India: presentata la nuova finanziaria per consolidare la crescita

di lettura

Arun Jaitley, Ministro delle Finanze Indiano, ha presentato nello scorso mese di febbraio il Budget (strumento programmatico del Governo indiano equivalente della nostra Finanziaria) per l’anno finanziario 2016/17, definendo le nuove ed importanti misure che saranno implementate. Il Budget, come previsto dalla legislazione indiana, è già entrato in vigore a partire dal primo aprile 2016.

India: presentata la nuova finanziaria per consolidare la crescita

L’India si configura oggi come la più importante destinazione nel quadrante asiatico, in termini di volumi e potenzialità di crescita, e come una delle piattaforme ideali in cui investire: dopo aver attraversato un periodo di decelerazione del proprio sviluppo economico, il Subcontinente è tornato a crescere a tassi elevati, grazie all’attuazione di una serie di riforme che sono state in grado di suscitare nuovamente l’interesse e la fiducia degli investitori internazionali. Dopo aver sperimentato una crescita del 7.6% nel 2015-2016, per l’attuale anno fiscale si prevede una cifra che oscilla tra il +7.6% e il +7.8; le stime indicano per gli anni a venire tassi di crescita che dovrebbero attestarsi attorno all’8%. Si tratta di statistiche di particolare rilievo, soprattutto in un contesto come quello attuale in cui il rallentamento della Cina e le tensioni geopolitiche globali stanno provocando serie ripercussioni.  

New Delhi dunque intende approfittarne e consolidare il proprio percorso di sviluppo: il nuovo Budget va proprio verso questa direzione.

Ma quali sono gli obiettivi fissati dal Ministro delle Finanze Indiano nella Finanziaria? Questi i principali punti chiave: 

  • continuare ad assicurare stabilità economica, attraverso un forte stimolo della domanda interna ed una gestione di rigore fiscale;
  • attuare riforme economiche e fiscali volte ad aumentare il benessere dei cittadini;
  • attirare investitori stranieri, aumentando la capacità di doing business del Paese; 
  • sostenere ed alimentare la crescita, dando forte enfasi al settore agricolo ed infrastrutturale;
  • garantire lo sviluppo sociale delle fasce meno abbienti, attraverso forme di inclusione.

I nove pilastri

Nello specifico, Jaitley ha parlato di “nove pilastri” inclusi all’interno del Budget, la cui crescita consentirà all’India di raggiungere i propri obiettivi. Le attenzioni del Governo si focalizzeranno nei confronti di: 

Agricoltura

E’ previsto lo stanziamento di 4.7 miliardi di Euro per l’espansione economica del comparto.

Sviluppo rurale

Sono 11.4 i miliardi di Euro inclusi nel Budget che saranno assegnati per l’implementazione di programmi volti a supportare la crescita delle zone povere e rurali, con l’obiettivo di stimolare la domanda interna.

Contesto sociale

Circa 700 milioni di Euro saranno destinati a politiche di housing e di riduzione della povertà; inoltre verrà fornito un nuovo programma di assistenza sanitaria per le famiglie meno abbienti e per gli anziani ed è prevista l’apertura di 300 negozi di farmaci generici.

Formazione

Si provvederà alla realizzazione di dieci nuovi istituti educativi nel pubblico e nel privato e sarà lanciato un nuovo programma di alfabetizzazione digitale nei confronti delle famiglie che vivono in ambienti rurali. La formazione dei giovani diventa quindi un elemento prioritario in un Paese dalla bassa età media quale appunto è l’India;

Infrastrutture

New Delhi metterà a disposizione quasi 29 miliardi di Euro per il potenziamento di strade, autostrade, ferrovie e porti e per migliorare la gestione di trasporti e logistica;

Finanza

Si prevede una grande riforma nel settore finanziario, ovvero la modifica della Reserve Bank of India Act per garantire una solida base legale alle politiche monetarie. Inoltre, Jaitley ha proposto l’istituzione di un Financial Data Management Centre, che rientrerà sotto il controllo del Financial Stability Development Council, per facilitare l’afflusso, la gestione e l'aggregazione dei dati e delle analisi finanziarie;

Fisco

Anche in questo caso prevista una importante riforma che andrà a vantaggio di circa 10 milioni di contribuenti: il rimborso fiscale per i lavoratori con un reddito netto uguale o inferiore a circa 6.650 Euro verrà innalzato dagli attuali 27 a circa 67 Euro; 

Rigore fiscale

Il Governo intende continuare a perseguire una politica di disciplina fiscale, al fine di mantenere il disavanzo di bilancio al 3.9% nel 2016/2017 e raggiungere l’obiettivo del 3.5% nell’anno fiscale successivo;

Doing business

 Al fine di agevolare investitori locali ed internazionali e rendere il contesto indiano sempre più business friendly, il Governo ha intenzione di armonizzare al meglio la gestione e l’organizzazione delle risorse umane che operano nei vari Ministeri ed Enti governativi locali e rendere più efficiente il sistema degli stessi.   

Conclusioni

Attraverso il Budget 2016/2017, il Governo vuole dunque proseguire nel tentativo di “trasformare l’India”, come dichiarato dallo stesso Jaitley, dotandola di solide basi per una crescita stabile e duratura e creando un contesto sempre più aperto ed internazionale che sia in grado di attirare aziende globali. L’ambizione, neppure troppo nascosta di New Delhi, è quella di fare dell’India il principale mercato asiatico. 

Alessandro Fichera

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
Che export tira? Scopri i dati di novembre
Che export tira? Scopri i dati di novembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a novembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.