Filatura italiana: export 2013

di lettura

L’industria italiana della filatura, dopo il -7,8% accusato nel 2012, rallenta il ritmo di caduta a -2,1%. Il fatturato di comparto dovrebbe superare i 3 miliardi di euro.

 

Filatura italiana: export 2013

La dinamica settoriale negativa accomuna sia la filatura laniera (anche se il filato di lana cardato è già tornato positivo), sia la filatura cotoniera. La filiera liniera, che nel 2012 aveva confermato l’evoluzione positiva, archivia il 2013 con una flessione del 10%.

Il valore della produzione italiana dovrebbe evidenziare un ridimensionamento del calo, segnando un -2,8%.

Nel 2013 l’export settoriale dovrebbe frenare, secondo le previsioni, al -1,8%. Complessivamente il fatturato estero settoriale dovrebbe restare al di sopra dei 900 milioni di euro.

Parallelamente l’import, dopo il crollo accusato nel 2012 (-20,3%), è stimato in flessione del 2%, corrispondente a poco più di 830 milioni di euro.

Il saldo commerciale della filatura si conferma positivo, assestandosi a 78 milioni di euro. Tuttavia, il risultato è da ascrivere in primis al filato cardato in lana (seguito da quello per aguglieria); viceversa, con riferimento ai primi nove mesi del 2013, il filato di cotone presenta un deficit con l’estero, così come il filato di lino.

Export di filati cardati

Da gennaio a settembre 2013, per i filati cardati si rileva una contrazione delle vendite estere pari al -6%, performance su cui grava soprattutto il decremento che ha colpito l’area UE, in flessione del 10,5%. L’area extra-comunitaria, in grado di assorbire il 58,7% dell’export complessivo di filato cardato made in Italy, frena invece al -2,5%.

A volume, peraltro, si accentua la divergenza tra le due macro-aree geografiche, con l’intra-UE in calo del 8,9% e l’extra-UE in aumento del 7,4%.

Hong Kong, confermandosi primo mercato di sbocco del filato cardato anche nel 2013, dopo il vigoroso incremento dello scorso anno (+21%), segna una flessione del -14,2%, corrispondente a 45,6 milioni di euro. Regno UnitoTurchia registrano un aumento rispettivamente del +4,4% e del +2,3%.

In crescita, tra i primi dieci mercati di sbocco della filatura cardata, risultano anche Germania, Tunisia e Serbia.

Contrazioni dell’export si rilevano, al contrario, verso Croazia (-18%), Romania (-31,2%), Cina (-19,9%) e Portogallo (-1,6%).

Export di filato pettinato

Le vendite estere di filato pettinato, nei primi nove mesi del 2013, mostrano un rallentamento del tasso di decremento, segnando un -2,7% rispetto al medesimo periodo del 2012.

A differenza di quanto rilevato per il filato cardato, la UE, che assorbe il 56,8% dell’export di filati pettinati, si rivela più performante (+5,8%) rispetto all’extra-UE (-12%).

Il primo mercato per valore dell’export di filato pettinato, Hong Kong, presenta, come del resto nel 2012, una flessione del -17,2%, mentre l’export diretto in Cina, al quarto posto nel ranking dell’export di comparto, cede il 1,7%. Con riferimento, invece, a mercati di breve raggio, cresce l’export verso la Romania (+9,7%) e la Francia (+10,7%), nonché verso Germania (+1%) e Regno Unito (+21%). Pur su valori più contenuti, dinamiche positive hanno interessato anche le vendite dirette in Turchia e Bulgaria.

Export di filati misti chimico/lana

Sempre nei primi nove mesi del 2013 l’export di filati misti chimico/lana ha fatto registrare una diminuzione, per il secondo anno consecutivo, del -10,5% a valore e del -18,3% in tonnellate.

Le aree intra ed extra-UE si muovono su ritmi piuttosto simili, evidenziando rispettivamente un decremento del -9,4% e del -11,9%. Quasi il 18% dell’export di filati chimico/lana viene destinato alla Turchia, che, nonostante il calo del -21,9%, si mantiene al primo posto per un totale di 16 milioni di euro.

La Francia, secondo sbocco del comparto, cresce del +4%, al contrario dell’Austria, che perde il -8,8%; la Spagna si assesta, invece, sui livelli dello scorso anno (+0,3%), mentre il Portogallo, pur su valori inferiori, mostra un significativo incremento (+35,5%). Romania e Hong Kong risultano interessate da cedimenti di un certo rilievo.

Export di filati di cotone

Per quanto concerne i filati di cotone, i flussi di export, dopo il forte arretramento del 2012, hanno sperimentato una decelerazione al -2,7% a valore e al -3,7% a volume. Il mercato comunitario si mantiene preponderante (copre, infatti, il 77,7% dell’export di comparto), superando di poco i livelli dello scorso anno (+0,6%); di contro, l’extra-UE cede il -12,5%.

Germania, Repubblica Ceca e Austria risultano interessate da dinamiche positive (rispettivamente pari a +9,2%, +3,4%, +13,5%). Perdono terreno, invece, Spagna (-5,1%) e Francia (-17,2%).

Fonte: SMI (22 gennaio 2014)

 

 

Analisi di mercato
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare? Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.
Africa subsahariana:opportunità per esportatori macchine tessili
Africa subsahariana: opportunità per macchine tessili Sud Africa, Mauritius, Madagascar, Etiopia, Uganda, Kenya, Tanzania e Nigeria sono i principali mercati potenziali per aziende esportatrici di macchine tessili. Scopri nell'articolo l'analisi dettagliata.  
I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020
I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020 La crescita dell’economia mondiale sta rallentando rendendo più accesa la competizione internazionale. E’ sempre più fondamentale individuare i mercati che presentano la migliore combinazione rischi/opportunità.
Mercato mondiale delle macchine agricole italiane
Mercato mondiale delle macchine agricole italiane Il mercato mondiale delle macchine agricole è molto dinamico. Basti pensare che nonostante la crisi mondiale del 2009 che aveva inferto un duro colpo all’economia mondiale, già nel 2011 il commercio mondiale del settore era tornato ai livelli del 2008 per proseguire la sua inarrestabile ascesa.