La Giordania aderisce all’International Investment and Multinational Enterprises dell’Ocse

di lettura

La Giordania è il 46esimo paese che aderisce alla Dichiarazione OCSE  International Investment and Multinational Enterprises. Il Paese ribadisce la sua volontà di mantenere i mercati aperti agli investimenti esteri diretti, aumentando la sua integrazione nell'economia mondiale.

Aderendo alla dichiarazione, la Giordania si impegna a concedere il trattamento nazionale per gli investitori esteri e a promuovere un comportamento responsabile delle imprese. Tre altri paesi del MENA - Egitto, Marocco e Tunisia - avevano già aderito alla Dichiarazione OCSE.

La Giordania non è ben posizionata nelle classifiche internazionali che prendono in considerazione la facilità di fare business. Il sistema paese soffre di inefficienze burocratiche, le procedure amministrative sono complicate, il regime degli investimenti complesso.

Le autorità giordane hanno recentemente annunciato una revisione della legge sugli investimenti per migliorare la coerenza legale delle norme, accrescere la trasparenza e razionalizzare il contesto normativo.

Secondo l’OCSE Investment Policy Review dedicato alla Giordania, nonostante i disordini regionali (Siria e Iraq) e la lenta ripresa dell'economia globale, le autorità possono attuare riforme strutturali per rendere il paese una destinazione di investimento più attraente e per sostenere lo sviluppo.

La legge sull’arbitrato del 2001 e quella sulla mediazione civile del 2006 denotano la disponibilità del paese a promuovere la risoluzione alternativa delle controversie.

I più importanti investitori in Giordania sono l’Arabia Saudita, il Kuwait, gli USA e gli Emirati Arabi Uniti. Intermediazione finanziaria, industria estrattiva, chimica, telecomunicazioni, energia e immobiliare i settori che hanno attratto più IDE.

 

 

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Il PIL italiano tornerà in territorio positivo nel 2° trimestre 2021 dopo la contrazione (-0,4%) registrata nel trimestre precedente. Un forte rimbalzo atteso nel 3° trimestre.
I 30 brand italiani di maggior valore
I 30 brand italiani di maggior valore
Secondo Kantar i marchi italiani entrati nella Top 30 hanno generato ricavi per 114,5 miliardi di dollari (+11% rispetto all’anno precedente).
SACE: Focus on Colombia
SACE: Focus on Colombia
La Colombia è il terzo Paese dell’America Latina per dimensioni demografiche (51 milioni di abitanti) e quarto per Pil dopo Brasile, Messico e Argentina.
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
La prosecuzione delle campagne di vaccinazione e il forte sostegno delle politiche monetarie e fiscali si riflettono in un deciso miglioramento delle prospettive di medio termine.
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
Nei primi due mesi del 2021 l'export italiano di beni registra una contrazione pari al 6,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Andamento Euro-coin
Andamento Euro-coin
€-coin è l’indicatore sviluppato dalla Banca d’Italia che fornisce una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro.
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Eurobarometro ha analizzato i comportamenti e le opinioni dei consumatori europei nei confronti delle modalità di scelta e di acquisto dei prodotti alimentari.
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).