Interscambio economico Germania - Italia e ripartenza post Covid-19

di lettura

Quanto è forte il legame e l’interdipendenza tra le filiere produttive di Germania e Italia?

Interscambio economico Germania - Italia e ripartenza post Covid-19

La globalizzazione dei mercati, la delocalizzazione produttiva, le catene di fornitura ispirate al principio del  “just in time” (per minimizzare le scorte di componenti e ricambi) hanno reso sempre più connesse le economie dei paesi a vocazione manifatturiera.

Il Covid-19 ci ha insegnato che non è lungimirante dismettere la produzione nazionale di mascherine protettive (perché i margini di guadagno sono esigui) per poi affidarsi alle forniture cinesi. Il tragico destino ha voluto che la prima regione colpita dalla pandemia fosse proprio la Cina e il primo Paese europeo, l’Italia…

Il virus ha anche reso evidente che Italia e Germania, per riprendersi velocemente hanno bisogno l’una dell’altra. Bastano pochi dati per rendersene conto.

Legame indissolubile

Dal 2008 al 2018 secondo Eurostat l’export italiano verso la Germania è passato da 37 a 58 miliardi di euro (+56%) mentre l’export tedesco verso l’Italia è salito da 50 a 68 miliardi di euro (+36%).

I dati Istat relativi al 2019 evidenziano che le esportazioni italiane verso la Germania hanno toccato quota 58,1 miliardi di euro mentre il valore delle importazioni si è attestato a 69,6 miliardi di euro.

La Germania è il primo partner commerciale dell’Italia e, nella classifica dei paesi fornitori della Germania, l’Italia ha guadagnato nel 2018 la quinta posizione scavalcando il Regno Unito (alle prese con la Brexit) e riducendo la distanza da Francia e Stati Uniti che ci precedono.

Macchine utensili, industria siderurgica, apparati elettrici ed elettronici, componenti per elettrodomestici, tessile, alimentare, chimico-farmaceutico sono i settori produttivi maggiormente rappresentativi.

Il ruolo dell’Italia per la Germania è emblematico nel settore automotive: i sistemi frenanti della Brembo vengono utilizzati in molte auto tedesche, così come il pellame o le plastiche per gli interni, o le componenti elettro-meccaniche della MTA di Codogno.

In un recente articolo pubblicato da Quattroruote si legge: “Per capire l'importanza della componentistica italiana per l'industria automobilistica tedesca basta ricordare che in alcuni modelli d'alta gamma prodotti in Germania si arriva fino a quasi il 20% di componenti italiane e non si tratta solo di pellami o materiali per gli interni, ma anche di soluzioni meccaniche ed elettroniche altamente tecnologiche”.

Non a caso gli amministratori delegati di Volkswagen, BMW e Daimler, hanno fatto presente ad Angela Merkel che la produzione automobilistica tedesca - leader indiscussa a livello europeo con circa 5,5 milioni di veicoli prodotti ogni anno (pari al 12% del Pil) - non potrà ripartire senza i componenti forniti da Italia e Spagna. Il “just in time” ha innumerevoli vantaggi, ma in questi casi è devastante perché mancano le scorte.

Interscambio economico Italia - Germania

Il 9 aprile 2020 la Camera di Commercio Italo-Germanica  (AHK Italien) ha presentato  i dati della partnership economica tra i due paesi relativi al 2019, con un approfondimento dedicato alla diffusione del Covid-19.

Nel 2019, con 127,7 miliardi di euro, i rapporti economici tra Italia e Germania hanno sostanzialmente confermato le performance 2018. A livello regionale Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna e i Land più industrializzati (Baviera, Baden-Württemberg e Renania Settentrionale-Vestfalia) hanno un peso relativo in termini di interscambio superiore a quello di interi Paesi.

Interscambio commerciale Italia - Germania 2019

Perno della partnership commerciale italo-tedesca è la produzione industriale: la corrispondenza tra i principali settori di export dei due Paesi conferma ancora una volta l’esistenza di un legame di co-produzione e interconnessione.

