Il settore dei beni strumentali nel 2019

di lettura

Secondo i dati Federmacchine, nel 2019 il fatturato del settore dei beni strumentali, dopo anni di espansione, è leggermente calato.

Image

I dati dei dodici settori che compongono l’industria della meccanica strumentale mostrano una contrazione sia delle vendite sui mercati esteri, sia della domanda interna. Il valore del fatturato è diminuito del 3,6%, attestandosi a 48,3 miliardi di euro, inferiore solo al record registrato nel 2018.

Le consegne interne hanno perso il 3,8%, per un valore di 15,9 miliardi. La contrazione del mercato italiano, -4,3%, con un consumo pari a 25,6 miliardi, ha penalizzato anche gli importatori (-5,2%). La quota di mercato soddisfatta da macchinari stranieri si attesta al 37,6%.

Anche le esportazioni sono calate, del 3,5%, a 32,3 miliardi (il 5,7% del totale export italiano). La propensione all’export nel 2019 si è attestata al 67% del fatturato, un decimo di punto in più rispetto al 2018. Il saldo commerciale complessivo dei settori che formano Federmacchine, nel 2019 è stato pari a 22,7 miliardi di euro.

Il primo mercato di sbocco è quello italiano, con una quota del 33% delle vendite complessive. Al secondo posto, con il 31%, del totale, ci sono gli altri paesi dell’Unione Europea.  

Le vendite di mezzi di produzione italiani nei paesi dell’Unione Europea sono scese a 15 miliardi di euro (-3,4% sul 2018). In calo la Germania (-7,8% per 3.369 milioni), la Spagna (-2,9%), la Polonia (-6,7%), il Regno Unito (-3,3%); in controtendenza il mercato francese, che cresce (+1,7%).

Le esportazioni italiane nei paesi europei extra-UE diminuiscono, -8,5%, per un valore di 2,8 miliardi. Forte calo per le vendite in Turchia (-17,8%, a quota 880 milioni), arretrano anche Russia (-4,2%) e Svizzera (-8,9%).

Le esportazioni in Medio Oriente sono diminuite, -8,7%, per un valore di 861milioni di euro. Salgono ai primi posti gli Emirati Arabi (189 milioni) e l’Arabia Saudita (181), davanti a Israele (147) e Iran (135 milioni, -41,7%).

L’Asia Orientale e Meridionale è al secondo posto tra le destinazioni estere dei macchinari italiani anche nel 2019, con 5,7 miliardi (-0,5%). Al primo posto la Cina (quasi 2,2 miliardi, +7,1%), poi India (865 milioni), Giappone, Indonesia, Corea del Sud, Tailandia, Pakistan e Vietnam.

Il Nord America ha ridotto del 2,1%, gli acquisti di mezzi di produzione italiani, per un valore di 4,8 miliardi. Bene gli Stati Uniti (+2,5%, quasi 3,7 miliardi) e il Canada (+2,2%); in forte calo il mercato messicano (-21,1%).

L’America Meridionale ha importato macchinari per 1.493 milioni di euro (-4,9% sul 2018). Bene il Brasile (+2,5%, 641 milioni) e Colombia (+22%), male Argentina (-41%) e Cile (-6,6%).

Le vendite in Oceania si attestano a 368 milioni: 310 destinati all’Australia, 50 alla Nuova Zelanda.

Gli addetti alla meccanica strumentale, nel 2019, rappresentavano il 4,2% degli addetti nell’industria manifatturiera italiana.

I primi dieci paesi clienti nel 2019 (milioni di euro)

Mercati destinazione meccanica italiana

Elaborazione su dati ISTAT

Fonte: Federmacchine

 

Analisi di mercato
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
La pandemia ha colpito duramente il tessuto socio-economico italiano e ha determinato una flessione dell’export che, tuttavia, è stata minore rispetto a quella registrata da altri Paesi grandi esportatori.
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
Nei primi cinque mesi del 2021 l'export italiano di beni registra un'ampia crescita (+23,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente).
Tannico
E-commerce vino e distillati: il futuro di Tannico
Moët Hennessy e Campari Group si uniscono per creare un player paneuropeo nel canale e-commerce di wine&spirit premium attraverso Tannico.
Altagamma Consumer Insight 2021
Altagamma Consumer Insight 2021
La ripresa del mercato alto di gamma è trainata da Cina e USA. Cresce il peso e aumentano i canali di ingaggio digitale del consumatore (gaming, livestreaming).
Report vino e spirits 2021
Vino e distillati italiani sui mercati internazionali
Vino italiano in recupero del 3,5% nel 2021 (-4,1% nel 2020), grazie alla spinta dell’export nei principali mercati. Migliore potenziale di crescita in Cina (+6,3%), Canada e Giappone (+5,9%).
Comunicazione post pandemia
Comunicazione delle imprese italiane e pandemia
L’Istat ha condotto una valutazione delle attività di comunicazione delle imprese italiane nella seconda metà del 2020.  
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Nel primo trimestre dell’anno, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni  per il Centro (+4,8%), per il Sud e Isole (+3,8%) e per il Nord-ovest (+2,5%). Registra una contenuta flessione il Nord-est (-0,5%).
Food Industry Monitor 2021
Food Industry Monitor 2021
L’analisi  condotta dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo valuta i trend di mercato e l’evoluzione dei modelli di business delle aziende italiane del settore alimentare.
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Secondo le più recenti previsioni Prometeia e Banca d’Italia il Pil nazionale quest’anno crescerà almeno del 5%.
G20 and the Italian economy
G20 and the Italian economy
Fondazione Edison e il Centro di ricerche in analisi economica e sviluppo economico internazionale dell’Università Cattolica hanno elaborato un booklet di statistiche sui punti di forza del modello italiano di sviluppo.