Business Guide: Esportare prodotti agroalimentari negli USA

di lettura

Unioncamere Lombardia ha pubblicato un aggiornamento della guida per le imprese che esportano prodotti food negli Stati Uniti. Scopri le novità relative alla normativa statunitense, alle procedure di importazione e ai requisiti specifici richiesti sulla base della natura dei prodotti.

Business Guide: Esportare prodotti agroalimentari negli USA

Gli Stati Uniti continuano ad essere un partner commerciale di primaria importanza per l’export agroalimentare italiano.

Nel 2016, le importazioni USA dall’Italia del settore agroalimentare e bevande hanno registrato un aumento del +4% rispetto al 2015. Ben 5 prodotti dell’agroalimentare italiano si posizionano come leader del mercato USA, in termini di prodotti importati: vino (+8%), olio d’oliva, formaggi, pasta e acque minerali. Posizioni di rilievo sono da registrare anche per quanto riguarda i prodotti da forno, gelato e carni lavorate.

La Business Guide, sviluppata insieme allo Studio Associato Tupponi, De Marinis, Russo & Partners,  è suddivisa in due sezioni:

  • la prima riguarda la normativa statunitense e le procedure d’importazione
  • mentre la seconda analizza i requisiti specifici richiesti sulla base della natura dei prodotti.

Inserirsi nel mercato statunitense, dal punto di vista commerciale, richiede non solo conoscenze degli aspetti tecnici e di mercato, ma, anche, competenze in materia contrattuale, logistico – doganale, nonché gestione dei pagamenti nelle operazioni con l’estero. La conoscenza integrata di questi aspetti permetterà sicuramente un approccio vincente per relazionarsi con gli operatori e i consumatori statunitensi per poter operare stabilmente nel mercato USA.

Scarica la guida 

Analisi di mercato
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
Pubblichiamo un abstract del Focus on di Sace - Simest  “La produzione globale dopo il Covid: verso un nuovo riassetto asiatico?”
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione dell'11,6% nei primi nove mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
GreenItaly 2020
GreenItaly 2020
L’Italia è leader europeo nel riciclo dei rifiuti e nell’economia circolare secondo l’undicesimo rapporto sulla green economy italiana di Symbola e Unioncamere.
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
Gli aggiornamenti congiunturali di Banca d’Italia sull’andamento dell’economia nelle regioni italiane (novembre 2020).
Prometeia:  Analisi dei settori industriali ottobre 2020
Prometeia: Analisi dei settori industriali ottobre 2020
A partire dai mesi estivi, l’industria manifatturiera italiana ha registrato un recupero intenso e diffuso, che tuttavia non potrà impedire un calo del fatturato del 14.3% a prezzi costanti nel 2020.
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 13,3% nei primi otto mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
Nonostante l’emergenza sanitaria mondiale, le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate durante i primi sei mesi del 2020.
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Una delle peculiarità dell’Italia è la presenza di numerosi piccoli musei locali collocati prevalentemente in centri di medie e piccole dimensioni e nei borghi storici. 
Brexit: The Border with the European Union
Brexit: The Border with the European Union
Il Governo britannico ha aggiornato ad ottobre 2020 il primo modello operativo sulle operazioni tra Gran Bretagna e Unione Europea del luglio scorso.
Agroalimentare: italian sounding in Asia
Agroalimentare: italian sounding in Asia
L’export di prodotti agricoli e alimentari verso i Paesi Extra-UE mostra una sostanziale tenuta nel periodo gennaio-aprile 2020, coincidente con lo sviluppo della pandemia (+3,7% rispetto allo stesso periodo del 2019).