Nell’ambito delle indagini condotte a livello globale dall’associazione tedesca delle Camere di Commercio e Industria (DIHK) emerge un clima di diffusa preoccupazione per la congiuntura economica italiana. L’83% delle aziende intervistate valuta in maniera negativa le prospettive di sviluppo economico del nostro paese a medio termine e il 63% dei rispondenti teme anche un’evoluzione negativa per il business della propria azienda.

La preoccupazione è dettata principalmente dalla prospettiva di un forte calo della domanda, che rappresenta il principale fattore di rischio per l’81% delle imprese partecipanti. I timori associati al calo della domanda sono legati in primo luogo alla diffusione del Covid-19 in Italia e nel mondo.

La Camera di Commercio Italo-Germanica a inizio marzo ha condotto tra i soci un’altra survey, poi ripetuta a distanza di un mese, per sondare la percezione della business community italo-tedesca in Italia rispetto agli effetti della diffusione del virus:

  • a inizio marzo il 26% dei rispondenti aveva segnalato un impatto della situazione sanitaria sulle attività aziendali
  • ad aprile è il 73% delle imprese a ravvisare un effetto sul proprio business, con più della metà delle imprese che prospetta perdite tra il 10 e il 50% sul fatturato 2020.

La stima sui tempi di ripresa faceva riferimento nella prima survey di marzo a un arco temporale di 3 mesi, ora l’atteggiamento è più cauto e quasi la metà (48%) dei rispondenti non si aspetta di tornare al normale regime di attività prima di 6 mesi.

Gerhard Dambach, Presidente della AHK Italien, ha dichiarato: «In questo momento di difficoltà è necessaria una forte unione d’intenti e un grande sforzo a livello europeo per garantire le migliori misure per la tenuta dei sistemi economici di tutti i Paesi. Italia e Germania stanno collaborando attivamente e a supporto l’una dell’altra anche in questo momento. Siamo le due prime economie manifatturiere europee e mai come ora abbiamo il dovere di trainare le scelte economiche per dimostrare che uniti possiamo far tornare a prosperare la joint-production italo-tedesca, a vantaggio di tutti».

Enrico Forzato

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Aibe Instant Survey - Covid 19
Aibe Instant Survey - Covid 19
La prima «Instant Survey» - condotta da Aibe con la collaborazione del Censis – analizza le misure economiche prese a seguito della pandemia e gli elementi che hanno particolare rilevanza per le prospettive di ripresa dell’Italia.
WEF: Covid-19 Risks Outlook
WEF: Covid-19 Risks Outlook
World Economic Forum, in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich Insurance Group, ha pubblicato un report sui rischi della pandemia per lo sviluppo economico.
E-commerce in Italia 2020
E-commerce in Italia 2020
Il report di Casaleggio Associati presenta l’andamento dell’e-commerce B2C in Italia nel 2019 e descrive l'impatto del Covid-19 sul commercio elettronico nei primi mesi 2020.
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Le imprese italiane potrebbero perdere, a causa del Covid-19, tra i 270 e i 650 miliardi di fatturato nel biennio 2020-21, a seconda della durata dell’epidemia e della velocità della ripresa economica.
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
I flussi degli investimenti diretti esteri crolleranno più del 30% nel 2020 secondo lo scenario più ottimistico (che prevede il controllo della pandemia e il successo degli interventi pubblici per contrastare la recessione economica).
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
Nei dati di marzo le esportazioni italiane di beni in valore cominciano a mostrare l'impatto negativo di Covid-19 e delle misure restrittive adottate.
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’America Latina, l’area tra le economie emergenti con la più bassa crescita media nell’ultimo decennio (2%), si trova ad affrontare la diffusione della pandemia coronavirus da una posizione di relativa debolezza.
Nota mensile Istat: aprile 2020
Nota mensile Istat: aprile 2020
La stima preliminare del Pil riferita a gennaio - marzo ha fornito una prima quantificazione degli effetti della crisi sull’economia: la caduta rispetto al trimestre precedente è stata pari al 4,7%.
Altagamma:  consumi dei beni personali di lusso -20%
Altagamma: consumi dei beni personali di lusso -20%
Effetto Covid-19 sul lusso personale: previsto nel 2020 un calo medio del 20% dei consumi. Ritorno ai livelli pre-pandemia per il 2022-23.