Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti

di lettura

Produzione e nuovi ordini sono aumentati a tassi elevati, mantenendo l’Indice PMI del settore manifatturiero dell’eurozona sopra quota 50 per il secondo mese consecutivo.

Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti

Nei momenti di incertezza economica gli analisti guardano con particolare attenzione al Purchasing Managers’ Index (PMI) misurato ogni mese in base alle indicazioni fornite dai direttori acquisti delle aziende.

I direttori acquisti procurano gli input necessari al processo produttivo, quindi le cifre che compongono un PMI sono basate su dati concreti. L'indice riflette la capacità di acquisizione di beni e servizi (nuovi ordini, produzione, andamento scorte) e fotografa l'attività manifatturiera di un Paese anticipando le analisi congiunturali.

L'indice Eurozone Manufacturing Pmi di IHS Markit analizza un campione di aziende rappresentative dell’attività manifatturiera nell’eurozona. L’indice PMI varia da 0 a 100:

  • superiore a 50, indica una fase di crescita del manifatturiero
  • se è pari a 50, la situazione è rimasta invariata rispetto al mese precedente
  • inferiore a 50, indica una decrescita.

Eurozona

Nell’Eurozona,  l’indice PMI del manifatturiero di agosto si è attestato a 51.7 (dopo il 51,8 di luglio e il 47,4 di giugno).

La crescita è stata generale, con tutti e tre i sotto settori che hanno registrato un miglioramento rispetto al mese precedente. Il sotto settore dei beni di consumo ha riportato i risultati migliori, registrando un forte tasso di espansione. Crescite relativamente modeste sono state registrate dai sotto settori dei beni intermedi e di investimento.

L’Italia registra le condizioni operative migliori in oltre 2 anni. Irlanda, Paesi Bassi e Germania hanno registrato condizioni operative più positive rispetto a luglio, l’Austria ha registrato una crescita modesta. Stagnano invece le condizioni operative in Spagna, Francia e Grecia.

Classifica PMI® Manifatturiero per paese (Agosto 2020)

Per il secondo mese consecutivo ad agosto, è stata registrata una crescita della produzione manifatturiera dell’eurozona.

  • Italia 53.1 massimo in 26 mesi
  • Irlanda 52.3 minimo in 2 mesi
  • Paesi Bassi 52.3 massimo in 6 mesi
  • Germania 52.2 massimo in 22 mesi
  • Austria 51.0 minimo in 2 mesi
  • Spagna 49.9 minimo in 2 mesi
  • Francia 49.8 minimo in 3 mesi
  • Grecia 49.4 massimo in 2 mesi

Anche i nuovi ordini sono aumentati per il secondo mese consecutivo. Il mercato nazionale è stato ancora una volta il traino dei nuovi ordini generali, mentre le esportazioni, incluso il commercio intra eurozona, hanno continuato ad aumentare, ma a un tasso relativamente modesto.

Per incentivare la crescita dei nuovi ordini manifatturieri, le imprese manifatturiere hanno continuato ad utilizzare le giacenze dei prodotti finiti, che di conseguenza sono diminuite al tasso maggiore da inizio 2010.

Secondo Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit: “il settore manifatturiero è al momento stato favorito da un’ondata di domanda repressa, ma con una capacità produttiva ridotta. I dati dei prossimi mesi saranno quindi importantissimi nel valutare la sostenibilità della ripresa.”

Italia

L’Indice destagionalizzato PMI del settore manifatturiero italiano ad agosto ha raggiunto 53.1 (51.9 a luglio). Questi dati hanno evidenziato il miglioramento più veloce delle condizioni operative del settore manifatturiero in oltre due anni. È stata riportata la crescita sia della produzione che dei nuovi ordini al livello maggiore da febbraio 2018. Le esportazioni, tuttavia, continuano a frenare la ripresa, gli ordini esteri infatti hanno continuato a diminuire (e, con il livello occupazionale in contrazione, è improbabile che la sola domanda nazionale possa alimentare una effettiva ripresa).

Continuano a migliorare le previsioni sulla produzione per i prossimi 12 mesi, raggiungendo il livello di ottimismo più forte della storia dell’indagine attribuito alle speranze di una ripresa economica e alle maggiori aspettative di vendite.

Indice PMI Italia agosto 2020

Fonte: IHS Markit

 

Analisi di mercato
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
Secondo un'analisi Coldiretti dei dati Istat relativi al commercio estero di gennaio 2021, le esportazioni Made in Italy nel Regno Unito sono crollate del 38,3% per effetto degli ostacoli burocratici e amministrativi.
Censis: Reinventare il turismo
Censis: Reinventare il turismo
Il quarto numero del “Diario della transizione” curato dal Censis è dedicato al settore del turismo, uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria.
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.