Indice PMI settore manifatturiero Eurozona, marzo 2022

di lettura

L'indice PMI del manifatturiero dell’Eurozona, a marzo, scende a 56.5 (era 58.2 a febbraio) a causa dell'inflazione e delle tensioni geopolitiche crescenti.

Image

Alla fine del primo trimestre, il settore manifatturiero dell'eurozona ha registrato un altro rallentamento dell'Indice principale PMI che è crollato al livello minimo in 14 mesi.

La crisi in Ucraina, l'intensificarsi della pressione sulle catene di distribuzione, l'aumento delle infezioni da Covid‐19 in Cina hanno avuto un notevole impatto sull'ottimismo delle aziende e stanno provocando l'allungamento dei tempi medi di consegna. Da dicembre la prestazione dei fornitori ha indicato il peggioramento maggiore, ponendo fine al periodo di quattro mesi di alleggerimento della pressione sulla catena di distribuzione.

Inoltre l'aumento dei costi delle materie prime, del carburante e dell'energia, accelera di nuovo a marzo l'inflazione dei prezzi di acquisto e raggiunge il livello massimo in quattro mesi. Il tasso generale di incremento dei costi di acquisto è stato tra i più veloci osservati nella storia dell'indagine.

Classifica PMI® Manifatturiero per paese marzo

  • Irlanda 59.4 massimo in 2 mesi
  • Austria 59.3 massimo in 2 mesi
  • Paesi Bassi 58.4 minimo in 15 mesi
  • Germania 56.9 minimo in 18 mesi
  • Italia 55.8 minimo in 14 mesi
  • Francia 54.7 minimo in 5 mesi
  • Grecia 54.6 minimo in 11 mesi
  • Spagna 54.2 minimo in 13 mesi

I nuovi ordini hanno riportato una forte crescita alla fine del primo trimestre, anche se con una notevole perdita di vigore per le crescenti tensioni geopolitiche che hanno fatto aumentare l'incertezza.

La domanda estera è diminuita a marzo per la prima volta da giugno 2020, rispecchiando la riduzione dei nuovi ordini ricevuti dai clienti esteri.

Secondo i dati raccolti, il commercio intra‐europeo è stato particolarmente colpito dalla guerra in Ucraina. Chris Williamson, Chief Business Economist presso S&P Global, ha commentato:  "Mentre l'impulso alla domanda, dovuto al nuovo allentamento delle misure restrittive anti Covid‐19, ha contribuito ad assicurare la sostenuta espansione degli ordini e della produzione di marzo, i tassi di crescita sono diminuiti notevolmente a causa delle sanzioni, dell'aumento dei costi energetici e dei vincoli di fornitura collegati alla guerra. L'ottimismo delle aziende del settore manifatturiero si è ridotto, presagendo una possibile contrazione    nel secondo trimestre, aggravando il rischio che il settore possa scivolare in una nuova recessione".

Fonte: S&P Global PMI® Settore Manifatturiero Eurozona

Meccanica italiana: produzione a rischio

ANIMA Confindustria il 28 marzo ha diffuso una nota secondo cui la componentistica meccanica rischia di non poter continuare a produrre, con l’erosione dei margini che ha caratterizzato l’ultima fase del 2021 e il continuo aumento dei costi di produzione.

Essendo un’industria di trasformazione, la meccanica si trova a metà della catena di fornitura e quindi stretta in una morsa. Il rincaro energetico ha raddoppiato le bollette delle imprese, ma allo stesso tempo ha comportato una difficoltà a reperire i materiali, a causa dei rallentamenti o delle chiusure di imprese che stanno a monte della filiera.

La conseguenza è l’esplosione di una voce di costo - le materie prime - che per i settori Anima incide circa per il 50% sul valore del prodotto finale. Bramme e lamiere, fondamentali per le attività delle aziende della meccanica, hanno subito aumenti superiori all’80% nel giro di poche settimane. I costi dei noli marittimi sono aumentati del +500%-800% in un anno a seconda delle tratte e la meccanica italiana esporta il 57,1% dei propri prodotti.

Analisi di mercato
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).
Congiuntura agroalimentare 2021
Congiuntura agroalimentare 2021
Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.
MedTech: trend globali e previsioni
MedTech: trend globali e previsioni
L’Area Studi Mediobanca ha analizzato i conti annuali delle 227 maggiori imprese del MedTech italiano con fatturato aggregato pari a 18,6 miliardi di cui il 40% realizzati all’estero.