Agroalimentare: mercati, comparti e province trainanti l'export italiano nel 2014

di lettura

Il 2014 si è chiuso con una crescita complessiva delle esportazioni italiane di Agroalimentare dell'1,9 per cento in euro rispetto l'anno 2013.

Agroalimentare: mercati, comparti e province trainanti l'export italiano nel 2014

 I dati visualizzabili sul portale Exportpedia  consentono di cogliere in maniera immediata quali sono stati i mercati, i comparti e le province che hanno determinato tale performance.

Regno Unito e Stati Uniti d'America si sono caratterizzati l'anno scorso come i principali mercati trainanti le esportazioni italiane del macrosettore Agroalimentare.

Mercati trainanti le esportazioni italiane di Agroalimentare: contributi alla variazione % 2014
 

Fonte: Exportpedia 

In modo particolare, con un aumento di 246 milioni di euro rispetto all'anno precedente, nel 2014 il mercato britannico ha offerto il contributo più rilevante alla crescita dell'export italiano di Agroalimentare, pari a 5 decimi di punto.

A sua volta, con un aumento di circa 200 milioni di euro, il mercato statunitense ha offerto l'anno scorso un contributo alla crescita dell'export italiano di Agroalimentare di 4 decimi di punto.

Da segnalare, inoltre, i contributi positivi alla crescita delle esportazioni italiane di Agroalimentare derivanti dai mercati di Polonia e Croazia, che a consuntivo 2014 hanno registrato rispetto all'anno precedente un incremento dei flussi di Agroalimentare dall'Italia rispettivamente pari a 82 e 72 milioni di euro.

Dal punto di vista merceologico, l'anno scorso i contributi più positivi alla crescita delle esportazioni italiane della filiera Agroalimentare sono derivati da Bevande, Dolciumi, condimenti e piatti pronti. Di segno positivo anche le vendite all'estero di Conserve e succhi di ortaggi e frutta, Carne, pesce e prodotti derivati, Pasta, biscotti e altri prodotti da forno, Riso, farina ed amidi, Formaggi e altri prodotti del latte, Carta e cartone e Cartotecnica.

Comparti trainanti le esportazioni italiane di Agroalimentare: contributi alla variazione % 2014

Fonte: Exportpedia 

A livello di performance territoriali, nel 2014 Lodi, Cuneo e Modena sono risultate, nell'ordine, le province italiane con i maggiori incrementi nei valori di esportazione di Agroalimentare, davanti a Parma, Bergamo, Varese, Torino e Frosinone.

Province trainanti le esportazioni italiane di Agroalimentare: contributi alla variazione % 2014

Fonte Exportpedia

Di converso, la provincia di Milano ha registrato l'anno scorso il contributo in assoluto più negativo alla crescita dell'export italiano di Agroalimentare, con un calo di oltre 250 milioni di euro rispetto al 2013. Nonostante tale caduta, Milano si è confermata nel 2014 la prima provincia italiana per valore delle esportazioni di Agroalimentare, con circa 2.9 miliardi di euro.

Per la provincia di Milano  si segnalano i contributi particolarmente positivi alle vendite di Agroalimentare derivanti dai mercati di Stati Uniti, Regno Unito e Turchia.

Analisi di mercato
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
Secondo un'analisi Coldiretti dei dati Istat relativi al commercio estero di gennaio 2021, le esportazioni Made in Italy nel Regno Unito sono crollate del 38,3% per effetto degli ostacoli burocratici e amministrativi.
Censis: Reinventare il turismo
Censis: Reinventare il turismo
Il quarto numero del “Diario della transizione” curato dal Censis è dedicato al settore del turismo, uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria.
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.