Casa e Arredo: i mercati trainanti e frenanti la domanda mondiale nel primo trimestre 2016

di lettura

Secondo il Sistema Informativo Ulisse, nel primo trimestre 2016 la domanda mondiale di Casa e Arredo – misurata in termini di importazioni del campione di paesi Ulisse – ha registrato una crescita nei valori in euro del +5.4% rispetto al primo trimestre 2015 (+10,7 miliardi di euro).

Image

Variazione importazioni Gen-Mar 2016 vs Gen-Mar 2015 (milioni di euro)

CASA E ARREDO: top 10 mercati mondiali per incrementi tendenziali import Gennaio- Settembre 2015 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) 

In un simile contesto, gli Stati Uniti sono risultati di gran lunga il principale mercato trainante, con un incremento delle importazioni di Casa e Arredo nel periodo gennaio-marzo 2016 di +5.3 miliardi di euro rispetto al corrispondente periodo 2015 (pari ad un aumento tendenziale del +13.2% in euro). 

Alle loro spalle si posizionano i mercati di Germania (+863.6 milioni di euro tendenziali nelle importazioni di Casa e Arredo, pari ad un aumento del +5.2% in euro) e Francia (+555.8 milioni di euro, pari ad un aumento del +5.5%).

Altri mercati europei presenti nella graduatoria dei top mercati trainanti la domanda mondiale di Casa e Arredo si trovano la Repubblica Ceca (+352 milioni di euro, pari al +15.4%, nei primi tre mesi del 2016 rispetto al corrispondente periodo 2015) e Russia (+249.1 milioni di euro, pari al +8.7%), rispettivamente in 6a e 10a posizione.
 

Per quanto riguarda l’area asiatica, si segnalano le performance positive nei valori tendenziali delle importazioni settoriali di Cina (+489.9 milioni di euro, pari ad un incremento del +5.4%, rispetto al primo trimestre 2015). Corea del Sud (+279.2 milioni di euro, pari al +6.4%) e Filippine (+254.1 milioni di euro, pari ad un aumento del +43.8%), rispettivamente al 4°, 8 °e al 9 ° posto per incrementi tendenziali nel primo trimestre 2016. 

Variazione importazioni Gen-Mar 2016 vs Gen-Mar 2015 (milioni di euro)


CASA E ARREDO: worst 10 mercati mondiali per cali tendenziali import Gennaio- Marzo 2016 (fonte: Sistema Informativo Ulisse)

Di converso, il principale mercato frenante la domanda mondiale nel primo trimestre 2016 è risultato il Brasile (-645.3 milioni di euro nelle importazioni di Casa e Arredo, pari ad un calo tendenziale del -36.6%). Al secondo posto, si segnala come mercato in fase di calo tendenziale quello canadese (-333.3 milioni di euro nelle importazioni di Casa e Arredo nel periodo gennaio-marzo 2016 rispetto al corrispondente periodo 2015, pari al -4.5%).

A seguire, rispettivamente al 3°, 4° e 5° posto della classifica dei mercati che hanno offerto i contributi più negativi alla domanda mondiale di Casa e Arredo nel primo trimestre 2016 rispetto al medesimo periodo del 2015, si posizionano Turchia, che registra una diminuzione di -284.4 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2015, pari al -11%, Giappone (-259.3 milioni di euro, pari ad un calo del -2.7%) e Norvegia (-181.8 milioni di euro, pari al-9.2%).

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).