EAU: nuovo tribunale internazionale per le controversie commerciali

di lettura


La legge n. 16/2011 ha ridefinito i poteri e la giurisdizione del tribunale indipendente del Dubai International Financial Centre Free Zone (DIFC). 

EAU: nuovo tribunale internazionale per le controversie commerciali

La sua giurisdizione è stata estesa anche alle questioni di diritto civile e commerciale insorte tra imprese localizzate al di fuori della Free Zone.

Questo tribunale opera in lingua inglese ed applica, di regola, il common law per risolvere le controversie civili e commerciali, avendo al suo interno giudici di formazione anglosassone. Prima dell’introduzione della legge n. 16/2011, la giurisdizione del tribunale del DIFC era però riconosciuta solo se le imprese in lite avevano sede all’interno dello stesso DIFC o se la questione aveva un collegamento con tale Free Zone.

A seguito della nuova legge, la giurisdizione del tribunale è stata estesa anche alle questioni di diritto civile e commerciale che sono insorte tra imprese localizzate al di fuori della Free Zone, non essendo più necessario alcun collegamento con tale Free Zone. L’unica condizione per attribuire la competenza a decidere la controversia al Tribunale del DIFC  è che tutte le parti coinvolte abbiano espressamente e per iscritto scelto di deferire la soluzione della lite a questo tribunale. La scelta, inoltre, può essere espressa sia prima che dopo l’insorgere della vertenza.

In questo modo il Tribunale del DIFC perde lo status di Tribunale Speciale solo per la Free Zone stessa e diviene un luogo ove tutte le imprese della regione possono far risolvere le loro controversie.

I vantaggi per la comunità d'affari medio-orientale sono innumerevoli: più facile accesso alla giustizia, maggior rapidità, minori costi.

Difatti molti, se non tutti, i contratti commerciali conclusi nella regione sono in lingua inglese. L'inglese è la lingua di norma utilizzata nelle comunicazioni e nelle corrispondenze di affari. Molti businessmen che operano a Dubai e negli Emirati parlano (solo) inglese e spesso non parlano né comprendono l’arabo.

Per loro la possibilità di utilizzare il Tribunale di lingua inglese del DIFC significa un più semplice accesso alla giustizia e una maggiore trasparenza nel processo giudiziario. Ma v’è di più. Tutti i documenti (contratti, accordi, corrispondenza) non dovranno essere tradotti in arabo, evitando tutti gli errori e le incomprensioni che sorgono a seguito di traduzioni non perfette, e risparmiando anche perdite di tempo e di denaro. Tutti gli atti ed i documenti del Tribunale del DIFC sono infatti in lingua inglese e come tali immediatamente comprensibili per gli operatori legali non di lingua araba.

Si ricorda che nei tribunali locali (Dubai, Abu Dhabi, etc.) la lingua utilizzata è l’arabo ed il diritto applicato è il diritto emiratino. Non solo. La pratica, assai frequente nei tribunali locali, di affiancare all’avvocato straniero un avvocato locale di lingua araba non sarà più necessaria laddove si utilizzi il Tribunale del DIFC, riducendo ulteriormente i costi della vertenza.

Un altro aspetto importante che porterà anche gli uomini di affari di lingua araba a considerare il Tribunale del DIFC come luogo ove far decidere le proprie controversie è il fatto che secondo le regole della Corte DIFC  la parte vittoriosa può pretendere la condanna del soccombente al rimborso delle spese legali, inclusa una parte considerevole degli onorari dei suoi avvocati. In qualsiasi altra corte negli Emirati Arabi, invece, non è consentito richiedere all’altra parte il rimborso degli onorari versati ai propri avvocati, anche in caso di vittoria.

Avv. Stefano Meani

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a febbraio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Algeria: una primavera araba “in ritardo”?
Algeria: una primavera araba “in ritardo”? Nel marzo scorso, il presidente dell’Algeria al potere dal 1999, Abdelaziz Bouteflika, 82enne in precarie condizioni di salute e assente dalla scena pubblica dal 2013, si era candidato nuovamente, per quello che sarebbe stato il suo quinto mandato.
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina?
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina? Nell’immaginario collettivo l’Africa è il continente giovane per eccellenza, destinato a un’esplosione demografica nei prossimi decenni; dell’America Latina si ha una vaga idea di area del mondo tutto sommato giovane, specie se rapportata all’Europa.
Commercio internazionale e cambiamento climatico: “nemiciamici”
Commercio internazionale e cambiamento climatico Nel dibattito sul cambiamento climatico poca attenzione è riservata al ruolo del commercio internazionale.
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica è un termometro sensibile della congiuntura mondiale.
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 
Investimenti in infrastrutture in Africa
Investimenti in infrastrutture in Africa Gli impegni di investimento destinati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa nel 2017 sono stati pari a circa 81,6 miliardi di dollari, di cui circa l’80% in Africa Subsahariana, in crescita del 22% rispetto al 20161.
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a gennaio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi si è intensificato a causa di tensioni di varia natura (finanziarie, valutarie e geopolitiche) che hanno investito diverse economie emergenti: Argentina e Turchia sono state le principali “vittime”.
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.