Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)

di lettura

Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.

Image

Il progressivo miglioramento, iniziato nei mesi estivi del 2020, è proseguito fino a tutto il secondo trimestre dell’anno in corso evidenziando in questo periodo una crescita di circa 1,5 punti percentuali rispetto ai volumi di produzione di gennaio 2020 (periodo pre-pandemico).

In termini congiunturali, nel secondo trimestre la produzione metalmeccanica è mediamente cresciuta del 2,1% dopo l’1,3% osservato nel primo.

Mediamente nel primo semestre del 2021 la produzione metalmeccanica è cresciuta del 29,9% nel confronto con l’anno precedente, un incremento più accentuato rispetto a quanto fatto registrare dall’intero comparto industriale (+20,2%). Il miglioramento osservato per l’industria metalmeccanica ha interessato tendenzialmente tutte le attività dell’aggregato che hanno evidenziato aumenti a doppia cifra. L’attività produttiva si è collocata sostanzialmente sugli stessi livelli (-0,8%) dell’analogo periodo del 2019.

Si sono registrate dinamiche positive per le produzioni di Altri mezzi di trasporto (+18,4%) e in misura più marcata per le Macchine e apparecchi meccanici (+24,3%), i Computer, radio TV, strumenti medicali e di precisione (+24,5%) e le attività della Metallurgia (+28,1%). Ancor più significativi gli incrementi per le fabbricazioni di Prodotti in metallo (+31,8%), di Macchine e apparecchi elettrici (+37,4%) e di Autoveicoli e rimorchi (+58,7%).

Produzione industriale metalmeccanica nei principali Paesi europei

L’Italia, che nei mesi di lockdown aveva registrato i risultati peggiori, si è riportata in linea con gli altri principali paesi per poi collocarsi su livelli significativamente superiori. Nel mese di giugno, i volumi di produzione metalmeccanica sono stati pari al 102,1% rispetto a quelli pre-Covid (gennaio 2020), mentre negli altri paesi i volumi sono ancora ben inferiori rispetto al periodo pre-pandemico: in Germania si sono attestati all’89,8%, in Francia all’88,2% e in Spagna al 94,3%.

Nel confronto tendenziale, nei primi sei mesi dell’anno in corso l’incremento segnato dal nostro paese (+29,9%) è di gran lunga superiore al recupero osservato in Spagna (+19,3%), in Francia (+16,6%) e soprattutto in Germania (+10,8%).

Produzione metalmeccanica UE

Interscambio commerciale

Nel primo semestre 2021 i flussi complessivi di fatturato indirizzati ai mercati esteri sono aumentati del 24,2% rispetto all’anno precedente e le importazioni del 24,1%.

Le esportazioni metalmeccaniche sono cresciute del 31,3% nel confronto con l’analogo periodo del 2020 e hanno superato del 5,2% l’ammontare di fatturato metalmeccanico esportato nel primo semestre del 2019.

Il buon risultato è stato raggiunto grazie al significativo incremento dei flussi diretti verso i paesi dell’Unione Europea (+37,3% rispetto al 2020), mentre verso i mercati esterni all’area l’aumento è stato più moderato (+24,7%).

  • I flussi diretti in Spagna e Germania sono aumentati rispettivamente del 40,3% e del 40,1% e in Francia del 36,5%.
  • Al di fuori dell’area UE le esportazioni sono significativamente aumentate verso la Cina (+53,5%), la Turchia (+38,3%), l’India (+38,2%), il Regno Unito (+24,3%), mentre più moderati sono stati i flussi diretti in Svizzera (+15,2%), in Russia (12,1%) e in Giappone (+6,6%). L’export verso gli Stati Uniti è aumentato del 15,2% collocando il paese al terzo posto tra i mercati di sbocco dei prodotti metalmeccanici.

Le importazioni di prodotti metalmeccanici sono mediamente cresciute del 35,7% rispetto all’anno precedente, senza evidenziare differenze significative tra i flussi provenienti dai 27 paesi della UE e quelli di origine extra-UE.

Prospettive a breve

Sulla base dei risultati che emergono dall’indagine trimestrale Federmeccanica (condotta su un campione di imprese metalmeccaniche associate, con più di 100 addetti) per i prossimi mesi si evidenziano attese di ulteriori recuperi dell’attività produttiva, anche se permane un clima d’incertezza dovuto all’evoluzione della pandemia e alla dinamica dei prezzi delle materie prime e alla loro disponibilità sul mercato.

Il portafoglio ordini si conferma positivo: sono, infatti, pari al 47% le imprese intervistate che hanno registrato un aumento delle consistenze a fronte del 17% che, al contrario ha subito contrazioni. Il saldo, +30%, dimostra il proseguimento della positiva evoluzione in atto nelle ultime rilevazioni.

Fonte: Federmeccanica

Analisi di mercato
L'industria nautica da diporto italiana nel 2021
L'industria nautica da diporto italiana nel 2021
Secondo Nautica in Cifre – LOG, annuario dell’Ufficio Studi di Confindustria Nautica, l’export dell’industria nautica da diporto ha toccato il suo massimo storico.
Previsioni vendemmiali 2022
Previsioni vendemmiali 2022
Secondo l'Osservatorio Assoenologi, Ismea e Unione italiana vini, l'annata è stata soddisfacente per quantità e di ottima qualità.
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.