Crisi in Crimea: prime ritorsioni economiche

di lettura

L’annessione della Crimea alla Russia ha provocato la più grave crisi diplomatica dalla fine della "guerra fredda". Gli analisti si chiedono quale direzione prenderà l’Ucraina dopo le elezioni di maggio e come si modificheranno le relazioni USA-UE-Russia.

 

Crisi in Crimea: prime ritorsioni economiche
  • Il FMI ha annunciato di aver concordato con il governo di Kiev un piano di aiuti (Stand-By Arrangement) per 14-18 miliardi di dollari per sostenere il piano di riforme economiche necessarie per ristabilire l’equilibrio macroeconomico del paese. Kiev deve rimborsare nel 2014 scadenze sul debito estero pubblico per 6,5 miliardi di dollari. Il piano prevede l’adozione di un cambio flessibile e la riduzione del deficit pubblico entro il 2016 al livello target del 2,5%.
  • La Commissione Europea ha approvato un pacchetto di aiuti all’Ucraina di 11 miliardi di euro nei prossimi due anni (3 miliardi di finanziamenti agevolati, prestito BEI da 3 miliardi tra il 2014 e il 2016, prestito EBRD da 5 miliardi). Ulteriori fondi per 3,5 miliardi di euro potrebbero arrivare dalla Neighbourhood Investment Facility.
  • La Commissione Europea ha deciso di tagliare i dazi doganali che pesavano sull’export ucraino di prodotti agricoli e industriali. Il valore annuale di questa misura di sostegno produrrà circa € 500 milioni di riduzioni tariffarie. Il trattamento preferenziale si applicherà dalla data in cui sarà approvato fino al 1° novembre 2014, o fino all’entrata in vigore dell'accordo di associazione Ue-Ucraina (la firma della parte economica dell’accordo è stata rinviata a dopo le elezioni di maggio in Ucraina e nell’UE).
  • La Germania si è dichiarata contraria all’inasprimento delle prime sanzioni economiche decise dall’Unione Europea contro la Russia, essendo questa il suo primo partner commerciale. Nel 2013 le esportazioni tedesche verso la Russia hanno superato i 36 miliardi di euro (gli investimenti della Germania in Russia raggiungono invece i 19 miliardi di euro). Da segnalare che, nel 2013, l’Italia è stato il secondo paese dell’Eurozona per esportazioni verso la Russia, con 10,8 miliardi di euro.
  • Anche la Moldova deve fronteggiare le spinte separatiste della Transnistria, che ha ventilato l’ipotesi di adesione alla Russia in analogia con quanto accaduto in Crimea.
  • Gazprom ha annunciato un incremento del 35% del prezzo del gas per l’Ucraina a partire dal prossimo mese di maggio, in relazione al mancato pagamento delle precedenti forniture per circa 1,55 miliardi di dollari. Il prezzo del gas passerà da 268,5 a 385,5 dollari.
  • In Ucraina ci sono circa 40mila chilometri di gasdotti, e Kiev incassa circa tre miliardi di dollari all'anno dalle tasse di transito del gas diretto in Europa.

Ma le tensioni Ucriana – Russia hanno pesanti ripercussioni anche su scala planetaria:

  • dal 1° marzo 2014 il Bureau of Industry and Security (BIS) statunitense ha bloccato il rilascio di nuove licenze all’export ed al re-export verso la Russia di beni dual-use (commercializzati per usi civili, ma con possibili applicazioni belliche)
  • i leader del G7, riuniti all’Aja, hanno deciso di escludere la Russia dal prossimo G8
  • l'Alleanza atlantica ha attivato il pattugliamento con aerei radar nei cieli dei paesi baltici e aumentato la presenza navale nel Mar Nero. La Nato ha inoltre sospeso ogni cooperazione pratica, civile e militare, con la Russia.

Dopo la fine della “guerra fredda”, varie crisi internazionali hanno messo alla prova la solidità della ritrovata collaborazione Stati Uniti – Russia (l’Iraq, il Kosovo, la Georgia). Ma l’annessione russa della Crimea sembra essere un’altra storia…

Enrico Forzato

Tag dell'informativa

Crescono i tassi di interesse

La Banca Centrale ucraina ha deciso di alzare i tassi d’interesse nel tentativo di sostenere la hryvnia – scambiata ora oltre gli USD 11 – e raffreddare le spinte inflazionistiche nel paese.
Il tasso d’interesse benchmark è stato innalzato dal 6,5% al 9,5%, mentre i tassi overnight sono aumentati dal 7,5% al 14,5%.

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.