G20 trade and investment measures

di lettura

Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.

Image

La crescita del PIL globale è stimata al 2,8% nel 2022 e al 2,3% nel 2023. L'espansione attesa nel 2023 del commercio internazionale è dell'1%, in forte calo rispetto alla precedente stima del 3,4%.

Secondo il rapporto di monitoraggio dell'OCSE e dell'UNCTAD sulle misure di investimento, i flussi IDE globali sono aumentati nel 2021 e hanno continuato a crescere nel primo trimestre 2022, raggiungendo il livello trimestrale più alto degli ultimi cinque anni. Le prospettive rimangono tuttavia incerte date l'attuale contesto geopolitico.

I prezzi del gas naturale hanno subito forti divergenze tra le regioni dal 2021. Nel settembre 2022, i prezzi del gas in Europa erano più di otto volte superiori al livello di gennaio dello scorso anno. Negli Stati Uniti sono quasi triplicati nello stesso periodo, ma sono rimasti bassi rispetto all'Europa (7,76 USD per milione di Btu rispetto a 59,10 USD).

Gli acquisti europei di gas naturale da altri paesi per integrare le ridotte forniture dalla Federazione Russa hanno aumentato i costi di gas naturale liquefatto in Asia (+141% da gennaio 2021). I prezzi del gas in Europa si sono moderati a settembre (-15,6% rispetto ad agosto) ma rimangono alti.

Ad agosto 2022 l'inflazione negli Stati Uniti era dell'8,3%, la più alta dal 1982. L'inflazione su base annua era del 9,1% nell'area euro e del 9,9% nel Regno Unito. Il Fondo monetario internazionale  prevede un graduale rientro dell'inflazione complessiva globale dall'8,7% nel 2022, al 6,4% nel 2023, al 4,1% nel 2024.

Il 28th Trade Monitoring Report on G20 trade measures fornisce anche un aggiornamento sull'impennata delle restrizioni all'esportazione di alimenti, mangimi e fertilizzanti associati alla guerra in Ucraina e al loro impatto sulla sicurezza alimentare nel mondo. Sebbene queste restrizioni all'esportazione siano state revocate o allentate, a metà ottobre 2022 erano ancora in vigore:

  • 53 restrizioni all'esportazione su cibo, mangimi e fertilizzanti
  • 27 restrizioni all'esportazione relative al COVID-19 di prodotti essenziali per combattere la diffusione del virus.

Un totale di 47 nuove misure restrittive del commercio sono state registrate per le economie del G20 (24% del totale).

Sul versante delle importazioni sono state registrate 25 misure (53% di tutte le restrizioni), di cui 8 sono state attuate su alimenti, mangimi e fertilizzanti. La maggior parte delle restrizioni all'importazione registrate durante il periodo in esame sono state aumenti delle tariffe all'importazione e più rigorose procedure di importazione.

Per quanto riguarda l'esportazione, sono state  22 restrizioni alle esportazioni (47% delle restrizioni totali) nel periodo in esame. La maggior parte di queste sono restrizioni quantitative, seguite da aumenti dei dazi all'esportazione.  Il numero di restrizioni all’export sono aumentate in modo significativo dal 2020, in primo luogo con restrizioni riferite alla pandemia di COVID-19 e più recentemente a causa della guerra in Ucraina.

Sette economie del G20 hanno adottato nuove misure nel settore delle comunicazioni, servizi Internet,  e-commerce e altri servizi di rete che hanno implicazioni per i fornitori di servizi esteri.

G20 - Trattati bilaterali di investimento (BITs) e Accordi Internazionali sugli Investmenti (IIAs)

BITs e IIAs 2022 novembre

Fonte: UNCTAD’s IIA Navigator 

Analisi di mercato
Trend nei trasporti internazionali 2022
Trend nei trasporti internazionali 2022
I dati che provengono dall'indagine annuale ITF "Trends in the Transport Sector" comprendono informazioni relative al trasporto merci, al trasporto passeggeri e alla sicurezza stradale.
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Deloitte: Global Powers of Luxury Goods 2022
Il rapporto di Deloitte esplora le tendenze che incidono sul mercato luxury, identifica le 100 maggiori società di beni di lusso e valuta le loro prestazioni nelle varie aree geografiche.
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Unioncamere: digitale e green spingono la produttività delle imprese
Secondo un’analisi di Unioncamere - Centro Studi Tagliacarne, gli investimenti delle imprese nella duplice transizione digitale e green generano una crescita di produttività che può arrivare fino al 14%.
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.