Chinese Luxury Consumer Survey 2014

La Chinese Luxury Consumer Survey 2014 analizza le  preferenze dei ricchi cinesi che hanno acquistato, nel 2013, il 47% dei beni di lusso venduti in tutto il mondo.

Chinese Luxury Consumer Survey 2014

Una recente ricerca del Fortune Character Institute di Shanghai,  evidenzia che nel 2013 i cinesi hanno speso 102 miliardi di dollari in beni di lusso (su un totale mondiale di 217 miliardi).

I cinesi amano comprare vestiti, scarpe, borse, gioielli e orologi durante i loro sempre più frequenti viaggi all'estero, in particolare a New York, Parigi, Tokyo, Milano e Roma.

Secondo Global Blue, i cinesi valgono da soli il 21% del mercato italiano del Tax Free Shopping e hanno registrato una crescita del 20% nel 2013. Milano è in cima alle preferenze dei globe shopper cinesi, Roma conquista il 17% degli acquisti tax free e vede una crescita del 14% nell’ultimo anno.

L’Hurun Research Institute ha pubblicato un'analisi sui brand più apprezzati in Cina e i risultati di un’indagine sulle abitudini dei consumatori del lusso cinese.

  • Tra i marchi preferiti dagli uomini cinesi, per la prima volta Louis Vuitton perde il primo posto in classifica, superato da  Hermès e da Apple. Seguono Chanel, Gucci, Cartier, Prada, Montblanc, Giorgio Armani, Burberry, Bottega Veneta, Longines, Zegna, Maotai (unico brand cinese nei primi posti) e Bulgari.
  • Chanel continua ad essere il marchio preferito dalle donne cinesi. Seguono Louis Vuitton, Apple, Hermès, Gucci, Dior, Cartier, Prada, Giorgio Armani, Bulgari, Bottega Veneta, Fendi, Tiffany e Salvatore Ferragamo.

Tra i regali di lusso (sotto i 20.000 RMB) gli uomini preferiscono il vino rosso, gli orologi (che amano collezionare), i prodotti elettronici. Le donne invece gradiscono ricevere gioielli, prodotti per la cura del corpo, travel voucher.

Chinese Luxury Consumer Survey 2014

L’indagine è stata condotta da Hurun Research tra Maggio e novembre 2013. Sono stati intervistati  393 milionari cinesi (con ricchezza personale superiore a 1,2 milioni di euro). Tra questi, compaiono 41 ‘super-ricchi’ con patrimonio superiore ai 12 milioni di euro.

L’età media degli intervistati è 38 anni. Provengono da 23 differenti province, con Shanghai, Beijing e Guangzhou che rappresentano il 60%.

Rispetto a 5 anni fa cresce l’interesse per la salute: i non fumatori sono oggi il 61% (erano il 40% cinque anni fa) e il 40% non beve (erano il 20% cinque anni fa). Il nuoto e il golf gli sport più praticati dagli uomini, lo Yoga dalle donne.

Viaggiare è l’attività ricreativa preferita. Le destinazioni più richieste sono:

  • Australia, Francia, Svizzera e Maldive all’estero
  • Sanya, Hong Kong, Tibet e Macau le destinazioni domestiche.

Quasi il 60% dei ricchi cinesi è interessato all’acquisto di una casa per le vacanze (+% rispetto allo scorso anno).

I milionari cinesi preferiscono mandare i propri figli a studiare all’estero (nel Regno Unito all’Università, negli USA per la specializzazione post laurea).

Internet è la principale fonte di informazione, prima della stampa tradizionale e della TV.

KPMG per l'Asia-Pacifico ha condotto un sondaggio sulle vendite online del luxury in Cina presso 10.200 consumatori che hanno speso almeno 1.400 yuan (166 euro) nell'acquisto di un prodotto che considerano di "alto lusso". La maggior parte degli acquisti viene fatta attraverso siti locali di commercio online, come Tmall e Taobao. Gli analisti KPMG consigliano ai grandi marchi occidentali di costruire al più presto "piattaforme" per la vendita diretta su Internet.

Fonte: Hurun Research Institute

Enrico Forzato

Tag
Analisi di mercato
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.
Croazia: import prodotti di fascia alta
Croazia: import prodotti di fascia alta Secondo l’analisi di StudiaBo-Promos Milano realizzato per Tribuna Economica sulle importazioni del mercato croato per fasce di prezzo, si ...
Elezioni Usa alle porte. Quali scenari?
Elezioni Usa midterm: quali scenari? “It’s the economy, stupid!”: si tratta di uno dei famosi slogan che permise a Bill Clinton di prevalere su George Bush senior alle presidenziali del ’92.
Sistema Salute: cresce l'export nel 3° trimestre 2018
Sistema Salute: cresce l'export nel 3° trimestre 2018 Nell’ultimo trimestre +17.7% tendenziale in euro, confermandosi su livelli di massimo assoluto. Continua la crescita con tassi a due cifre delle importazioni USA.
USA, Canada e Messico: Dal 1° dicembre al via l'accordo trilaterale
USA, Canada e Messico: Dal 1° dicembre al via l'accordo trilaterale Dopo 13 mesi di negoziati, gli Stati Uniti, il Messico e il Canada hanno concluso l'accordo Stati Uniti, Messico, Canada (USMCA) progettato per sostituire l'accordo di libero scambio nordamericano del quarto di secolo (NAFTA).
La Moda made in Italy e i mercati internazionali
La moda made in Italy e i mercati internazionali Nel 3° trimestre dell’anno raggiunto un nuovo punto di massimo delle esportazioni italiane di prodotti finiti per la persona.
Che export tira? Scopri i dati di agosto
Che export tira? Scopri i dati di agosto Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad agosto 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Albania: import prodotti di fascia alta
Albania: import prodotti di fascia alta Secondo l’analisi di StudiaBo sulle importazioni del mercato albanese per fasce di prezzo, si documentano le seguenti opportunità sui ...
Aumentano le importazioni USA di alimentari e bevande
Aumentano le importazioni USA di alimentari e bevande Le vendite dall'Italia verso gli Stati Uniti confermano livelli di massimo anche se con una leggera perdita di quota rispetto al 2017.