Come cresce l'export agroalimentare italiano

di lettura

Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.

L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020

In particolare, le vendite italiane all'estero di beni alimentari intermedi e finali non confezionati sono aumentate l'anno scorso di oltre 260 milioni di euro, arrivando a superare i 9.5 miliardi di euro su base annua; ancora meglio hanno fatto le esportazioni italiane di alimentari confezionati e bevande, che nel 2017 sono cresciute di quasi 2.5 miliardi di euro, portando il consuntivo annuo a superare quota 28 miliardi di euro.

L'obiettivo programmatico della Cabina di Regia per l'internazionalizzazione di raggiungere entro il 2020 un valore dell'export agroalimentare tricolore pari a 50 miliardi di euro richiederebbe, tuttavia, per essere raggiunto, un'ulteriore accelerazione del ritmo di crescita rispetto al 2017, con una variazione medio annua nel periodo 2018-2020 di almeno il 10% nei valori in euro. Una tale performance potrebbe essere raggiunta (o almeno avvicinata) qualora si riuscisse da parte delle imprese agroalimentari italiane a cogliere maggiormente le opportunità di crescita sui segmenti premium-price (in virtù di elementi e caratteristiche di differenziazione qualitativa dell'offerta made in Italy), consentendo pertanto un aumento dei fatturati esteri non solo tramite un incremento dei volumi (e possibilmente delle quote di mercato), ma anche dei prezzi medi spuntabili sui mercati internazionali.

I principali esportatori mondiali del settore sui segmenti premium

L'analisi per fasce di prezzo del commercio internazionale di prodotti agroalimentari, disponibile nel Sistema Informativo Ulisse, documenta, infatti, un posizionamento delle esportazioni italiane sicuramente migliorabile, alla luce degli elementi di qualità intrinseca, della tradizione eno-gastronomica e del sentiment tipicamente positivo associato allo stile di vita italiano. 

Nel 2017, secondo le prestime StudiaBo, l'export italiano di prodotti agroalimentari si posiziona alle spalle della Francia, leader mondiale nell'export agroalimentare sia nella fascia alta che in quella medio-alta: in particolare, nella fascia alta di prezzo le vendite italiane - pari a 4.8 miliardi di euro nel 2017 - risultano inferiori, oltre che a quelle francesi (10.4 miliardi di euro nel 2017), anche a quelle svizzere (6 miliardi di euro); nella fascia medio-alta le esportazioni agroalimentari italiane - l'anno scorso pari a 7.3 miliardi di euro - risultano inferiori di circa 1.3 miliardi a quelle francesi (e solamente di 400 milioni superiori alle esportazioni tedesche).

Mercati "ricchi": Stati Uniti, Germania e Francia ai primi 3 posti

La graduatoria dei mercati mondiali con le maggiori opportunità premium-price evidenzia la rilevanza assoluta di Stati Uniti e Germania, che collezionano rispettivamente 5 e 2 primi posti.
La Francia è un altro mercato particolarmente rilevante per valore delle importazioni di fascia alta e medio-alta di prezzo, con tre secondi posti e un terzo posto in graduatoria.
Regno Unito e Giappone (al netto di possibili difficoltà di accesso al mercato, in conseguenza - nel primo caso - degli effetti a breve/medio termine di Brexit e - nel secondo - di un sistema distributivo poco penetrabile dalle imprese estere) si collocano in buona posizione, soprattutto con riferimento ai settori bevande alcoliche e biscotti e prodotti da forno nel caso del mercato britannico e carne e pesce lavorati e confezionati nel caso del mercato giapponese.

Mercati "nuovi ricchi": Hong Kong, Singapore, Cina, Korea

La top-10 dei mercati mondiali con le maggiori opportunità premium-price di agroalimentare evidenzia, inoltre, il posizionamento rilevante di Hong Kong, al quarto posto al mondo per importazioni 2017 di fascia alta e medio-alta di prezzo nei settori carne e pesce lavorati e confezionati, bevande alcoliche e confectionery (zucchero, cioccolata, dolciumi, gelati).

Si segnala, inoltre, la rilevanza in graduatoria di Singapore, al secondo posto assoluto per importazioni premium di bevande alcoliche. In entrambi i casi il valore elevato dei flussi appare riconducibile non tanto (o almeno non solo) a fabbisogni di consumo interno, ma soprattutto al ruolo di hub logistici per i mercati del Far East asiatico e dell'area ASEAN. E' peraltro utile sottolineare come questo suggerisca per una impresa italiana del settore di rivolgere l'attenzione a queste due "porte d'ingresso" ai mercati asiatici per l'offerta di prodotti ad alto contenuto qualitativo.
Non ultimo, va sottolineata la rilevanza che riveste già il mercato cinese, al secondo posto del ranking mondiale nel settore carne e pesce lavorati e confezionati, al quarto posto nell'aggregato altro agroalimentare (in virtù del secondo posto assoluto nel settore tè e caffè confezionato e con buoni piazzamenti nei settori ortaggi e frutta lavorati e confezionati e riso, pasta e farina confezionati) e al quinto posto nei settori bevande alcoliche e biscotti e prodotti da forno. 
Tra i mercati asiatici, si segnalano, infine, i buoni piazzamenti di Sud Corea (con un ottavo e un nono posto in graduatoria) e Vietnam (in nona posizione nel ranking mercati premium-price di bevande alcoliche); tra quelli del Medio-Oriente il posizionamento nella top-10 mercati dell'Arabia Saudita per carne e pesce lavorati e confezionati e biscotti e prodotti da forno, e dell'Iran (grazie al primo posto assoluto nel settore riso, pasta e farina confezionati).

Marcello Antonioni

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.