Giappone: incentivi per creare Regional Headquarters e R&D site

di lettura

Il Ministero dell'Economia, Commercio e Industria giapponese ha lanciato il Programma per l'anno finanziario 2013 (1° aprile 2013 - 31 marzo 2014) che contiene incentivi per attrarre le società straniere che desiderino stabilire sul territorio giapponese un Centro di ricerca e sviluppo o la propria sede regionale per l'Asia. 

Il Giappone per rilanciare l’economia e rispondere alla concorrenza di piazze dinamiche come Singapore, Taiwan e Hong Kong, ha definito un sistema di sovvenzioni a disposizione degli investitori stranieri con elevata proiezione internazionale e propensione all'innovazione.

L'idoneità dei progetti a favorire le sinergie con il mondo produttivo e accademico locale e a determinare un positivo ritorno sull'economia nazionale costituiscono requisiti essenziali per accedere ai finanziamenti.

Gli incentivi governativi sono destinati sia alle multinazionali che alle piccole e medie imprese a condizione che, al momento della presentazione della domanda, esse svolgano un'attività economica in almeno due Paesi, ivi incluso il Giappone.

Possono tuttavia presentare la propria candidatura anche le società non aventi una presenza registrata in Giappone al momento della domanda, purché questo requisito venga soddisfatto in caso di selezione.

Application Guidelines.

Contributo governativo

  • Costi per il sopralluogo, l'acquisto e la costruzione degli impianti e degli edifici
  • Acquisto dei macchinari e attrezzature
  • Spese di locazione.

Il finanziamento non può superare:

  • i due terzi della spesa nel caso di progetti localizzati all'interno delle Zone colpite da calamità naturali (Prefetture direttamente o indirettamente interessate dal disastro dell'11 marzo 2011: Aomori, Iwate, Miyagi, Fukushima, Ibaraki e Chiba)
  • la metà della spesa, se l'iniziativa è promossa da una PMI
  • un terzo di essa in tutti gli altri casi.

Il contributo finanziario non può eccedere il tetto dei 500 milioni di yen (circa 4 milioni di euro).

I moduli per accedere ai contributi, che possono essere redatti in lingua inglese, devono essere trasmessi al Ministero dell'Economia, Commercio e Industria entro le 12.00 (ora di Tokyo) del 3 giugno 2013.

Informazioni

Trade and Investment Facilitation Division, Trade and Economic Cooperation Bureau, METI
Tel. 03 3501 1511 (ex. 3181- 3186)
Fax 03 3501 2082

Fonte: www.infomercatiesteri.it

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.