Alimentare: commercio mondiale in crescita nel 2° trimestre 2019

di lettura

Il raffreddamento del commercio internazionale non ha finora coinvolto l'industria dell'alimentare confezionato e delle bevande. Stati Uniti, Germania e Cina i mercati trainanti a livello mondiale.

Commercio mondiale di Alimentare in sostenuta crescita anche nel 2° trimestre 2019

In base alle pre-stime formulate da StudiaBo, nel secondo trimestre 2019 il commercio mondiale di Alimentare confezionato e Bevande ha segnato un aumento tendenziale del +4.1% a prezzi costanti, anche leggermente più dinamico del trimestre precedente e soprattutto confermandosi in fase di ininterotta crescita ormai da inizio decennio. Si tratta, anche nel trimestre più recente, di una performance più favorevole della media dei beni manufatti, per i quali il commercio mondiale ha evidenziato una crescita tendenziale a prezzi costanti inferiore ai 2 punti percentuali.

Come documentato nel modulo MarketBarometer, nel secondo trimestre dell'anno le vendite mondiali di Alimentare confezionato e Bevande hanno toccato un punto di massimo assoluto nei valori destagionalizzati in euro.

Mercato Stati Uniti

I maggiori contributi alla crescita delle vendite mondiali evidenziati nel periodo più recente sono, ancora una volta, riconducibili al mercato statunitense, che ha visto proseguire la fase di robusta crescita in atto da numerosi trimestri, segnando nel periodo più recente un nuovo aumento tendenziale a due cifre nei tassi di variazione in euro. Si conferma la buona performance anche delle vendite dall'Italia, anche se meno brillante di quella delle vendite francesi e messicane (best-performer sul mercato USA nel primo semestre 2019, insieme alle vendite da Thailandia e Regno Unito), a fronte invece del forte calo delle vendite cinesi.

Mercato Germania

Il mercato tedesco figura al secondo posto per contributi alla crescita delle vendite mondiali di Alimentare confezionato e Bevande nel secondo trimestre dell'anno. In particolare, nel periodo più recente le vendite dal mondo di Alimentare confezionato e Bevande verso la Germania hanno segnato un incremento tendenziale del +8% nei valori in euro. Nel complesso del primo semestre dell'anno, le vendite dall'Italia mostrano andamenti positivi, vicini a quelli delle vendite austriache (best-performer sul mercato tedesco nel primo semestre 2019), a fronte invece del calo delle vendite spagnole.

Mercato Cina

Anche il mercato cinese di Alimentare confezionato e Bevande risulta in accelerazione, fornendo il terzo maggiore contributo per valori assoluti alle vendite mondiali del settore: nel secondo trimestre dell'anno le importazioni settoriali, misurate in euro, sono aumentate del 13.4% rispetto al trimestre precedente e di circa 10 punti rispetto al corrispondente trimestre 2018. Va peraltro segnalato come le opportunità di crescita sul mercato cinese siano state solo marginalmente intercettate dalle vendite italiane di Alimentare confezionato e Bevande, che - seppur in miglioramento nel trimestre più recente - hanno sinora collezionato solo un modesto incremento- nei valori cumulati in euro- per il primo semestre dell'anno. Le vendite da Nuova Zelanda e da Australia - insieme a quelle da Olanda e Thailandia - i partner commerciali più dinamici sul mercato cinese- sono cresciute a ritmi sostenuti. Di converso, sono da rilevare la forte flessione delle vendite USA sul mercato, oltre alla - seppur più contenuta - riduzione delle vendite francesi.

Marcello Antonioni

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.