I settori maggiormente esposti al rischio Brexit

di lettura

La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 

Image

In qualsiasi scenario, l’uscita dall’UE del Regno Unito comporterà quasi sicuramente un aumento delle barriere tariffarie e non tariffarie in essere e tali restrizioni potrebbero impattare in modo significativo sui settori economici maggiormente legati ai flussi commerciali con l’UE.

L’Unione Europea rappresenta, infatti, il principale partner commerciale del Regno Unito, ad esempio, nel 2018 le importazioni britanniche dall’UE sono state superiori ai 300 miliardi €. Grazie al mercato unico, infatti, gli scambi interni all’Unione hanno fin’ora beneficiato di politiche free-tariff, che si sono tradotte in una significativa integrazione dei flussi commerciali e delle catene del valore delle due aree economiche.

Sebbene risulti particolarmente complicato fare una stima dei potenziali effetti della Brexit sull’economia inglese, risulta utile mappare quei settori inglesi maggiormente dipendenti dalle esportazioni europee, per avere un’idea di quali settori potrebbero essere colpiti in misura maggiore dalla Brexit. 
Il grafico riportato di seguito permette di evidenziare i venti prodotti più esportati dall’Ue sul mercato mercato inglese. Questo ci permette di condurre un’analisi dei settori più esposti:

Settore automotive

Il primo settore da evidenziare è quello dell’automotive. Come messo in luce dal grafico, infatti, il mercato inglese importa in modo significativo sia mezzi di trasporto finiti (per trasporto persone e trasporto merci), sia componentistica per veicoli. Partner europei come Germania, Belgio e Francia, infatti, non solo si annoverano tra i principali esportatori di autoveicoli sul mercato britannico, ma risultano profondamente integrati nelle catene del valore inglesi dell’industria, data la significativa quota di esportazioni di componenti per mezzi di trasporto.

Materie prime industriali

Un secondo settore profondamente legato ai flussi commerciali con l’Unione Europea è quello delle materie prime industriali. Il Regno Unito importa, infatti, prodotti petroliferi e derivati del carbone, prodotti chimici di base organica, materie plastiche, metalli preziosi e acciaio destinati ai processi industriali interni al Paese. Anche in questo settore tra i principali partner commerciali europei spicca la Germania, seguita da Olanda e Belgio.

Settore farmaceutico

Un terzo settore caratterizzato da una forte legame con i flussi di export europei è quello dell’industria farmaceutica. Le esportazioni europee del comparto sul mercato inglese hanno conosciuto infatti una crescita molto dinamica, sostenuta dall’export di Germania e Olanda che rappresentano i principali partner commerciali del settore.

Settore ICT e agroalimentare

Completano la rassegna dei settori più esposti, i comparti di ICT e di agroalimentare.  Per il settore ICT, il Regno Unito importa dall’UE prodotti per il computer e apparecchiature per le telecomunicazioni, avendo come principale partner europeo l’Olanda. Tuttavia, per il settore il principale player sul mercato risulta essere la Cina, che potrebbe perciò guadagnare importanti spazi di mercato con la Brexit. 
Nel caso dell’industry di alimentari e bevande, Francia, Germania e Italia rappresentano i principali partner commerciali del Regno Unito. Le importazioni inglesi sono, infatti, di prodotti agroalimentari confezionati come carni, pesce, ortaggi, legumi e bevande.

I settori precedentemente elencati rappresentano, perciò, quei settori che nel breve termine potrebbero maggiormente essere colpiti dai costi di un’introduzione tariffaria a seguito di Brexit. 
A questi, tuttavia, vanno aggiunte tutte quelle industries il cui export è profondamente legato alla domanda di beni europea, che potrebbero sperimentare una riduzione significativa della proprie quote di mercato a seguito di un aumento delle tariffe.

Risulta strategico, perciò, per le PMI europee che operano con il Regno Unito prepararsi al suo recesso dall’UE, ampliando il proprio portfolio mercati esteri e impegnandosi nell’osservanza delle linee guida condivise dalla Commissione Europea.

Marzia Moccia

Analisi di mercato
Report SACE sul sistema moda
Report SACE sul sistema moda
“ Il Fashion tornerà di moda? ” analizza il settore tessile-moda italiano e gli scambi con l’estero e prevede la ripresa dallo shock pandemico nel corso di quest’anno.
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
A novembre, l’export italiano di beni si conferma in crescita (+2,7% su ottobre), grazie agli aumenti registrati verso l’area extra-Ue (+2,9%) e Ue (+2,4%).
Commercio con l’estero novembre 2021
Commercio con l’estero novembre 2021
Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce dell’1,9%, l’import del 4,5%.
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.