Che export tira? Scopri i dati di maggio

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Che export tira? Scopri i dati di maggio

Esportazioni italiane di beni nel mondo

A maggio l’export italiano è diminuito dello 0,8% in termini tendenziali. La performance dei primi cinque mesi rimane positiva (+3%) ma inferiore al 2017 per tre ragioni principali: i) rallentamento temporaneo dell’ area euro – soft patch; ii) calo della fiducia di imprese e consumatori a causa del timore di un inasprimento delle tensioni commerciali; iii) effetti statistici di base legati al significativo incremento delle esportazioni italiane osservato nell’anno precedente.

Il quadro congiunturale

Nel trimestre marzo-maggio l’export italiano è in flessione dello 0,7% rispetto al periodo dicembre-febbraio. In calo anche le vendite all’estero di maggio rispetto ad aprile (-1,6%).
 

Dentro e fuori l'UE

Sono i Paesi Ue a sostenere l’export italiano nel 2018 (+4,9%), con buoni risultati sia nell’Est-Europa (Polonia, Rep. Ceca – circa +10%) sia nei mercati tradizionali (Germania, Francia – circa +4,5%). Stabile UK (+0,6%)

 

 

 

Con un modesto +0,6%, l’area extra Ue frena la crescita dell’export. Male Opec e Mena. In controtendenza l’India (+16,1%). Usa chiudono a +1,1%.


 

 

Le vendite verso i Paesi del Mercosur avanzano al ritmo del 6,3% con il forte contributo di farmaceutica,
meccanica strumentale e apparecchi elettrici. Tali settori, insieme a chimica, metallurgia e gomma e plastica trainano l’export verso la Spagna (+3,9%). Dopo la straordinaria performance del 2017, le esportazioni in Cina sono in calo dello 0,5%, principalmente a causa della flessione nel comparto automotive; significativo invece l’aumento delle vendite verso Pechino di meccanica strumentale (+7%).

 

Esportazioni italiane di beni
 

Sono i beni intermedi a crescere al tasso più elevato (+4,8%), seguiti dai beni di consumo (+3,3%). I beni strumentali chiudono invece i primi cinque mesi con un modesto +1,1%.
Tra i beni di consumo, i non durevoli hanno fatto segnare la performance migliore (+3,8%); i beni durevoli hanno invece registrato un incremento dell’1,2%.

L’export di alimentari e bevande (+4,9%) cresce nei Paesi a Est della Penisola e anche in geografie in cui, complessivamente, le vendite Made in Italy sono in flessione: è il caso, ad esempio, della Russia (+13,1) e della Turchia (+7,3%).
Dopo un 2017 oltre le attese (+11,3%), il comparto autoveicoli è in calo del 4,5%, a causa della flessione nell’area extra-Ue (-10%). In controtendenza Usa (+10,7%) e India (+34,2%). Pur se a un tasso più moderato rispetto al 2017, la farmaceutica si conferma tra i settori più dinamici (+4,7%), specie in Usa, Cina e Paesi Asean.

Analisi di mercato
Lettonia: Potenzialità vendite per prodotti di fascia alta
Lettonia: import prodotti di fascia alta Secondo l’analisi di StudiaBo sulle importazioni del mercato lettone per fasce di prezzo, si documentano le seguenti opportunità sui ...
Che export tira? Scopri i dati di luglio
Che export tira? Scopri i dati di luglio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a luglio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Un anno dopo: l'effetto del CETA sulle esportazioni UE
Un anno dopo: l'effetto del CETA sulle esportazioni UE A quasi un anno dall’entrata in vigore provvisoria del CETA, il trattato di libero scambio tra UE e Canada che ha rimosso il 98% delle tariffe ...
Agroalimentare: Germania e Polonia mercati trainanti nel I semestre 2018
Agroalimentare: Germania e Polonia mercati trainanti Germania e Polonia, i mercati che  evidenziano diffuse performance favorevoli del made in Italy agroalimentare nel I semestre 2018.
Meccanica: le potenzialità per le imprese italiane nel mondo
Meccanica: le potenzialità per le imprese italiane nel mondo L’export Italia di meccanica varia ha raggiunto un nuovo massimo, ma è solo al 10° posto tra i paesi competitori di fascia alta.
Che export tira? Scopri i dati di giugno
Che export tira? Scopri i dati di giugno Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a giugno 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Sistema salute: cresce la domanda mondiale nel 2° trimestre 2018
Sistema salute: cresce la domanda mondiale Il ritmo di crescita dell'import mondiale si conferma a due cifre (+11.6% in quantità), con le vendite Italia best performer.
Il Made in Italy prospera nel gigante indiano: quando perseverare non è diabolico
Il Made in Italy prospera nel gigante indiano L’incremento dell’export italiano verso New Delhi osservato nel 2017 (+9,3%) rappresentava già un chiaro segnale di un mercato con prospettive molto interessanti per le nostre imprese esportatrici.
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.