Crisi in Crimea: prime ritorsioni economiche

di lettura

L’annessione della Crimea alla Russia ha provocato la più grave crisi diplomatica dalla fine della "guerra fredda". Gli analisti si chiedono quale direzione prenderà l’Ucraina dopo le elezioni di maggio e come si modificheranno le relazioni USA-UE-Russia.

 

Crisi in Crimea: prime ritorsioni economiche
  • Il FMI ha annunciato di aver concordato con il governo di Kiev un piano di aiuti (Stand-By Arrangement) per 14-18 miliardi di dollari per sostenere il piano di riforme economiche necessarie per ristabilire l’equilibrio macroeconomico del paese. Kiev deve rimborsare nel 2014 scadenze sul debito estero pubblico per 6,5 miliardi di dollari. Il piano prevede l’adozione di un cambio flessibile e la riduzione del deficit pubblico entro il 2016 al livello target del 2,5%.
  • La Commissione Europea ha approvato un pacchetto di aiuti all’Ucraina di 11 miliardi di euro nei prossimi due anni (3 miliardi di finanziamenti agevolati, prestito BEI da 3 miliardi tra il 2014 e il 2016, prestito EBRD da 5 miliardi). Ulteriori fondi per 3,5 miliardi di euro potrebbero arrivare dalla Neighbourhood Investment Facility.
  • La Commissione Europea ha deciso di tagliare i dazi doganali che pesavano sull’export ucraino di prodotti agricoli e industriali. Il valore annuale di questa misura di sostegno produrrà circa € 500 milioni di riduzioni tariffarie. Il trattamento preferenziale si applicherà dalla data in cui sarà approvato fino al 1° novembre 2014, o fino all’entrata in vigore dell'accordo di associazione Ue-Ucraina (la firma della parte economica dell’accordo è stata rinviata a dopo le elezioni di maggio in Ucraina e nell’UE).
  • La Germania si è dichiarata contraria all’inasprimento delle prime sanzioni economiche decise dall’Unione Europea contro la Russia, essendo questa il suo primo partner commerciale. Nel 2013 le esportazioni tedesche verso la Russia hanno superato i 36 miliardi di euro (gli investimenti della Germania in Russia raggiungono invece i 19 miliardi di euro). Da segnalare che, nel 2013, l’Italia è stato il secondo paese dell’Eurozona per esportazioni verso la Russia, con 10,8 miliardi di euro.
  • Anche la Moldova deve fronteggiare le spinte separatiste della Transnistria, che ha ventilato l’ipotesi di adesione alla Russia in analogia con quanto accaduto in Crimea.
  • Gazprom ha annunciato un incremento del 35% del prezzo del gas per l’Ucraina a partire dal prossimo mese di maggio, in relazione al mancato pagamento delle precedenti forniture per circa 1,55 miliardi di dollari. Il prezzo del gas passerà da 268,5 a 385,5 dollari.
  • In Ucraina ci sono circa 40mila chilometri di gasdotti, e Kiev incassa circa tre miliardi di dollari all'anno dalle tasse di transito del gas diretto in Europa.

Ma le tensioni Ucriana – Russia hanno pesanti ripercussioni anche su scala planetaria:

  • dal 1° marzo 2014 il Bureau of Industry and Security (BIS) statunitense ha bloccato il rilascio di nuove licenze all’export ed al re-export verso la Russia di beni dual-use (commercializzati per usi civili, ma con possibili applicazioni belliche)
  • i leader del G7, riuniti all’Aja, hanno deciso di escludere la Russia dal prossimo G8
  • l'Alleanza atlantica ha attivato il pattugliamento con aerei radar nei cieli dei paesi baltici e aumentato la presenza navale nel Mar Nero. La Nato ha inoltre sospeso ogni cooperazione pratica, civile e militare, con la Russia.

Dopo la fine della “guerra fredda”, varie crisi internazionali hanno messo alla prova la solidità della ritrovata collaborazione Stati Uniti – Russia (l’Iraq, il Kosovo, la Georgia). Ma l’annessione russa della Crimea sembra essere un’altra storia…

Enrico Forzato

Tag dell'informativa

Crescono i tassi di interesse

La Banca Centrale ucraina ha deciso di alzare i tassi d’interesse nel tentativo di sostenere la hryvnia – scambiata ora oltre gli USD 11 – e raffreddare le spinte inflazionistiche nel paese.
Il tasso d’interesse benchmark è stato innalzato dal 6,5% al 9,5%, mentre i tassi overnight sono aumentati dal 7,5% al 14,5%.

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.