Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%

di lettura

Record storico per l’export dei distretti industriali italiani nel primo semestre dell’anno, con tutte le filiere distrettuali oltre i livelli pre-pandemici e con una crescita delle esportazioni superiore a quella tedesca.

Image

Secondo il Monitor dei distretti industriali di Intesa Sanpaolo, nei primi sei mesi dell’anno le esportazioni sono aumentate del +17,7%, oltre la soglia dei 76 miliardi di euro.

Il recupero è piuttosto diffuso ed è stato completato da gran parte dei distretti: su un totale di 158 distretti monitorati, 125 sono oltre i livelli dei primi sei mesi del 2019 e 139 distretti si collocano oltre i livelli dello stesso periodo del 2021.

Spicca in positivo la Metallurgia (+77,6% rispetto ai primi sei mesi del 2019). Risultati eccellenti anche per Elettrodomestici (+39,7%), Altri intermedi (35,1%), Alimentari e Bevande (+32,1%).

Molto positiva anche la performance della filiera delle Costruzioni e del Sistema casa, con i distretti dei Prodotti e materiali da costruzione e del Mobile in progresso rispettivamente del 29% e del 28,4% rispetto al primo semestre del 2019. Ha chiuso in aumento a doppia cifra anche l’export dei Prodotti in metallo (+19,2%). In territorio positivo anche l’Automotive (+7,3%) e la Meccanica (+8,2%).

Il primo semestre 2022 ha segnato anche il pieno recupero dei beni di consumo del Sistema moda che hanno mostrato un aumento dell’export del +9,7% rispetto allo stesso periodo del 2019. Buone indicazioni vengono anche dai produttori di beni intermedi di questo settore che nel periodo gennaio-giugno 2022 hanno registrato un balzo dei valori esportati (+38,2% la variazione rispetto al 2021), riuscendo a chiudere quasi completamente il gap rispetto ai livelli pre-crisi (-2,3%).

Il confronto con il primo semestre 2021 evidenzia risultati positivi per tutte le filiere; solo le vendite dell’Automotive sui mercati esteri risultano in calo (-3,1%), condizionate dalla profonda trasformazione che il settore sta vivendo per l’evoluzione tecnologica a favore di motori a basso impatto ambientale e dalle criticità negli approvvigionamenti di alcuni input strategici (semiconduttori in primis).

Tra i migliori distretti per aumento dell’export (in valore) rispetto ai primi sei mesi 2021 sono presenti:

  • la filiera Metalmeccanica con i Metalli di Brescia
  • la Meccanica di Reggio Emilia
  • la Meccanica strumentale di Milano e Monza
  • i Rubinetti, valvole e pentolame di Lumezzane
  • la Metalmeccanica di Lecco
  • la Meccanica strumentale di Vicenza
  • il Sistema Moda con la Pelletteria e le calzature di Firenze
  • l’Occhialeria di Belluno
  • l’Oreficeria di Arezzo
  • il Tessile e abbigliamento di Prato
  • il Tessile di Biella
  • l’Oreficeria di Vicenza
  • il Sistema casa con le Piastrelle di Sassuolo e il Legno e arredo della Brianza.

All’interno della filiera Agro-alimentare i risultati di maggior crescita delle esportazioni sono stati ottenuti dall’Alimentare di Parma, dall’ortofrutta del barese, dal Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene e dall’Alimentare napoletano.

A livello territoriale risultano positive le performance di tutte le macro-aree: Nord-Ovest (+18,8% la variazione rispetto ai primi sei mesi del 2019 e +20,2% rispetto ai primi sei mesi del 2021); Nord-Est (+19,4% e +14,6%); Centro (+15,6% e +19,2%) e Mezzogiorno (+22,2% e +21,6%).

I mercati in cui l’export dei distretti ha registrato la crescita maggiore in valore sono stati nell’ordine gli Stati Uniti (+1,8 miliardi rispetto al periodo gennaio-giugno 2021), la Francia (+1,5 miliardi), la Germania (+1,4 miliardi), la Spagna (+612 milioni) e il Regno Unito (+593 milioni).

Negli Stati Uniti si sono messi in evidenza i distretti specializzati in Moda, Meccanica, Agro-alimentare e Sistema casa; in Francia soprattutto il Sistema moda, seguito da distretti Agro-alimentari e Metalmeccanica; in Germania spicca soprattutto la filiera Metalmeccanica, accompagnata da una buona dinamica di Sistema moda e Agro-alimentari; in Spagna vanno citate Moda, Meccanica, Agro-alimentare e nel Regno Unito la Nautica di Viareggio, l’Agro-alimentare e la Moda.

Un buon contributo alla crescita dei distretti è venuto anche da alcuni mercati lontani come Messico, Emirati Arabi Uniti, India, Tunisia e Algeria.

La presenza nella prima parte dell’anno di condizioni di domanda particolarmente favorevoli ha consentito ai distretti di superare senza particolare difficoltà il calo dei flussi diretti in Russia (-21,2% la variazione tendenziale nel primo semestre del 2022) e Ucraina (-45,9%), ma anche in Cina (-4,8%) dove ha pesato la riduzione dell’export di metalmeccanica, solo in parte compensata dall’aumento dei flussi di beni del sistema moda.

Nei prossimi mesi l’export dei distretti è atteso registrare un rallentamento, in un quadro di domanda mondiale meno favorevole. Peseranno condizioni finanziarie più restrittive, riduzione del potere d’acquisto delle famiglie e aumento dell’incertezza.

Flessibilità e time to market saranno due leve strategiche chiave, in un contesto in cui il manifatturiero italiano potrebbe mostrarsi più resiliente rispetto ai nostri competitor europei, grazie a una maggiore propensione a diversificare prodotti e mercati che già nel recente passato è stata premiante per la nostra competitività internazionale.

Nel breve termine un sostegno potrà venire dal tasso di cambio, soprattutto alla luce del forte apprezzamento del dollaro che favorirà in modo particolare produttori e distretti più attivi nel mercato nord americano.

Fonte: Monitor dei distretti industriali ottobre 2022 - Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

Analisi di mercato
Trend nei trasporti internazionali 2022
Trend nei trasporti internazionali 2022
I dati che provengono dall'indagine annuale ITF "Trends in the Transport Sector" comprendono informazioni relative al trasporto merci, al trasporto passeggeri e alla sicurezza stradale.
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Il rapporto di Deloitte esplora le tendenze che incidono sul mercato luxury, identifica le 100 maggiori società di beni di lusso e valuta le loro prestazioni nelle varie aree geografiche.
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.