità di restituire concessioni sotto performanti sono volti ad incrementare la capital expenditure negli assets
  • Miglioramenti alle procedure e norme relative alle gare per assegnazione delle concessioni includono la pubblicazione dei documenti sia in inglese che in portoghese, assicurando che i permessi ambientali siano assicurati prima dell’asta ed estendendo il periodo per presentazione delle offerte
  • Potenziale per un nuovo pacchetto di stimoli per le infrastrutture da avviare nella seconda metà del 2017 chiamato “Advance” mirato a fornire investimenti pubblici in progetti edili da avviarsi nel 2017 e 2018.

Partnership pubblico-privata per gli investimenti 

Nel 2016 è stato creato il Programa de Parcerias de Investimentos (IPP - Programma di Partnership degli Investimenti), al fine di promuovere gli investimenti nel Paese rendendo più agile la legislazione delle concessioni e garantire sicurezza giuridica ai partner privati.

Il nuovo programma di concessioni prevede impegni in molteplici progetti nei settori elettrico, oil & gas, reti viarie, porti e aeroporti. Le prime concessioni hanno visto l’assegnazione a tre gruppi europei della gestione di 4 aeroporti (Salvador, Fortaleza, Porto Alegre e Florianopolis) per un valore di 1,2 miliardi d dollari.

Al fine di garantire maggiore trasparenza e certezza del diritto sono state definite 10 linee guida. Tra i principali provvedimenti:

  • tutti i bandi di gara saranno pubblicati in portoghese e inglese
  •  il termine minimo tra la notifica della gara e la presentazione dell’offerta sarà di 100 giorni
  •  le concessioni saranno date solo ai progetti che hanno ottenuto la conformità ambientale
  • cambierà il modello del finanziamento a medio-lungo termine (si riduce il ruolo della banca pubblica di sviluppo locale, Bndes)
Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.