I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020

di lettura

La crescita dell’economia mondiale sta rallentando rendendo più accesa la competizione internazionale. E’ sempre più fondamentale individuare i mercati che presentano la migliore combinazione rischi/opportunità.

I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020

La scelta di dove esportare è un processo decisionale complesso. Esso deve essere basato su una SWOT analysis che prenda in esame sia i punti di forza e debolezza dell’impresa (fattori competitivi, conoscenza dei diversi mercati, capacità organizzative, ecc.) che le opportunità e i rischi dei potenziali mercati.

Anche in una fase di basso ciclo mondiale esistono paesi caratterizzati da significativi tassi di crescita. Fatta salva l’avvertenza sopra riportata, può essere utile prendere in esame questi paesi, quali possibili candidati per azioni di internazionalizzazione nuove o di sviluppo.

In questo articolo ci soffermeremo su dieci paesi che soddisfano le seguenti condizioni:

  • tasso di crescita del PIL superiore al 4% nella media del biennio 2019-2020 (scenario aprile 2019 del Fondo Monetario Internazionale);
  • tasso di crescita delle importazioni in euro superiore al 4% nella media del biennio 2019-2020 (scenario aprile 2019 di StudiaBo);
  • importazioni di qualità (fascia alta e medio alta) nel 2018 superiore a 5 miliardi di euro (Sistema Informativo Ulisse);

La mappa che segue riporta i dieci paesi che soddisfano queste condizioni.

I diversi paesi sono posizionati in base al tasso di crescita previsto del PIL (asse delle x) e del tasso di crescita delle importazioni in euro (asse delle y). La dimensione del cerchio è proporzionale al livello nel 2018 delle importazioni di qualità.

Le misure utilizzate in questo grafico sono state scelte sulla base di queste considerazioni.

Principali mercati per crescita domanda

La crescita del PIL individua le economie che presentano condizioni particolarmente favorevoli in termini di crescita della domanda. Sulla base di questa misura Etiopia, India e Filippine si caratterizzano per uno scenario molto favorevole, con un tasso di crescita medio nel biennio 2019-2020 superiore al 7%.

Principali mercati per crescita importazioni

Dal punto di vista di un’impresa che vuole esportare in un mercato, la misura più significativa è, tuttavia, la crescita delle importazioni nella valuta dell’impresa esportatrice. Questa misura può essere utilizzata dall’impresa come indicazione della crescita tendenziale delle proprie vendite su quel mercato. Se consideriamo le imprese che hanno costi e prezzi denominati in euro, allora si configurano come mercati ad elevate opportunità Etiopia, Egitto Iraq, Vietnam, India e Filippine, che presentano un tasso di crescita medio annuo delle proprie importazioni in euro2 superiori al 6%. 

Principali mercati per importazioni premium price

Per le imprese che operano in economie ad alto costo del lavoro, le importazioni significative riguardano solo i segmenti in cui il mercato riconosce un premium price (per tipologia di prodotto e per fascia di prezzo) rendendo il mercato contendibile. Sulla base di questa misura, la Cina emerge come unicum: essa non solo presenta un elevato tasso di crescita sia del PIL sia delle importazioni in euro, ma con 681 miliardi di euro di importazioni di beni di fascia alta e medio alta, nel 2018 essa è risultata il primo importatore al mondo di beni di qualità.

Molto distanti rispetto alla Cina, seguono gli altri paesi asiatici (Vietnam, India, Filippine, Malesia e Indonesia) con importazioni di qualità inferiori a 50 miliardi di euro. Le importazioni di qualità dei paesi ad alta crescita non asiatici non arrivano invece ai 10 miliardi di euro.

Conclusioni

L’area mondiale che nel 2019-2020 presenta le maggiori opportunità di esportazioni, per imprese che operano in economie ad alto costo del lavoro, è di gran lunga quella formata da Cina, India e dalle economie più industrializzate dell’area Asean (Association of South-East Asian Nations): Vietnam, Filippine, Malesia e Indonesia. Tra i dieci paesi previsti crescere maggiormente in questo biennio figurano anche Egitto, Iraq, Etiopia e Panama, ma con limitati livelli di importazioni di beni di qualità.

Luigi Bidoia

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.