Il settore dei beni strumentali nel 2019

di lettura

Secondo i dati Federmacchine, nel 2019 il fatturato del settore dei beni strumentali, dopo anni di espansione, è leggermente calato.

Image

I dati dei dodici settori che compongono l’industria della meccanica strumentale mostrano una contrazione sia delle vendite sui mercati esteri, sia della domanda interna. Il valore del fatturato è diminuito del 3,6%, attestandosi a 48,3 miliardi di euro, inferiore solo al record registrato nel 2018.

Le consegne interne hanno perso il 3,8%, per un valore di 15,9 miliardi. La contrazione del mercato italiano, -4,3%, con un consumo pari a 25,6 miliardi, ha penalizzato anche gli importatori (-5,2%). La quota di mercato soddisfatta da macchinari stranieri si attesta al 37,6%.

Anche le esportazioni sono calate, del 3,5%, a 32,3 miliardi (il 5,7% del totale export italiano). La propensione all’export nel 2019 si è attestata al 67% del fatturato, un decimo di punto in più rispetto al 2018. Il saldo commerciale complessivo dei settori che formano Federmacchine, nel 2019 è stato pari a 22,7 miliardi di euro.

Il primo mercato di sbocco è quello italiano, con una quota del 33% delle vendite complessive. Al secondo posto, con il 31%, del totale, ci sono gli altri paesi dell’Unione Europea.  

Le vendite di mezzi di produzione italiani nei paesi dell’Unione Europea sono scese a 15 miliardi di euro (-3,4% sul 2018). In calo la Germania (-7,8% per 3.369 milioni), la Spagna (-2,9%), la Polonia (-6,7%), il Regno Unito (-3,3%); in controtendenza il mercato francese, che cresce (+1,7%).

Le esportazioni italiane nei paesi europei extra-UE diminuiscono, -8,5%, per un valore di 2,8 miliardi. Forte calo per le vendite in Turchia (-17,8%, a quota 880 milioni), arretrano anche Russia (-4,2%) e Svizzera (-8,9%).

Le esportazioni in Medio Oriente sono diminuite, -8,7%, per un valore di 861milioni di euro. Salgono ai primi posti gli Emirati Arabi (189 milioni) e l’Arabia Saudita (181), davanti a Israele (147) e Iran (135 milioni, -41,7%).

L’Asia Orientale e Meridionale è al secondo posto tra le destinazioni estere dei macchinari italiani anche nel 2019, con 5,7 miliardi (-0,5%). Al primo posto la Cina (quasi 2,2 miliardi, +7,1%), poi India (865 milioni), Giappone, Indonesia, Corea del Sud, Tailandia, Pakistan e Vietnam.

Il Nord America ha ridotto del 2,1%, gli acquisti di mezzi di produzione italiani, per un valore di 4,8 miliardi. Bene gli Stati Uniti (+2,5%, quasi 3,7 miliardi) e il Canada (+2,2%); in forte calo il mercato messicano (-21,1%).

L’America Meridionale ha importato macchinari per 1.493 milioni di euro (-4,9% sul 2018). Bene il Brasile (+2,5%, 641 milioni) e Colombia (+22%), male Argentina (-41%) e Cile (-6,6%).

Le vendite in Oceania si attestano a 368 milioni: 310 destinati all’Australia, 50 alla Nuova Zelanda.

Gli addetti alla meccanica strumentale, nel 2019, rappresentavano il 4,2% degli addetti nell’industria manifatturiera italiana.

I primi dieci paesi clienti nel 2019 (milioni di euro)

Mercati destinazione meccanica italiana

Elaborazione su dati ISTAT

Fonte: Federmacchine

 

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).