Congiuntura agroalimentare 2021

di lettura

Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.

Image

L'agroalimentare nazionale ha dimostrato una buona tenuta dopo lo shock pandemico. La lieve flessione del valore aggiunto agricolo è avvenuta in un contesto caratterizzato dalla crescita della produzione industriale, spinta dall’export  che ha raggiunto il valore record di 52 miliardi di euro (+11%).

Tuttavia, già a fine 2021 erano presenti diversi fattori di rischio per  la piena ripresa economica: il continuo incremento dei prezzi delle materie prime, la persistenza di ostacoli per la normalizzazione delle attività logistiche e di approvvigionamento, la crisi energetica internazionale, il conseguente aumento della pressione inflazionistica.

Inoltre, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha accentuato l’instabilità dei mercati finanziari e acuito le tensioni sui prezzi dei prodotti energetici e compromesso le forniture globali di alcune materie prime e mezzi tecnici agricoli.

Alle sanzioni e restrizioni agli scambi commerciali verso la Russia, si sono aggiunte le limitazioni alle esportazioni messe in atto da altri paesi per tutelare la disponibilità interna.

Previsioni

L'OCSE, a marzo 2022, ha stimato un ribasso maggiore dell’1% sulle previsioni di crescita economica globale per l’anno in corso rispetto a quanto ipotizzato prima del conflitto: la crescita del PIL mondiale nel 2022 potrebbe essere inferiore al 3,5%.

Le prospettive per il 2022 sono influenzate dalla crescita dei prezzi dei prodotti alimentari, dalla riduzione del potere d'acquisto delle famiglie per l'aumento delle bollette e dalla nuova incertezza determinata dalla guerra tra Russia e Ucraina.

Nei primi mesi del 2022 i problemi di tipo logistico e di approvvigionamento, tra cui la carenza di semiconduttori e di alcune materie prime metalliche, continueranno a pesare sulla produzione. Inoltre i prezzi dell'energia rimarranno elevati per un periodo più lungo di quello stimato in autunno, esercitando un maggiore effetto frenante sull'economia e un aumento delle pressioni inflazionistiche.

In Europa preoccupano soprattutto il gas, il costo dei carburanti, la scarsità di alcune commodity non agricole, il forte aumento delle quotazioni internazionali dei fertilizzanti e di alcuni cereali.

Le quotazioni del frumento tenero e del mais nella seconda settimana di marzo 2022 hanno raggiunto i valori record pari, rispettivamente, a 398,82 euro/t (+27,8% rispetto la seconda settimana di febbraio) e a 402,38 euro/t (+43,4%).

Import export agroalimentare di Russia e Ucraina

Le importazioni agroalimentari della Russia nel 2020 rappresentavano solo il 2% del flusso mondiale in valore, di cui l’UE-27 fornisce circa il 23%, pari a 5,8 miliardi di euro, principalmente rappresentati da vino e preparazioni alimentari varie.

Le esportazioni agroalimentari della Russia incidono solo per il 2% sul valore dell’export mondiale, di cui l’11% è destinato all’UE-27 (2,7 miliardi di euro, principalmente costituiti da semi di girasole, granchi congelati, olio di colza, frumento tenero).

Da sottolineare la rilevanza della Russia nella produzione ed esportazione di fertilizzanti: primo esportatore a livello globale con 6,9 miliardi di euro nella media 2018 - 20 (13% del totale export mondiale). Oltre il 30% dell’export in valore della Russia è inviato in Brasile e USA; decisamente più polverizzate le esportazioni verso le altre destinazioni.

Ol mercato mondiale del frumento tenero è fortemente influenzato dalla Russia (21% delle esportazioni global e 10% dei raccolti mondiali). Le esportazioni di frumento tenero sono indirizzate in maggior misura verso Egitto, Tunisia, Turchia, alcuni paesi asiatici e alcuni africani.

La Russia è anche il primo produttore mondiale di orzo e il secondo esportatore (principale sbocco commerciale è l’Arabia Saudita).

Le esportazioni di prodotti agroalimentari dell’Ucraina rappresentano l’1,4% di quelle mondiali; circa il 28% viene destinato al mercato dell’UE-27, per un valore di 5,3 miliardi di euro (soprattutto mais, olio di girasole e semi di colza).

L’Ucraina detiene un ruolo rilevante nel mercato mondiale del mais, non in termini produttivi (rappresenta solo il 3% dell’offerta mondiale), ma perché è quarto esportatore mondiale soddisfacendo il 15% delle richieste globali. Le esportazioni sono destinate soprattutto in Cina, Paesi Bassi e Spagna.

Le importazioni di mais dell’Italia dall’Ucraina rappresentavano nel 2020 il 13% dei volumi complessivamente importati (prima del 2020 il peso del mais ucraino arrivava al 20%).

Fonte: Report Agrimercati 1/2022

Analisi di mercato
Preconsuntivo occhialeria: produzione +24%, export +22,5%
Preconsuntivo occhialeria: produzione +24%, export +22,5%
L’occhialeria italiana ha brillato sui mercati internazionali nel 2022, ma le tensioni inflattive e l’incertezza hanno pesato sul mercato interno e sui margini.
Migliorano le aspettative sull’economica italiana
Migliorano le aspettative sull’economica italiana
L’economia italiana registra, dopo sette trimestri consecutivi di crescita, una lieve flessione congiunturale (-0,1%) nell’ultimo trimestre del 2022.
Export Filatura italiana nel 2022
Export Filatura italiana nel 2022
Centro Studi Confindustria Moda ha presentato una ricerca sulla filatura italiana (produzione di filati lanieri, cotonieri e linieri).
Venture capital in Italia: +48% nel 2022
Venture capital in Italia: +48% nel 2022
Italian Tech Alliance e Growth Capital hanno pubblicato i dati sugli investimenti in venture capital in Italia.
SACE SIMEST Export italiano novembre 2022
SACE SIMEST Export italiano novembre 2022
Tra gennaio e novembre le vendite all’estero di beni si sono confermate in ampio rialzo (+20,5% rispetto allo stesso periodo del 2021). L’andamento è guidato dai valori medi unitari (vmu; 20,1%), stabili i volumi (+0,3%).
Previsioni economiche BCE
Previsioni economiche BCE
La BCE ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per l’Area dell’euro nel biennio 2023 e 2024 e al rialzo le proiezioni sull’inflazione.
Turismo invernale in montagna e cambiamenti climatici
Turismo invernale in montagna e cambiamenti climatici
Il turismo di montagna fornisce un contributo significativo all'economia delle aree alpine ed è uno dei pilastri del settore turistico italiano.
Messico: buone prospettive per il made in Italy
Messico: buone prospettive per il made in Italy
Il Messico è l’unico Paese dell’America Latina a essere realmente inserito all’interno delle catene del valore regionali e globali.
SACE SIMEST Export italiano ottobre 2022
SACE SIMEST Export italiano ottobre 2022
Nei primi 10 mesi del 2022 le esportazioni italiane di beni continuano a crescere (+20,8% rispetto a gennaio-ottobre 2021).
Rapporto Ismea Qualivita 2022
Rapporto Ismea Qualivita 2022
Ismea e Qualivita hanno pubblicato il report sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane Dop, Igp e Stg nel 2021.