Il turismo europeo di alta gamma

di lettura

I brand europei di alta gamma detengono il 72% del mercato del lusso mondiale, rappresentano il 10% del valore dell’export totale e generano il 4% del PIL europeo (€ 800 miliardi di fatturato complessivo).

Image

La spesa giornaliera del turista di fascia alta è 8 volte superiore di quella del turista medio. Il segmento di alta gamma ha un effetto moltiplicatore anche per l'occupazione, con quasi il doppio di dipendenti (rispetto al turismo di fascia bassa) a parità di dimensione della struttura ricettiva.

Secondo lo studio High-End Tourism di ECCIA il turismo alto di gamma:

  • rappresenta il 2% delle strutture ricettive
  • genera quasi il 22% del fatturato turistico europeo complessivo
  • concorre a circa il 22% della spesa in alloggi
  • concorre fino al 33% della spesa per cultura, intrattenimento e shopping.

L’impatto positivo del turismo di alta gamma non si limita agli effetti economici diretti e indiretti (creazione di occupazione, innalzamento della percezione dell’offerta turistica complessiva, attrazione degli investimenti), ma include anche benefici intangibili.

Le destinazioni turistiche di fascia alta migliorano il percepito anche delle altre destinazioni di un Paese. La presenza di strutture ricettive di alta gamma favorisce altre attività e servizi che beneficiano del valore generato dai consumatori alto-spendenti richiamati nella zona. Inoltre, le esperienze dei turisti di fascia alta e la comunicazione delle aziende del turismo high-end e dell’indotto contribuiscono a veicolare l’identità e i valori dei paesi europei, e alla diffusione del loro Soft Power.

I 5 maggiori Paesi europei

Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito generano circa il 75% del valore del turismo di fascia alta. Dai macro-dati relativi al valore del segmento alto di gamma rispetto al valore totale del turismo emerge questo scenario:

  • Francia: il segmento vale circa € 22-27mld (totale turismo di € 85-100mld)
  • Germania: il segmento vale circa € 5-10mld (totale turismo di € 65-85mld)
  • Italia: il segmento vale circa € 25mld (totale turismo di € 80-100mld)2
  • Spagna: il segmento vale circa € 20-25mld (totale turismo di € 75-95mld)
  • Regno Unito: il segmento vale circa € 30-35mld (totale turismo di € 80-100mld)

Presentano un turismo di alta gamma sviluppato anche: la Svizzera con circa € 5-10mld, la Grecia con circa € 10mld, il Portogallo con circa € 4-6mld. Il resto d’Europa pesa circa € 9mld.

Previsioni di crescita

Attraverso il potenziamento di alcune leve strategiche volte ad attrarre turisti oggi diretti verso altre destinazioni, il turismo di fascia alta può accrescere di 2-3 volte il proprio valore attuale, fino a 520 miliardi di euro di valore diretto.

ECCIA identifica 5 traiettorie di base per cogliere il pieno potenziale del settore:

  1. Investire sul turismo sostenibile con un’offerta in linea con la green economy e con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’ONU.
  2. Sviluppare il turismo naturalistico, colmando il gap rispetto ad altri Paesi e promuovendo destinazioni oggi considerate secondarie.
  3. Investire su infrastrutture legate alla mobilità per i viaggiatori di alta gamma
  4. Armonizzare e facilitare le politiche di rilascio dei visti.
  5. Creare e promuovere un sistema della formazione dell’ospitalità e del turismo, focalizzato sull’alto di gamma.

ECCIA, European Cultural and Creative Industries Alliance

Associazione che rappresenta il comparto dell’alto di gamma e oltre 600 brand d’eccellenza. Riunisce 6 associazioni europee:

  • Altagamma
  • Circulo Fortuny (Spagna)
  • Comité Colbert (Francia)
  • Gustaf III Kommitté (Svezia)
  • Meisterkreis (Germania)
  • Walpole (UK)  

Fonte: Altagamma

Analisi di mercato
La crisi dei semiconduttori
La crisi dei semiconduttori
La domanda globale di semiconduttori nel 2021 è cresciuta del +26%, ma non è accompagnata da un incremento tempestivo dell’offerta, con conseguenze su tempi di consegna e aumenti nei prezzi.
Altagamma: previsioni Beni personali di lusso e Arredamento di design
Altagamma: previsioni Beni personali di lusso e Arredamento di design
Altagamma ha pubblicato tre report con dati e previsioni sul mercato dei beni personali di lusso e sull’arredamento di design di alta gamma.
Rincari dell’energia: l’impatto sui costi di produzione
Rincari dell’energia: l’impatto sui costi di produzione
Secondo il report pubblicato da Centro Studi Confindustria le dinamiche dei prezzi delle materie prime energetiche stanno colpendo di più l’Italia, rispetto a Francia e Germania.
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Il Rapporto annuale sulle imprese distrettuali descrive gli impatti della crisi pandemica, il forte rimbalzo del 2021 e le priorità da affrontare, anche alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina.
SACE - Simest: export italiano aprile 2022
SACE - Simest: export italiano aprile 2022
Nei primi quattro mesi dell’anno le esportazioni sono cresciute del 20,7% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Il falso Made in Italy a tavola vale 120 miliardi
Il falso Made in Italy a tavola vale 120 miliardi
Secondo Coldiretti il falso Made in Italy agroalimentare nel mondo vale 120 miliardi. La guerra in Ucraina frena gli scambi commerciali, favorisce il protezionismo e moltiplica la diffusione di alimenti taroccati.
Previsioni Istat 2022 - 2023
Previsioni Istat 2022 - 2023
Secondo le previsioni Istat di giugno, il Pil italiano continuerà a crescere sia nel 2022 (+2,8%) sia nel 2023 (+1,9%), seppur in rallentamento rispetto al 2021.
Filiera legno-arredo: performance 2021 sopra le previsioni
Filiera legno-arredo: performance 2021 sopra le previsioni
La filiera legno-arredo chiude il 2021 con un fatturato complessivo che supera i 49 miliardi di euro (18 i miliardi destinati all’export).
Previsioni export vino, olio d’oliva e pasta
Previsioni export vino, olio d’oliva e pasta
Nel 2021 l’export di vino, olio d’oliva e pasta ha rappresentato il 22,4% del totale export agroalimentare nazionale, attestandosi a € 11,7 miliardi (+7% rispetto al 2020).
Conti economici I trimestre 2022
Conti economici I trimestre 2022
Nel primo trimestre il Pil italiano è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 6,2% nei confronti del primo trimestre 2021. La crescita acquisita per quest'anno è pari al 2,6%.