Cosmetica: nel I semestre 2020 cade la domanda mondiale, in controtendenza la Cina

di lettura

Nel 2° trimestre 2020 la domanda mondiale di profumi e cosmetici è caduta del 23.7% in euro (oltre il 25% in dollari) in termini tendenziali.

Image

I rilevanti effetti del lockdown pesano sulla domanda mondiale di prodotti cosmetici. Seppur rilevante, la flessione della domanda mondiale del comparto risulta relativamente meno severa di quella sperimentata dall'insieme dei prodotti del Sistema moda-persona (-30% tendenziale in euro nel trimestre più recente).

Dopo un primo trimestre che aveva fatto segnare una debole flessione, interrompendo così una dinamica di crescita pressoché costante, i primi sei mesi dell'anno hanno segnato una riduzione di oltre 12 punti percentuali in euro (circa 14 punti percentuali nei valori in dollari) della domanda mondiale di profumi e cosmetici.

Prodotti cosmetici (dinamica trimestrale a prezzi destagionalizzati)

Prodotti cosmetici

Il settore cosmetico si caratterizza per flessioni diffuse, ma relativamente differenziate a livello merceologico. I maggiori contraccolpi sulla domanda mondiale degli effetti recessivi della pandemia sono riconducibili ai segmenti:

  • profumi e acque da toletta (-46.2% su base trimestrale in euro, pari al -25.5% su base cumulata)
  • prodotti per il trucco di occhi (-35.7% trimestrale, -24.1% su base cumulata) e di labbra (-41% trimestrale, pari al -23.3% cumulato)
  • ciprie per il viso (-36.3% nell'ultimo trimestre, -24.1% a consuntivo semestrale).

Di contro, relativamente meno penalizzata risulta la domanda mondiale di creme protettive e preparati per il trucco, in calo tendenziale del 13.7% nei valori in euro nel trimestre più recente e con una riduzione di circa 5 punti percentuali su base annua.

Domanda mondiale prodotti cosmetici

Mercato cinese

In un contesto di domanda fortemente penalizzante, con flessioni pressoché generalizzate a livello di principali mercati del settore2 (con import USA in calo nel primo semestre 2020 di quasi 20 punti percentuali nei valori in euro, quello tedesco di oltre 23 punti percentuali, quello britannico di oltre 25 punti percentuali), si sottolinea la performance in controtendenza del mercato cinese.

Domanda cosmetici Cina

Le informazioni ricavabili dalle dichiarazioni congiunte di importazione cinese e di esportazioni dei paesi partner del mercato, disponibili in ExportPlanning-MarketBarometer, segnalano un aumento cumulato tendenziale del mercato cinese di prodotti cosmetici stimato in oltre 10 punti percentuali nei valori in euro.

In particolare, la favorevole performance del mercato cinese, pur trovando spunti positivi da diversi segmenti in crescita, è riconducibile soprattutto al segmento creme protettive e preparati per il trucco, con importazioni cinesi stimate in aumento di quasi 600 milioni di euro rispetto al corrispondente semestre 2019 (+17.3%).

Le vendite di prodotti cosmetici italiane crescono in Cina a ritmi più sostenuti rispetto ai competitor. Data una base 100 per i valori medi 2017, le vendite italiane del segmento Creme protettive e preparati per il trucco rivolte al mercato cinese hanno guadagnato quote di mercato (sono arrivate nel trimestre più recente a toccare i 323 punti base nei valori destagionalizzati in euro, a fronte di un livello del totale concorrenti Mondo pari a 262 punti base).

Fonte: Export Planning

Ti potrebbe interessare

Analisi di mercato
Previsioni Italia Confindustria 2021
Previsioni d’autunno: rivisto al rialzo il Pil italiano
Secondo il World Economic Outlook di Fmi, il prodotto interno lordo italiano cresce più della media dell'area euro: +5,8% nel 2021 (+0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio) e +4,2% nel 2022
Export agroalimentare 2021
L'export agroalimentare supererà i 50 miliardi nel 2021
Secondo l’Istat, l'export dei beni di consumo non durevole, di cui l'alimentare rappresenta una gran parte, ha registrato a giugno 2021 un incremento del +15,2% su giugno 2020 (quando l'export agroalimentare aveva registrato un +1,6%), sul semestre l'aumento tendenziale è dell'11,5% (nel semestre 2020 +2,2%).
Digitale in Italia 2021
Previsioni mercato digitale in Italia
Secondo il 52° rapporto Anitec-Assinform, nel 2020 il mercato digitale italiano vale oltre 71,5 miliardi di euro. L’incidenza del mercato digitale sul PIL è passata dal 4% al 4,3% nel triennio 2017-2020.
Yachting Italia 2021
Mercato italiano della cantieristica nautica
Secondo il report di Deloitte, Il valore della produzione della cantieristica nautica italiana ammonta a 2,8 miliardi di euro (crescita media del 12,7% tra il 2014 e il 2019).
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Le proiezioni macroeconomiche formulate a settembre 2021 dagli esperti della BCE, rispetto all’esercizio precedente, segnano una lieve revisione al rialzo delle prospettive di crescita dell’economia mondiale.
Export Italia luglio 2021
SACE - Simest: Export italiano luglio 2021
Nei primi 7 mesi dell'anno si registra un incremento sostenuto delle vendite italiane all’estero (+22,8% vs. gen-lug’ 20). Tale dinamica continua a beneficiare del confronto con aprile e maggio 2020, mesi di restrizioni dovute alla pandemia, durante i quali le esportazioni di beni italiane sono crollate.
Congiuntura metalmeccanica
Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)
Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.
Rapporto Export SACE 2021
Rapporto Export SACE 2021
La XV edizione del Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per orientarsi sui mercati esteri e comprendere le dinamiche dell’export italiano.
Gap infrastrutture Italia
Il capitale infrastrutturale dell’Italia
La competitività delle imprese è legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico input essenziali dei processi di produzione.
Regioni italiane export I semestre 2021
Esportazioni delle regioni italiane (II trimestre 2021)
Nel secondo trimestre l'Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni, con intensità diverse, per tutte le ripartizioni: +7,3% il Nord-est, +3,8% il Sud e Isole, +3,6% il Nord-ovest e +0,2% il Centro.