Filatura italiana: export 2013

di lettura

L’industria italiana della filatura, dopo il -7,8% accusato nel 2012, rallenta il ritmo di caduta a -2,1%. Il fatturato di comparto dovrebbe superare i 3 miliardi di euro.

 

Filatura italiana: export 2013

La dinamica settoriale negativa accomuna sia la filatura laniera (anche se il filato di lana cardato è già tornato positivo), sia la filatura cotoniera. La filiera liniera, che nel 2012 aveva confermato l’evoluzione positiva, archivia il 2013 con una flessione del 10%.

Il valore della produzione italiana dovrebbe evidenziare un ridimensionamento del calo, segnando un -2,8%.

Nel 2013 l’export settoriale dovrebbe frenare, secondo le previsioni, al -1,8%. Complessivamente il fatturato estero settoriale dovrebbe restare al di sopra dei 900 milioni di euro.

Parallelamente l’import, dopo il crollo accusato nel 2012 (-20,3%), è stimato in flessione del 2%, corrispondente a poco più di 830 milioni di euro.

Il saldo commerciale della filatura si conferma positivo, assestandosi a 78 milioni di euro. Tuttavia, il risultato è da ascrivere in primis al filato cardato in lana (seguito da quello per aguglieria); viceversa, con riferimento ai primi nove mesi del 2013, il filato di cotone presenta un deficit con l’estero, così come il filato di lino.

Export di filati cardati

Da gennaio a settembre 2013, per i filati cardati si rileva una contrazione delle vendite estere pari al -6%, performance su cui grava soprattutto il decremento che ha colpito l’area UE, in flessione del 10,5%. L’area extra-comunitaria, in grado di assorbire il 58,7% dell’export complessivo di filato cardato made in Italy, frena invece al -2,5%.

A volume, peraltro, si accentua la divergenza tra le due macro-aree geografiche, con l’intra-UE in calo del 8,9% e l’extra-UE in aumento del 7,4%.

Hong Kong, confermandosi primo mercato di sbocco del filato cardato anche nel 2013, dopo il vigoroso incremento dello scorso anno (+21%), segna una flessione del -14,2%, corrispondente a 45,6 milioni di euro. Regno UnitoTurchia registrano un aumento rispettivamente del +4,4% e del +2,3%.

In crescita, tra i primi dieci mercati di sbocco della filatura cardata, risultano anche Germania, Tunisia e Serbia.

Contrazioni dell’export si rilevano, al contrario, verso Croazia (-18%), Romania (-31,2%), Cina (-19,9%) e Portogallo (-1,6%).

Export di filato pettinato

Le vendite estere di filato pettinato, nei primi nove mesi del 2013, mostrano un rallentamento del tasso di decremento, segnando un -2,7% rispetto al medesimo periodo del 2012.

A differenza di quanto rilevato per il filato cardato, la UE, che assorbe il 56,8% dell’export di filati pettinati, si rivela più performante (+5,8%) rispetto all’extra-UE (-12%).

Il primo mercato per valore dell’export di filato pettinato, Hong Kong, presenta, come del resto nel 2012, una flessione del -17,2%, mentre l’export diretto in Cina, al quarto posto nel ranking dell’export di comparto, cede il 1,7%. Con riferimento, invece, a mercati di breve raggio, cresce l’export verso la Romania (+9,7%) e la Francia (+10,7%), nonché verso Germania (+1%) e Regno Unito (+21%). Pur su valori più contenuti, dinamiche positive hanno interessato anche le vendite dirette in Turchia e Bulgaria.

Export di filati misti chimico/lana

Sempre nei primi nove mesi del 2013 l’export di filati misti chimico/lana ha fatto registrare una diminuzione, per il secondo anno consecutivo, del -10,5% a valore e del -18,3% in tonnellate.

Le aree intra ed extra-UE si muovono su ritmi piuttosto simili, evidenziando rispettivamente un decremento del -9,4% e del -11,9%. Quasi il 18% dell’export di filati chimico/lana viene destinato alla Turchia, che, nonostante il calo del -21,9%, si mantiene al primo posto per un totale di 16 milioni di euro.

La Francia, secondo sbocco del comparto, cresce del +4%, al contrario dell’Austria, che perde il -8,8%; la Spagna si assesta, invece, sui livelli dello scorso anno (+0,3%), mentre il Portogallo, pur su valori inferiori, mostra un significativo incremento (+35,5%). Romania e Hong Kong risultano interessate da cedimenti di un certo rilievo.

Export di filati di cotone

Per quanto concerne i filati di cotone, i flussi di export, dopo il forte arretramento del 2012, hanno sperimentato una decelerazione al -2,7% a valore e al -3,7% a volume. Il mercato comunitario si mantiene preponderante (copre, infatti, il 77,7% dell’export di comparto), superando di poco i livelli dello scorso anno (+0,6%); di contro, l’extra-UE cede il -12,5%.

Germania, Repubblica Ceca e Austria risultano interessate da dinamiche positive (rispettivamente pari a +9,2%, +3,4%, +13,5%). Perdono terreno, invece, Spagna (-5,1%) e Francia (-17,2%).

Fonte: SMI (22 gennaio 2014)

 

 

Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a febbraio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Algeria: una primavera araba “in ritardo”?
Algeria: una primavera araba “in ritardo”? Nel marzo scorso, il presidente dell’Algeria al potere dal 1999, Abdelaziz Bouteflika, 82enne in precarie condizioni di salute e assente dalla scena pubblica dal 2013, si era candidato nuovamente, per quello che sarebbe stato il suo quinto mandato.
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina?
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina? Nell’immaginario collettivo l’Africa è il continente giovane per eccellenza, destinato a un’esplosione demografica nei prossimi decenni; dell’America Latina si ha una vaga idea di area del mondo tutto sommato giovane, specie se rapportata all’Europa.
Commercio internazionale e cambiamento climatico: “nemiciamici”
Commercio internazionale e cambiamento climatico Nel dibattito sul cambiamento climatico poca attenzione è riservata al ruolo del commercio internazionale.
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica è un termometro sensibile della congiuntura mondiale.
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 
Investimenti in infrastrutture in Africa
Investimenti in infrastrutture in Africa Gli impegni di investimento destinati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa nel 2017 sono stati pari a circa 81,6 miliardi di dollari, di cui circa l’80% in Africa Subsahariana, in crescita del 22% rispetto al 20161.
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a gennaio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi si è intensificato a causa di tensioni di varia natura (finanziarie, valutarie e geopolitiche) che hanno investito diverse economie emergenti: Argentina e Turchia sono state le principali “vittime”.
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.