Dubai Airport Freezone: 27 le imprese italiane già insediate

di lettura

L'export italiano negli Emirati Arabi nel 2012 ha toccato i 5,5 miliardi di euro. Tra le imprese italiane insediate nella Dubai Airport Freezone anche Luxottica, Ariston e Guzzini.

Dubai Airport Freezone: 27 le imprese italiane già insediate

La presenza italiana negli Emirati Arabi Uniti si sta rafforzando: nel 2012 le nostre esportazioni sono cresciute del 16,7% rispetto al 2011 (dati Ambasciata Italiana ad Abu Dhabi).

Situata al crocevia tra Europa, Asia e Africa, la Dubai Airport Freezone (DAFZA), nata con l’obiettivo di favorire gli scambi commerciali internazionali, è un’interessante porta d’accesso per i mercati del Medio Oriente. Le realtà europee attualmente rappresentano il 31% di tutte le aziende presenti nella Dubai Airport Freezone; di queste, 27 sono italiane.

Luxottica, Montegrappa, Ariston, Frey Wille, Guzzini, tanto per citarne alcune, hanno scelto di sfruttare questo punto d’appoggio strategico vicino a Dubai, e di beneficiare dell’esenzione fiscale prevista dalla Dubai Airport Freezone che non pone alcuna restrizione all’ingresso di aziende a capitale straniero.

La Dubai Airport Freezone sta ulteriormente ampliando le strutture (70.000 metri quadri di nuove costruzioni) e migliorando i servizi a disposizione degli operatori stranieri:

  • in cantiere un esclusivo centro direzionale di sette piani che ospiterà gli uffici di società internazionali e di numerose istituzioni governative partner della Freezone con un’area comune con ristoranti e servizi di prossimità
  • la centrale tecnologica a servizio del complesso verrà potenziata del 40% per far fronte alle nuove esigenze energetiche.

I primati della Dubai Airport Freezone

Nel 2012 la Dubai Airport Freezone è stata definita Prima Freezone del mondo dal Foreign Direct Investment (fDi), in crescita rispetto al secondo posto del 2011.

Altri riconoscimenti recentemente ottenuti dall’fDi includono il titolo di Migliore Freezone del Medio Oriente per il Futuro, Migliore Freezone degli Emirati Arabi e Migliore Freezone del Medio Oriente.

La Dubai Airport Freezone è inoltre in possesso della certificazione internazionale ISO per la qualità, il rispetto dell’ambiente, la salute e sicurezza dei lavoratori, la gestione dei sistemi informativi e del servizio clienti.

Nel 2010 la Dubai Airport Freezone si è aggiudicata il Dubai Quality Appreciation Programme, assegnato dal Dipartimento per lo Sviluppo Economico del Governo di Dubai alle aziende che si distinguono per l’adozione di best practice volte al raggiungimento di elevati standard qualitativi.

Informazioni

Ketchum Italia
Elena Bonatti
Tel. 02 62411937
elena.bonatti@ketchum.com 

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.