Casa e arredo: i mercati trainanti la domanda mondiale nei primi 9 mesi del 2015

di lettura

In base alle informazioni disponibili nel Sistema Informativo Ulisse1, nei primi nove mesi 2015 la domanda mondiale di Casa e Arredo 2 – misurata in termini di importazioni – ha registrato una crescita nei valori in euro del +13,3% rispetto ai primi nove mesi 2014. 

Casa e arredo: i mercati trainanti la domanda mondiale nei primi 9 mesi del 2015

In un simile contesto, gli Stati Uniti sono risultati di gran lunga il principale mercato trainante, con un incremento delle importazioni di Casa e Arredo nel periodo gennaio-settembre 2015 di +31.6 miliardi di euro rispetto al corrispondente periodo 2014 (pari ad un aumento tendenziale del 30.3% in euro). 

Alle sue spalle si posizionano i mercati di Cina (+5.6 miliardi di euro tendenziali nelle importazioni di Casa e Arredo, pari ad un aumento del 19.2% in euro), Regno Unito (+4.3 miliardi di euro, pari ad un aumento del 15.2%), Messico (+3.9 miliardi di euro, pari ad un incremento del 29.8%) e Canada (+2.8 miliardi di euro, pari al +13.5%).

Per quanto riguarda l’area asiatica, si segnalano, inoltre, le favorevoli performance delle importazioni settoriali di Corea del Sud (+2.4 miliardi di euro, pari al +20.7%), India (+1.8 miliardi di euro, pari ad un aumento del 27.6%) e, in misura minore, Giappone (+1.5 miliardi di euro, pari al +5.5%), rispettivamente al 6 °, 7° e al 9 ° posto per incrementi tendenziali nei primi nove mesi 2015.

Vanno infine evidenziati i positivi andamenti del mercato spagnolo (+1.5 miliardi di euro, pari al +13.4%) e del mercato australiano (+1.5 miliardi di euro, pari al +2.7%) , rispettivamente all’8° e al 10° posto nella graduatoria dei top mercati trainanti la domanda mondiale di Casa e Arredo nei primi tre trimestri del 2015.

 

Il macro-settore “Casa e Arredo” qui considerato ricomprende le seguenti industrie: Beni intermedi in carta e in legno, Beni intermedi in minerali non metalliferi, Beni e prodotti per le costruzioni, Prodotti finiti per la casa.

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Analisi di mercato
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
Secondo un'analisi Coldiretti dei dati Istat relativi al commercio estero di gennaio 2021, le esportazioni Made in Italy nel Regno Unito sono crollate del 38,3% per effetto degli ostacoli burocratici e amministrativi.
Censis: Reinventare il turismo
Censis: Reinventare il turismo
Il quarto numero del “Diario della transizione” curato dal Censis è dedicato al settore del turismo, uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria.
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.