Infrastrutture in Arabia Saudita: molto attive le imprese italiane

di lettura
Il Pil non-oil dell’Arabia Saudita crescerà del 4-5% nel 2014 e nel 2015, grazie alla rapida crescita della popolazione e degli investimenti infrastrutturali del governo.
Infrastrutture in Arabia Saudita: molto attive le imprese italiane

Il Regno è l'unico membro del G-20 in Medio Oriente. La crescita del PIL reale si attesta sulla media del 6,3% annuo nel periodo 2008 - 2012, al terzo posto dietro Cina e India.

Consistenti investimenti pubblici finalizzati alla realizzazione di moderne infrastrutture (aeroporti, strade, metropolitane, reti ferroviarie, porti e telecomunicazioni) offrono nuove opportunità d’affari all'Italia che è attualmente uno dei più importanti partner commerciali dell’Arabia Saudita, in particolare per le forniture di materiali da costruzione.

Nel corso del 2013 sono state cancellati vari progetti infrastrutturali, ma ora il settore delle costruzioni inizia a riprendersi e, secondo Business Monitor International, dal 2015 crescerà del 10%. 

Locomotiva della ripresa il Riyadh Metro project - con 22.5 miliardi di dollari di investimenti - che verrà completato entro il 2019. La metropolitana della capitale avrà 6 linee, 73.4 km sotterranei (il 42% della lunghezza complessiva) e 87 stazioni. Più di 83 Km della linea saranno sopraelevati.

Il gruppo Salini-Impregilo è leader del Consorzio internazionale ArRiyadh New Mobility (ANM) - di cui fanno parte la italiana Ansaldo Sts, la canadese Bombardier, l'indiana Larsen & Toubro e la saudita Nesma - che si è aggiudicato il maxi contratto per la progettazione e costruzione della nuova Linea 3 (40,7 km).

Sono in programma inoltre tre nuove reti metropolitane a Medina e a Gedda, oltre ad una rete ferroviaria urbana per la città di Dammam nella Provincia Orientale.

Nel 2014, verranno inoltre avviati i lavori previsti:

  • dal Makkah Public Transport Program
  • dal Saudi Land Bridge project (nuova linea ferroviaria ad alta velocità per il trasporto di passeggeri e merci che collegherà la costa orientale e occidentale del Regno saudita e che prevede anche l'integrazione nella nuova rete del porto marittimo di Jeddah). Italferr si è aggiudicata un contratto da 28 milioni di euro per la progettazione della tratta ferroviaria Riad-Gedda (tracciato, sede, armamento, ponti, gallerie, stazioni passeggeri, impianti per il carico e lo scarico dei treni e per la movimentazione dei container, sistemi di segnalamento e di telecomunicazioni, valutazione impatto ambientale).

Le prospettive di sviluppo sono legate anche ai progetti per la costruzione di 6 nuove città (c.d. economic cities). La costruzione delle prime due città è già stata avviata (King Abdullah City, a nord di Gedda e la  Prince Abdulaziz Bin Mesaed Economical City).

In crescita anche gli investimenti nell’edilizia residenziale - con la previsione di un incremento di 1,5 milioni di nuove abitazioni entro il 2015 - e in quella ospedaliera e scolastica.

La società saudita ABV costruirà nella capitale un “hub sanitario” del valore di 3,35 miliardi di dollari. Il progetto prevede la costruzione di tre ospedali, strutture residenziali, centri accademici oltre ad un centro di ricerca.

Per rilanciare il settore turistico verranno realizzate 34.800 nuove stanze d’albergo nei prossimi 5 anni. Obiettivo: migliorare il servizio di accoglienza a favore del turismo religioso e culturale.

Secondo un report dell’Arab Tourism Organization, che ha confrontato la competitività del settore turistico a livello internazionale, l’Arabia Saudita è al sesto posto tra i Paesi Arabi e al 62° a livello globale.

Enrico Forzato

 

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Rapporto 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg
Il Rapporto di Ismea e Fondazione Qualivita conferma la crescita del valore dei prodotti a Indicazione Geografica (IG) e delle loro performance sui mercati esteri nel 2019.
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Risultati economici delle imprese e delle multinazionali nel 2018
Secondo l'Istat nel 2018 il valore aggiunto è prodotto in Italia per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est; seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%.
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
Rapporto di previsione Prometeia dicembre 2020
In Italia, dopo il calo del Pil nel quarto trimestre 2020 (-3,2%) e nel primo del 2021 (-0,4%), l’attività dovrebbe riprendere dalla prossima estate, grazie anche all’arrivo dei primi fondi Next Generation EU.
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Ricavi in crescita per il Parmigiano Reggiano
Secondo il bilancio preventivo 2021, i ricavi saranno pari a 51,8 milioni di euro (rispetto ai 38,4 del 2019 e ai 33,4 del 2018).
Indice PMI eurozona dicembre 2020
Indice PMI eurozona dicembre 2020
A dicembre, l’attività economica dell’eurozona si sta avvicinando alla stabilizzazione con una crescita più forte della produzione manifatturiera che compensa il calo ulteriore dell’attività terziaria.
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Esportazioni delle regioni italiane III trimestre 2020
Nel terzo trimestre l’Istat stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27% per il Sud.
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
Gli effetti della pandemia sull’industria meccanica italiana
La pandemia ha causato una perdita di fatturato per l’industria meccanica italiana di oltre 4,5 miliardi nel 2020 (-9,4%), per un fatturato totale di 44,5 miliardi.
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
Osservatorio Altagamma: lusso in calo del 20%
L’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020 si attende per quest’anno un calo senza precedenti del mercato del lusso: -20/-22%.
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Investimenti in startup in Italia nel 2020
Nel 2020 le startup hi-tech italiane hanno raccolto 683 milioni di euro, circa 11 milioni in meno di quanto raccolto nel 2019.