Egitto: restrizioni e adempimenti all’importazione

di lettura

A seguito dell’entrata in vigore dei Decreti n. 992 del 30/12/2015 e n. 43 del 16/01/2016, adottati dal governo egiziano sono state introdotte  nuove norme e disposizioni per regolare e limitare le importazioni egiziane.
Tali norme sono entrate in vigore in date differenti:  1/1/2016, 21/1/2016, 1/3/2016.

Egitto: restrizioni e adempimenti all’importazione

Registrazione prodotti

A partire dal 1° Marzo 2016, , sarà istituito un registro per le imprese autorizzate ad esportare prodotti in Egitto.

In merito all’aspetto importazione vengono identificate 2 tipologie di prodotti:

  • prodotti autorizzati
  • prodotti  che richiedono registrazione della Società esportatrice presso le autorità Egiziane. La registrazione avviene attraverso il GOIEC (General Organization for Import & Export Control).

I prodotti inseriti nell’elenco dei decreti non potranno essere messi in circolazione se l’impresa straniera che li produce non è ufficialmente registrata in detto registro.

La registrazione potrà essere effettuata online attraverso il sito del G.O.E.I.C. (General Organization for Export & Import Control) allegando tutta la documentazione richiesta.

Si segnala che la documentazione da produrre dovrà essere vistata sia dalla Camera di Commercio sia dall’Ambasciata egiziana

Tale operazione rientra nell’ambito della politica di tutela e promozione dei prodotti nazionali e si riferisce esclusivamente alla lista di merci citate nei decreti sopra riportati

Il G.O.E.I.C. ha attivato un call center, con i quali è possibile parlare in lingua inglese.

Pagamenti

In merito all’aspetto pagamenti le misure principali sono le seguenti:

  • Le Banche Egiziane potranno effettuare i pagamenti internazionali esclusivamente in presenza  della documentazione utile allo sdoganamento
  • L’Importatore Egiziano non potrà più richiedere (con alcune eccezioni per determinati prodotti)  il finanziamento della lettera di credito da parte della Banca; dovrà, all’emissione della L/C  offrire una garanzia collaterale per il 100% del valore (prima era del 50%). Questo determinerà un aumento della richiesta di pagamenti alternativi tipo il C.A.D. con maggior rischio di mancato incasso per il Fornitore.

Documentazione

  • Tutti i documenti originali (Fattura vistata, CO, EUR1, BL) devono essere inviati allo Shipper per la negoziazione tra banche.
  • Le banche egiziane dovranno convalidare il valore merce alla Dogana egiziana perché questa completi lo sdoganamento Import.
  • Se la spedizione prevede HBL (House Airway Bill – documento di ricevuta per trasporto aereo) , questa non potrà più essere Express  ma tassativamente Originale.
  • Se la MBL (Master Bill of Lading – documento di trasporto marittimo) è diretta, anche questa dev'essere tassativamente emessa in originale e non Express. La differenza  tra i due documenti consiste nella rappresentatività e negoziabilità del titolo caratteristiche del MBL.
  • La fattura dev’essere tassativamente vistata dalla Camera di Commercio.
  • EUR1 accettato esclusivamente in lingua Inglese e riportante tassativamente numero di fattura.
  • Certificate of Origin obbligatorio aventi le seguenti caratteristiche:
    • per tutti i certificati di origine deve essere presente il visto consolare;
    • per l'esportazione di merce di origine comunitaria, nella casella 3, oltre alla dicitura "Comunità Europea" deve essere indicato anche il nome del paese membro;
    • per l'esportazione di merce di origine extracomunitaria o mista a comunitaria, occorre che sulla fattura di esportazione e nella casella 6 del certificato, i prodotti siano suddivisi per paese di origine con l'indicazione del peso della merce. In tale caso occorre anche il visto sulla fattura di vendita;
    • nella casella 2  deve essere indicato l'indirizzo completo del destinatario egiziano. La dicitura "all'ordine" non è ammessa.

Marco Bertozzi

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano Il secondo trimestre dell'anno ha confermato le performance particolarmente favorevoli delle vendite europee ed italiane.
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur (mercato comune dell'America meridionale, ne fanno parte in qualità di Stati membri: Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare? Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.