Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti

di lettura

Produzione e nuovi ordini sono aumentati a tassi elevati, mantenendo l’Indice PMI del settore manifatturiero dell’eurozona sopra quota 50 per il secondo mese consecutivo.

Image

Nei momenti di incertezza economica gli analisti guardano con particolare attenzione al Purchasing Managers’ Index (PMI) misurato ogni mese in base alle indicazioni fornite dai direttori acquisti delle aziende.

I direttori acquisti procurano gli input necessari al processo produttivo, quindi le cifre che compongono un PMI sono basate su dati concreti. L'indice riflette la capacità di acquisizione di beni e servizi (nuovi ordini, produzione, andamento scorte) e fotografa l'attività manifatturiera di un Paese anticipando le analisi congiunturali.

L'indice Eurozone Manufacturing Pmi di IHS Markit analizza un campione di aziende rappresentative dell’attività manifatturiera nell’eurozona. L’indice PMI varia da 0 a 100:

  • superiore a 50, indica una fase di crescita del manifatturiero
  • se è pari a 50, la situazione è rimasta invariata rispetto al mese precedente
  • inferiore a 50, indica una decrescita.

Eurozona

Nell’Eurozona,  l’indice PMI del manifatturiero di agosto si è attestato a 51.7 (dopo il 51,8 di luglio e il 47,4 di giugno).

La crescita è stata generale, con tutti e tre i sotto settori che hanno registrato un miglioramento rispetto al mese precedente. Il sotto settore dei beni di consumo ha riportato i risultati migliori, registrando un forte tasso di espansione. Crescite relativamente modeste sono state registrate dai sotto settori dei beni intermedi e di investimento.

L’Italia registra le condizioni operative migliori in oltre 2 anni. Irlanda, Paesi Bassi e Germania hanno registrato condizioni operative più positive rispetto a luglio, l’Austria ha registrato una crescita modesta. Stagnano invece le condizioni operative in Spagna, Francia e Grecia.

Classifica PMI® Manifatturiero per paese (Agosto 2020)

Per il secondo mese consecutivo ad agosto, è stata registrata una crescita della produzione manifatturiera dell’eurozona.

  • Italia 53.1 massimo in 26 mesi
  • Irlanda 52.3 minimo in 2 mesi
  • Paesi Bassi 52.3 massimo in 6 mesi
  • Germania 52.2 massimo in 22 mesi
  • Austria 51.0 minimo in 2 mesi
  • Spagna 49.9 minimo in 2 mesi
  • Francia 49.8 minimo in 3 mesi
  • Grecia 49.4 massimo in 2 mesi

Anche i nuovi ordini sono aumentati per il secondo mese consecutivo. Il mercato nazionale è stato ancora una volta il traino dei nuovi ordini generali, mentre le esportazioni, incluso il commercio intra eurozona, hanno continuato ad aumentare, ma a un tasso relativamente modesto.

Per incentivare la crescita dei nuovi ordini manifatturieri, le imprese manifatturiere hanno continuato ad utilizzare le giacenze dei prodotti finiti, che di conseguenza sono diminuite al tasso maggiore da inizio 2010.

Secondo Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit: “il settore manifatturiero è al momento stato favorito da un’ondata di domanda repressa, ma con una capacità produttiva ridotta. I dati dei prossimi mesi saranno quindi importantissimi nel valutare la sostenibilità della ripresa.”

Italia

L’Indice destagionalizzato PMI del settore manifatturiero italiano ad agosto ha raggiunto 53.1 (51.9 a luglio). Questi dati hanno evidenziato il miglioramento più veloce delle condizioni operative del settore manifatturiero in oltre due anni. È stata riportata la crescita sia della produzione che dei nuovi ordini al livello maggiore da febbraio 2018. Le esportazioni, tuttavia, continuano a frenare la ripresa, gli ordini esteri infatti hanno continuato a diminuire (e, con il livello occupazionale in contrazione, è improbabile che la sola domanda nazionale possa alimentare una effettiva ripresa).

Continuano a migliorare le previsioni sulla produzione per i prossimi 12 mesi, raggiungendo il livello di ottimismo più forte della storia dell’indagine attribuito alle speranze di una ripresa economica e alle maggiori aspettative di vendite.

Indice PMI Italia agosto 2020

Fonte: IHS Markit

 

Analisi di mercato
Congiuntura metalmeccanica
Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)
Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.
Rapporto Export SACE 2021
Rapporto Export SACE 2021
La XV edizione del Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per orientarsi sui mercati esteri e comprendere le dinamiche dell’export italiano.
Gap infrastrutture Italia
Il capitale infrastrutturale dell’Italia
La competitività delle imprese è legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico input essenziali dei processi di produzione.
Regioni italiane export I semestre 2021
Esportazioni delle regioni italiane (II trimestre 2021)
Nel secondo trimestre l'Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni, con intensità diverse, per tutte le ripartizioni: +7,3% il Nord-est, +3,8% il Sud e Isole, +3,6% il Nord-ovest e +0,2% il Centro.
Promuovere il commercio di ortofrutta Italia-Cina
Promuovere il commercio di ortofrutta Italia-Cina
Dal Forum Italia-Cina, evento di apertura del Macfrut, arriva la proposta di creare un Hub logistico nel Nord-Est per servire il mercato della Cina (terzo importatore mondiale di ortofrutta).
Ricerca Deloitte Monitor
I bisogni delle PMI per la ripresa post-Covid
Per identificare le direttrici di ripresa delle PMI italiane nel post- Covid, Deloitte insieme al Gruppo Intesa Sanpaolo e Piccola Industria Confindustria, hanno condotto un’indagine su 6.100 PMI.
Conti economici Istat: II trimestre 2021
Conti economici Istat: II trimestre 2021
Nel secondo trimestre 2021, il Pil italiano è aumentato del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% nei confronti del secondo trimestre 2020. La variazione acquisita per il 2021 è pari a +4,7%.
Esportare la dolce vita 2021
Esportare la Dolce vita 2021
Bello e ben fatto: il potenziale del made in Italy nel panorama internazionale post pandemia. A cura di Centro Studi Confindustria.
Bollettino economico Banca d’Italia luglio 2021
Bollettino economico Banca d’Italia luglio 2021
Ai rapidi progressi delle campagne di vaccinazione ha corrisposto una decisa ripresa dell’attività economica globale − che si è estesa al settore dei servizi − e del commercio mondiale; le prospettive sono però ancora molto eterogenee tra paesi.
SACE - Simest: Export italiano Giugno 2021
SACE - Simest: Export italiano Giugno 2021
Nei primi 6 mesi dell'anno si registra una crescita del +24% delle vendite italiane oltreconfine rispetto a giugno 2020.