Giappone: incentivi per creare Regional Headquarters e R&D site

di lettura

Il Ministero dell'Economia, Commercio e Industria giapponese ha lanciato il Programma per l'anno finanziario 2013 (1° aprile 2013 - 31 marzo 2014) che contiene incentivi per attrarre le società straniere che desiderino stabilire sul territorio giapponese un Centro di ricerca e sviluppo o la propria sede regionale per l'Asia. 

Il Giappone per rilanciare l’economia e rispondere alla concorrenza di piazze dinamiche come Singapore, Taiwan e Hong Kong, ha definito un sistema di sovvenzioni a disposizione degli investitori stranieri con elevata proiezione internazionale e propensione all'innovazione.

L'idoneità dei progetti a favorire le sinergie con il mondo produttivo e accademico locale e a determinare un positivo ritorno sull'economia nazionale costituiscono requisiti essenziali per accedere ai finanziamenti.

Gli incentivi governativi sono destinati sia alle multinazionali che alle piccole e medie imprese a condizione che, al momento della presentazione della domanda, esse svolgano un'attività economica in almeno due Paesi, ivi incluso il Giappone.

Possono tuttavia presentare la propria candidatura anche le società non aventi una presenza registrata in Giappone al momento della domanda, purché questo requisito venga soddisfatto in caso di selezione.

Application Guidelines.

Contributo governativo

  • Costi per il sopralluogo, l'acquisto e la costruzione degli impianti e degli edifici
  • Acquisto dei macchinari e attrezzature
  • Spese di locazione.

Il finanziamento non può superare:

  • i due terzi della spesa nel caso di progetti localizzati all'interno delle Zone colpite da calamità naturali (Prefetture direttamente o indirettamente interessate dal disastro dell'11 marzo 2011: Aomori, Iwate, Miyagi, Fukushima, Ibaraki e Chiba)
  • la metà della spesa, se l'iniziativa è promossa da una PMI
  • un terzo di essa in tutti gli altri casi.

Il contributo finanziario non può eccedere il tetto dei 500 milioni di yen (circa 4 milioni di euro).

I moduli per accedere ai contributi, che possono essere redatti in lingua inglese, devono essere trasmessi al Ministero dell'Economia, Commercio e Industria entro le 12.00 (ora di Tokyo) del 3 giugno 2013.

Informazioni

Trade and Investment Facilitation Division, Trade and Economic Cooperation Bureau, METI
Tel. 03 3501 1511 (ex. 3181- 3186)
Fax 03 3501 2082

Fonte: www.infomercatiesteri.it

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.