Focus SACE: rallenta l’economia cinese

di lettura

L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.

Image

La Cina ha adottato con estremo rigore restrizioni che hanno inizialmente avuto successo nel contenere la diffusione del virus. Il sopraggiungere della variante Omicron ha però rivelato la debolezza dell’approccio cinese: mentre il resto del mondo è oggi passato a una fase di convivenza con il virus, Pechino continua a applicare la zero-Covid policy.

Il rallentamento di Pechino è osservato con preoccupazione dal resto del mondo. In un contesto di minor crescita della Cina e delle altre economie asiatiche, anche parte delle esportazioni italiane verso la regione potrebbe risentire del conseguente rallentamento della domanda di importazioni.

SACE ha calcolato l’elasticità dell’export italiano all’andamento del Pil delle geografie asiatiche per determinare la “perdita” del nostro export verso i Paesi asiatici nel 2021 nel caso in cui la crescita di Pechino fosse stata inferiore di 1 p.p. rispetto a quella effettiva. L’impatto complessivo sul totale delle esportazioni italiane avrebbe superato i €4 miliardi, una riduzione dell’11% rispetto ai valori effettivamente realizzati .

In particolare la perdita di export stimata in Cina è superiore a €2 miliardi, seguita da Corea del Sud (€489 mln, 9,3%), Thailandia (€373 mln, 23,7%), Hong Kong (€283 mln, 5,9%) e Vietnam (€171 mln, 14,4%). L’effetto su mercati Cambogia, Mongolia, Nepal e Laos risulta inferiore in valore, sebbene elevato in percentuale, in virtù del basso livello delle vendite italiane in questi mercati.

Impatto del rallentamento della crescita cinese di 1 p.p. sull’export italiano

Export italiano verso Asean

Nel medio-lungo periodo, le aziende italiane, così come i loro competitor internazionali, potrebbero però trarre vantaggio da un ridimensionato ruolo della Cina in Asia Pacifico. Il rallentamento economico e il cambio di rotta delle politiche di sviluppo di Pechino potrebbero, infatti, avere un impatto negativo sulla quantità di risorse da investire al di fuori del Paese, aprendo opportunità ad altri attori internazionali.

Il rallentamento di Pechino non è solo questione di lockdown

Dall’analisi degli elementi strutturali della crescita economica di lungo periodo (demografia, processi di accumulazione di capitale e capacità di innovare), è possibile affermare che il rallentamento della Cina diventerà un fenomeno stabile nei prossimi anni.

Il modello di crescita seguito finora, basato sul rapido sviluppo dell’industria manifatturiera e sul ruolo preminente delle esportazioni, ha richiesto che buona parte del Pil fosse investita, anziché consumata. Il governo ha contribuito in maniera diretta, tramite la spesa delle amministrazioni centrali e locali e delle imprese a controllo statale, e attraverso la creazione di un sistema finanziario che ha garantito abbondante liquidità a costi contenuti.

Nelle fasi iniziali dello sviluppo dell’economia cinese questo approccio ha funzionato, ma nel tempo sono emersi i suoi limiti in termini di sostenibilità e efficienza. La politica di sovrainvestimento ha spesso diretto risorse verso utilizzi poco efficienti, creando un eccesso di capacità produttiva in diversi settori e alimentando squilibri finanziari.

La Cina si trova in una fase intermedia del proprio sviluppo e ha già beneficiato dei fenomeni in grado di generare gli aumenti più consistenti di produttività, quali il passaggio da una economia pianificata a una di mercato, l’apertura al commercio internazionale, la riduzione del peso del settore agricolo nell’economia a favore dell’industria e dei servizi e i processi di urbanizzazione.

Infine, le crescenti tensioni tra Cina e Occidente rischiano di isolare Pechino, compromettendo la possibilità di accedere ai mercati e alle tecnologie occidentali, che hanno fornito un contribuito decisivo al miracolo economico cinese.

A cura di Claudio Cesaroni e Federico Tsipas

Fonte: SACE Focus on “La Cina dopo il Covid: il rallentamento non è solo una questione di lockdown

Analisi di mercato
Trend nei trasporti internazionali 2022
Trend nei trasporti internazionali 2022
I dati che provengono dall'indagine annuale ITF "Trends in the Transport Sector" comprendono informazioni relative al trasporto merci, al trasporto passeggeri e alla sicurezza stradale.
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Il rapporto di Deloitte esplora le tendenze che incidono sul mercato luxury, identifica le 100 maggiori società di beni di lusso e valuta le loro prestazioni nelle varie aree geografiche.
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.