I settori maggiormente esposti al rischio Brexit

di lettura

La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 

I settori maggiormente esposti al rischio Brexit

In qualsiasi scenario, l’uscita dall’UE del Regno Unito comporterà quasi sicuramente un aumento delle barriere tariffarie e non tariffarie in essere e tali restrizioni potrebbero impattare in modo significativo sui settori economici maggiormente legati ai flussi commerciali con l’UE.

L’Unione Europea rappresenta, infatti, il principale partner commerciale del Regno Unito, ad esempio, nel 2018 le importazioni britanniche dall’UE sono state superiori ai 300 miliardi €. Grazie al mercato unico, infatti, gli scambi interni all’Unione hanno fin’ora beneficiato di politiche free-tariff, che si sono tradotte in una significativa integrazione dei flussi commerciali e delle catene del valore delle due aree economiche.

Sebbene risulti particolarmente complicato fare una stima dei potenziali effetti della Brexit sull’economia inglese, risulta utile mappare quei settori inglesi maggiormente dipendenti dalle esportazioni europee, per avere un’idea di quali settori potrebbero essere colpiti in misura maggiore dalla Brexit. 
Il grafico riportato di seguito permette di evidenziare i venti prodotti più esportati dall’Ue sul mercato mercato inglese. Questo ci permette di condurre un’analisi dei settori più esposti:

Settore automotive

Il primo settore da evidenziare è quello dell’automotive. Come messo in luce dal grafico, infatti, il mercato inglese importa in modo significativo sia mezzi di trasporto finiti (per trasporto persone e trasporto merci), sia componentistica per veicoli. Partner europei come Germania, Belgio e Francia, infatti, non solo si annoverano tra i principali esportatori di autoveicoli sul mercato britannico, ma risultano profondamente integrati nelle catene del valore inglesi dell’industria, data la significativa quota di esportazioni di componenti per mezzi di trasporto.

Materie prime industriali

Un secondo settore profondamente legato ai flussi commerciali con l’Unione Europea è quello delle materie prime industriali. Il Regno Unito importa, infatti, prodotti petroliferi e derivati del carbone, prodotti chimici di base organica, materie plastiche, metalli preziosi e acciaio destinati ai processi industriali interni al Paese. Anche in questo settore tra i principali partner commerciali europei spicca la Germania, seguita da Olanda e Belgio.

Settore farmaceutico

Un terzo settore caratterizzato da una forte legame con i flussi di export europei è quello dell’industria farmaceutica. Le esportazioni europee del comparto sul mercato inglese hanno conosciuto infatti una crescita molto dinamica, sostenuta dall’export di Germania e Olanda che rappresentano i principali partner commerciali del settore.

Settore ICT e agroalimentare

Completano la rassegna dei settori più esposti, i comparti di ICT e di agroalimentare.  Per il settore ICT, il Regno Unito importa dall’UE prodotti per il computer e apparecchiature per le telecomunicazioni, avendo come principale partner europeo l’Olanda. Tuttavia, per il settore il principale player sul mercato risulta essere la Cina, che potrebbe perciò guadagnare importanti spazi di mercato con la Brexit. 
Nel caso dell’industry di alimentari e bevande, Francia, Germania e Italia rappresentano i principali partner commerciali del Regno Unito. Le importazioni inglesi sono, infatti, di prodotti agroalimentari confezionati come carni, pesce, ortaggi, legumi e bevande.

I settori precedentemente elencati rappresentano, perciò, quei settori che nel breve termine potrebbero maggiormente essere colpiti dai costi di un’introduzione tariffaria a seguito di Brexit. 
A questi, tuttavia, vanno aggiunte tutte quelle industries il cui export è profondamente legato alla domanda di beni europea, che potrebbero sperimentare una riduzione significativa della proprie quote di mercato a seguito di un aumento delle tariffe.

Risulta strategico, perciò, per le PMI europee che operano con il Regno Unito prepararsi al suo recesso dall’UE, ampliando il proprio portfolio mercati esteri e impegnandosi nell’osservanza delle linee guida condivise dalla Commissione Europea.

Marzia Moccia

Analisi di mercato
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Secondo i dati Federmacchine, nel 2019 il fatturato del settore dei beni strumentali, dopo anni di espansione, è leggermente calato.
Guida Obiettivo  India
Guida Obiettivo India
Sace - Simest ha pubblicato una guida dedicata alle imprese italiane interessate al mercato indiano.
SACE - Simest: Export italiano luglio 2020
SACE - Simest: Export italiano luglio 2020
Le esportazioni italiane di beni registrano una contrazione del 14% nei primi sette mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp
Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp
L’accordo per il mutuo riconoscimento di un paniere di 100 prodotti alimentari a indicazione geografica porterà vantaggi commerciali alle aziende italiane che esportano in Cina a partire dal 2021.
Rapporto Export Sace 2020
Rapporto Export Sace 2020
Tra economie in lenta ripartenza e intere aree geografiche ancora in piena emergenza sanitaria, la crescita economica e gli scambi mondiali sono destinati a registrare quest’anno variazioni ampiamente negative.
Global Attractiveness Index 2020
Global Attractiveness Index 2020
Presentati i risultati del GAI 2020, studio realizzato da The European House - Ambrosetti con Aviva Assicurazioni in Italia, Philip Morris Italia e Toyota Material Handling Italia.
Andamento dell’economia italiana in Agosto (Istat)
Andamento dell’economia italiana in Agosto (Istat)
Dopo il crollo di marzo e aprile il commercio internazionale di merci in volume, che nel secondo trimestre è diminuito del 12,5%, a giugno ha registrato un rimbalzo significativo e diffuso tra i paesi.
Cosmetica: nel I semestre 2020 cade la domanda mondiale, in controtendenza la Cina
Cosmetica: nel I semestre 2020 cade la domanda mondiale, in controtendenza la Cina
Nel 2° trimestre 2020 la domanda mondiale di profumi e cosmetici è caduta del 23.7% in euro (oltre il 25% in dollari) in termini tendenziali.
Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti
Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti
Produzione e nuovi ordini sono aumentati a tassi elevati, mantenendo l’Indice PMI del settore manifatturiero dell’eurozona sopra quota 50 per il secondo mese consecutivo.
L’Italia nell’economia internazionale 2019 - 2020
L’Italia nell’economia internazionale 2019 - 2020
Il Rapporto sul commercio estero dell’ICE offre informazioni e dati sull’andamento dei mercati mondiali e dell’export italiano nel 2019 e sulle prospettive di ripresa nei prossimi due anni.