Food & Beverages in China

di lettura

Secondo EU SME Centre, la Cina è diventato il più importante mercato al mondo di prodotti food and grocery. Le vendite al dettaglio di tali beni cresceranno del 15% all'anno fino al 2015.

 

Food & Beverages in China

Malgrado la frammentazione dell’infrastruttura distributiva cinese e la crescente concorrenza locale, le imprese europee hanno molte opportunità per aumentare le proprie vendite in Cina.

Nel paese crescono infatti il reddito disponibile, il processo di urbanizzazione (nel 2030 1 miliardo di cinesi vivrà in città), la sicurezza alimentare e la domanda di prodotti stranieri (in particolare vino, prodotti lattiero caseari, pasta, olio di oliva, birra e cioccolato, biscotti e snacks, caffè e alimenti per l’infanzia).

Il report, aggiornato al novembre 2013, contiene anche le nuove norme che regolano la registrazione degli esportatori di prodotti food & beverage http://ire.eciq.cn/ e l’esportazione dei prodotti lattiero – caseari.

Il compito di rafforzare i controlli sulla produzione e sulla distribuzione di prodotti alimentari è stato affidato dal governo al China Food and Drug Administration (CFDA).

Dimensione del mercato

L’industria cinese del food & beverages è cresciuta annualmente del 30% dal 2006 ad oggi. Il valore della produzione annuale supera i 1.200 miliardi di euro.

La Cina è il quarto più grande importatore di prodotti alimentari dopo UE, Stati Uniti e Giappone. I più importanti fornitori di questi beni del mercato cinese sono, nell’ordine: Stati Uniti, Brasile, Canada, Argentina e Malesia.

A livello europeo, la classifica è guidata da Francia (con il 35% del mercato grazie soprattutto alle ingenti esportazioni di vino), Olanda (18%), Spagna (11%), Germania (10%) e Danimarca (10%).

Le esportazioni UE di food & beverages verso la Cina sono passate da 0,9 miliardi di euro del 2006 ai 3.3 miliardi del 2011. A livello settoriale le vendite europee si concentrano nei settori carne, bevande alcoliche, latticini, pesce e prodotti omogenizzati.

Fonte: China Statistical Yearbook 2012

Secondo un’indagine Ipsos del 2012, il 60% dei consumatori cinesi ha maggior fiducia nei prodotti food stranieri rispetto a quelli delle industrie locali (spesso coinvolte in problemi di sicurezza alimentare).

I cinesi stanno modificando le loro abitudini alimentari e, quando mangiano fuori casa, spesso frequentano i ristoranti “occidentali” anche in occasione delle più importanti ricorrenze.

Il prodotto food and beverage d’importazione è, in Cina, uno status symbol che viene spesso regalato e condiviso. Per questo il brand e il packaging sono importanti (ad esempio il vino viene proposto in eleganti scatole di legno).

Il consumo domestico di food straniero si concentra sulla pasta, sul formaggio, sui biscotti e la pasticceria.

Opportunità per le imprese europee

Il Report, disponibile gratuitamente previa registrazione, segnala i comparti che attualmente offrono le migliori opportunità commerciali.

Carne e pesce surgelati

La Cina importa ingenti quantitativi di carne e pesce surgelato. Il salmone norvegese e scozzese domina il mercato, ma ci sono opportunità per esportare anche altri prodotti.

Gli standard che regolano l’importazione dei prodotti surgelati in Cina sono piuttosto stringenti e molti esportatori hanno aggirato il problema passando per Hong Kong in modo da poter sfruttare una corsia preferenziale (“grey” channel). Le autorità cinesi sono però intervenute per contrastare questo fenomeno e, oggi, la maggior parte degli importatori cinesi preferisce acquistare prodotti che possano ufficialmente sbarcare direttamente nei principali porti locali.

Cioccolato, biscotti e snacks

Il cioccolato, i biscotti e gli snacks stanno conquistando il consumatore cinese e nuovi spazi nei supermercati locali. I prodotti americani, giapponesi e coreani sono i più conosciuti.

Lattiero caseario

Il settore ha registrato una forte crescita nell’ultimo triennio. I prodotti del lattiero caseario sono i più popolari tra il food di importazione in Cina. Il latte e lo yogurt, che in molte regioni fino a poco tempo fa non entravano nelle abitudini alimentari, stanno trovando nuovo spazio in particolare nella dieta dei bambini.

Molti marchi internazionali sono presenti nei supermercati cinesi: Leprino, Sargento, Borden, AmeriDairy, Kraft, President, Suki, Bega, Laughing Cow, Emmi, Feta, Arla e Kerry Gold.

La sfida più grande per il comparto è rappresentata dalla catena del freddo poco sviluppata che impedisce una capillare ed efficace distribuzione nell’immenso mercato cinese.

Vino

La Cina sarà, nel 2017, il più importante importatore asiatico di vino. I principali fornitori della Cina sono la Francia, l’Australia, l’Italia, la Spagna e gli USA. Ogni anno si affermano nuovi brand. Il vino rosso è preferito, anche se il vino bianco sta conquistando il pubblico femminile.

Fonte: EUSME Centre

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.