Incentivi agli investimenti esteri in Giappone

di lettura

Il Governo giapponese per attrarre nuovi IDE ha introdotto incentivi fiscali e creato nuove zone industriali specializzate. 

Regione del Kansai

Il  progetto “Kansai Innovation International Strategic Comprehensive Special Zone” prevede la realizzazione di 9 “zone speciali” nelle Prefetture che compongono la Regione del Kansai. Verranno garantite facilitazioni agli investimenti nei settori:

  • farmaceutico
  • dispositivi medici avanzati (medicina rigenerativa) e medicina preventiva
  • batterie intelligenti (litio-ioni e solari)
  • informatica.

Le agevolazioni prevedono, per i primi 5 anni, l’esenzione totale delle imposte d’attività e una riduzione del 50% per i successivi 5 anni e consistenti sovvenzioni per gli investimenti nel settore immobiliare e sugli affitti.

Le autorità giapponesi hanno stanziato circa 7,5 milioni di euro per la realizzazione del nuovo polo nel settore dell’energia solare presso la Prefettura di Kyoto, del centro di ricerca per le batterie al litio-ioni di Osaka, della “Science Garden City” presso la Prefettura di Hyogo, del nuovo centro di medicina e salute “Robot technology and healthcare” dell’Osaka City Government e del Centro di Ricerca dei “K” Computer di Kobe.

Previsti anche interventi per migliorare i collegamenti logistici tra le istituende “zone speciali” e per attrarre studiosi e ricercatori internazionali anche grazie alla collaborazione delle Università di Kyoto ed Osaka che intrattengono con il CNR e con numerose Università italiane consolidate collaborazioni.

Area metropolitana di Tokyo

Il "Comprehensive Special Zones Act" del 22 giugno 2011 ha identificato l'area metropolitana di Tokyo come una delle sette Zone Speciali destinate a stimolare la competitività internazionale del Paese.

Il Governo Metropolitano di Tokyo (GMT) è impegnato ad attrarre nuove società straniere nella capitale all'interno delle aree che gravitano attorno alle stazioni di Shinjuku, Shibuya, Tokyo, Roppongi, Shimbashi, Shinagawa, Toyosu, Ariake e Tenkubashi. L'obiettivo è di espandere ulteriormente la presenza straniera in queste aree, portandola dalle attuali 1.000 alle 1.500 unità nel corso dei prossimi cinque anni.

Interessati incentivi vengono offerti alle aziende interessate a stabilire a Tokyo la propria sede regionale per l'Asia: il progetto dovrebbe favorire la creazione di almeno 50 nuovi "Asian Headquarters" o centri di R&S entro il 2016.

Gli incentivi di maggior rilievo sono legati da un lato ad una semplificazione delle procedure immigratorie per il personale straniero trasferito a Tokyo, dall'altro al sistema di incentivi fiscali garantito alle società intenzionate ad investire nella Zona.

Le aziende potranno scegliere se beneficiare di una riduzione della Corporate Tax dall'attuale 38% al 28,9% o se avvalersi delle esenzioni e deduzioni speciali legate alla costituzione del capitale fisico dell'azienda.

L'esplicito obiettivo di allineare il peso dell'imposizione sul reddito d'impresa ai livelli di Cina (25%) e Corea (22%), evidenzia chiaramente la necessità di riguadagnare competitività nei confronti dei vicini asiatici.

Le compagnie straniere possono infine beneficiare del supporto garantito dal Tokyo Business Development Center, che, oltre ad offrire diversi servizi di consulenza, promuove i contatti con società e istituti di ricerca giapponesi con una forte propensione all'innovazione tecnologica.

Regione del Tohoku

Al fine di rivitalizzare l'economia del Nord-Est del Giappone colpito dallo tsunami nel 2011, il Governo centrale - di concerto con le Prefetture di Aomori, Iwate, Miyagi Fukushima e Ibaraki - promuove un articolato sistema d'incentivi volto ad attrarre flussi d'investimento dall'estero.

Il sistema si fonda sulle Zone Speciali per la Ricostruzione, localizzate nelle Prefetture di Aomori, Iwate, Miyagi, Fukushima, Ibaraki e nella zona industriale della città di Sendai, nella Prefettura di Miyagi, destinate ad accogliere cluster industriali in cui promuovere lo sviluppo di settori produttivi strategici e/o ad incrementare l'occupazione.

Si segnala, in particolare, il settore delle energie rinnovabili, che offre rilevanti opportunità d'investimento e di cooperazione tecnologica, anche grazie all'entrata in vigore nel luglio 2012 del Feed-in Tariff Act, che prevede forti incentivi alla produzione da solare fotovoltaico, eolico, idrico (energia idraulica di potenza inferiore ai 30 MW), geo-termico e bio-masse. Analoga importanza rivestono il comparto medico e degli apparecchi elettro-medicali.

All'interno di queste Zone, le società straniere possono beneficiare dell'esenzione per cinque anni dalla Corporate Tax, ossia la voce più consistente del gettito derivante dal reddito d'impresa.

Il sistema delle Zone Speciali fa capo all'Agenzia per la Ricostruzione che è affiancata dalla Japan External Trade Organization (JETRO).

Fonte: Ambasciata d'Italia a Tokio

 

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.