Continua la corsa dell'agroalimentare italiano nei mercati esteri

di lettura

Expo 2015 ha contribuito a far volare l’export di prodotti agroalimentari nazionali, che nel 2016 ha raggiunto  un valore annuale di oltre 9 miliardi di euro per i beni non confezionati e di circa 26 miliardi di euro per i beni confezionati.

Continua la corsa dell'agroalimentare italiano nei mercati esteri

Agroalimentare: Beni non confezionati

 

Sulla base delle pre-stime StudiaBo relative al 1° trimestre dell'anno e disponibili nei datamart Congiuntura UE del Sistema Informativo Ulisse, è possibile una disamina delle recenti performance sui mercati esteri dei settori italiani di Agroalimentare.
Nel grafico sotto presentato, sono riportati i diversi settori di Agroalimentare sulla base del tasso di variazione tendenziale nel I trimestre 2017 delle esportazioni del totale dei paesi UE e delle esportazioni Italiane. Nel grafico è tracciata la bisettrice del sistema di assi, che consente di distinguere immediatamente i settori in cui i concorrenti europei hanno fatto meglio rispetto alle imprese italiane (settori posizionati sotto la bisettrice) dai settori in cui le imprese italiane hanno avuto performance sui mercati esteri migliori rispetto a quelle dei concorrenti UE. La dimensione del cerchio è proporzionale al valore delle esportazioni italiane nel 2016.
 

 

Dall'analisi del grafico emerge chiaramente un gruppo importante di settori di agroalimentare confezionato in cui le imprese italiane hanno ottenuto performance ampiamente positive e nettamente superiori a quelli dei concorrenti europei: E0.33-Tè e caffè confezionato (+15.6% in euro rispetto al primo trimestre 2016, quasi 15 punti in più dell'insieme dei concorrenti UE28); E0.22-Carne e Pesce, lavorati e confezionati (+8.5%, di circa 6.5 punti più dinamico della media UE); E0.24- Ortaggi e Frutta, lavorati e confezionati (+4.8%). 

Nell'ambito dell'agroalimentare non confezionato le imprese italiane hanno registrato performance migliori in termini di esportazioni rispetto alla media dei competitori UE nei settori B1.21- Frutta Fresca (+14% in euro rispetto al primo trimestre 2016, oltre 13 punti in più dell'insieme dei concorrenti UE28) e B1.51-Oli di semi e grassi animali (+12.2%, a fronte di performance negative, pari al -5%, della media UE).
 
Tuttavia, il settore trainante le esportazioni italiane di Agroalimentare, con oltre 6.1 miliardi in euro esportati nel 2016 e un aumento tendenziale del +12.3% nel I trimestre 2017, è E0.42-Bevande alcoliche. In particolare, si segnalano le performance particolarmente favorevoli dell'export italiano di Vino spumante (decisamente più dinamico della media dei concorrenti UE) e Vino imbottigliato, con aumenti tendenziali nel primo trimestre dell'anno rispettivamente di 104 e 34 milioni di euro.

Fonte: Sistema Informativo Ulisse
 

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.