Che export tira? Scopri i dati di novembre

di lettura

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a novembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Che export tira? Scopri i dati di novembre

Esportazioni italiane di beni nel mondo

 

A novembre l’export italiano di beni è aumentato dell’1% in termini tendenziali. Il risultato porta la media dei primi 11 mesi al 3,5% (in lieve calo rispetto al 3,8% dei primi 10). Se il ritmo di crescita fosse confermato dal dato di dicembre, le esportazioni italiane raggiungerebbero i 465 miliardi di euro nel 2018 (contro i 449 dell’anno precedente).

Il quadro congiunturale

Nel trimestre settembre-novembre l’export italiano ha registrato una lieve flessione (-0,5%) rispetto ai tre mesi precedenti. A novembre il calo è stato dello 0,4% rispetto a ottobre.

Dentro e fuori l'UE

L’area Ue continua a mostrare la maggiore dinamicità (+4,4%), con Polonia (+7,4%) e Rep. Ceca (+7%) a fare da traino. Più moderata, ma positiva la crescita in Germania (+4,1%) e Francia (+4,4%).

 

Nell’area extra-Ue (+2,4%) bene Africa Subsahariana e Nord America; male il Medio Oriente; in Asia, l’India com-pensa i lievi segni meno di Giappone e Cina; +1,5% in America Latina.

 

 

L’export verso gli Stati Uniti (+6,2%) aumenta ben oltre la media nazionale grazie al traino dei settori legno, mobili e chimica-farmaceutica. Questo ultimo settore traina anche le vendite italiane nei Paesi Bassi (+12,1%), dove tuttavia le statistiche catturano anche le merci che transitano per il porto di Rotterdam. La questione Brexit ha avuto un impatto sulla crescita del Pil del Regno Unito (1,4% nel 2018, la più bassa dal 2012) e di conseguenza anche sulla sua domanda di beni. Ciò in parte spiega la modesta performance delle vendite di beni Made in Italy verso Londra (0,8%).

Le vendite all’estero del raggruppamento dei  beni intermedi registrano l’incremento più significativo (+4,7%). L’export dei beni di consumo invece si assesta al +3,5%, grazie principalmente al contributo dei non durevoli (+4%); i durevoli avanzano invece dell’ 1,2%. Più moderata invece la crescita dei beni strumentali: +1,8%.

Le vendite nel settore della metallurgia (+5,7%) sono principalmente trainate dai mercati dell’Unione europea (in primis Austria, Germania e Repubblica Ceca). È invece l’area extra-Ue a sorreggere l’export di tessile e abbigliamento, con incrementi di circa il 20% in Cina e del 10% in India. Romania, Polonia e Paesi Asean hanno garantito la maggior crescita agli esportatori di alimentari e bevande.
Raffinati (+12%), farmaceutica (+8%), elettronica (+7,2%) e mezzi di trasporto - autoveicoli esclusi (+6,3%) sono infine i settori «top performer».

A cura di Ufficio studi

Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE - SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Accordo di partneriato tra l’Unione europea e Singapore
Accordo di partneriato tra Unione europea e Singapore Il 21 novembre è entrato in vigore l’accordo commerciale tra l’UE e la Repubblica di Singapore approvato dal parlamento europeo lo scorso 8 novembre 2019. Nell'articolo i contenuti dell'accordo e i vantaggi che ne derivano per gli scambi commerciali.
Commercio mondiale di Alimentare in sostenuta crescita anche nel 2° trimestre 2019
Alimentare: commercio mondiale in crescita nel 2° trimestre 2019 Il raffreddamento del commercio internazionale non ha finora coinvolto l'industria dell'alimentare confezionato e delle bevande. Stati Uniti, Germania e Cina i mercati trainanti a livello mondiale.
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane Il governo thailandese ha fissato un obiettivo molto ambizioso: entro la fine del 2022, dovranno essere individuate 100 smart cities in 77 provincie del paese. Scopri nell’articolo le opportunità per le imprese italiane.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad agosto 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le performance dell'Export Agroalimentare Italiano nel 1° semestre 2019
Le performance dell'export agroalimentare italiano nel 1° semestre 2019 Nel primo semestre 2019 le esportazioni italiane del comparto agroalimentare (+7% tendenziale cumulato nei valori in euro) hanno confermato performance più favorevoli della media manifatturiera (che sta viaggiando, invece, ad un ritmo inferiore al +3%).
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano Il secondo trimestre dell'anno ha confermato le performance particolarmente favorevoli delle vendite europee ed italiane.
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur (mercato comune dell'America meridionale, ne fanno parte in qualità di Stati membri: Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay.
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.