Cresce l'export del sistema moda persona Italia negli USA

di lettura

In base alle pre-stime formulate da StudiaBo, utilizzando le dichiarazioni di commercio estero delle imprese americane, raccolte dall' U.S. Census Bureau, nel I trimestre 2018 le importazioni degli Stati Uniti dall’Italia sono aumentate di quasi il 20% in dollari rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. La crescita in euro è del +2.7% ma se si considera che, nell’arco degli ultimi 4 trimestri, l’euro si è apprezzato di circa il 15% nei confronti del dollaro, risulta evidente il risultato positivo ottenuto dal Belpaese.

Sistema Moda Persona: +20% in dollari nel I trimestre 2018

Il comparto Moda-Persona

Il comparto Moda-Persona rappresenta la principale voce delle esportazioni italiane verso gli USA. Nel 2017 i prodotti importati dall’Italia si sono avvicinati alla soglia dei 7 miliardi di euro.

Come mostra il grafico, il principale partner USA di prodotti per la Persona è la Cina, che nel I trimestre 2018 ha registrato 16 miliardi di euro di export verso Stati Uniti, nonostante un calo del 5% rispetto lo stesso trimestre del 2017.
A seguire il Vietnam e l’India rispettivamente in 2° ( 4 miliardi di euro) e 3° (3 miliardi di euro) posizione. Infine, l’Italia in quarta posizione con 2 miliardi di euro di esportazioni, pari ad una crescita superiore al +9% rispetto il I trimestre dell’anno precedente.  

Il Belpaese, grazie alla forza del made in Italy, è da diversi anni uno dei principali partner commerciali statunitensi nei prodotti di abbigliamento, calzature e occhialeria.
In particolare, nel settore Lenti e Occhiali, l’Italia nel I trimestre 2018 – con oltre 214 milioni di euro esportati negli USA - ricopre la seconda posizione del podio mondiale, preceduta dalla Cina (444 milioni di euro) e inseguita ‘a distanza’ dal Regno Unito (65 milioni di euro).
Nel settore delle calzature la Cina è sempre in testa alla classifica (con 3 miliardi di euro), seguita dal Vietnam (1.2 miliardi). L’Italia combatte con l’Indonesia per la terza posizione, entrambe con valori prossimi ai 300 milioni di euro, un decimo rispetto all'irraggiungibile Cina.

L’apprezzamento dell’euro non sembra, quindi, aver penalizzato le imprese italiane di questo comparto: la fidelizzazione dei consumatori americani ai prodotti di marca permette alle imprese di traslare sui prezzi di vendita in dollari le variazioni subite dal lato del cambio. 

Annalisa Vignoli
 

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Proiezioni economiche di Banca d’Italia
Il Bollettino Economico di gennaio analizza la situazione internazionale e presenta le proiezioni macroeconomiche per il 2021-23.
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.