Interscambio economico Germania - Italia e ripartenza post Covid-19

di lettura

Quanto è forte il legame e l’interdipendenza tra le filiere produttive di Germania e Italia?

Interscambio economico Germania - Italia e ripartenza post Covid-19

La globalizzazione dei mercati, la delocalizzazione produttiva, le catene di fornitura ispirate al principio del  “just in time” (per minimizzare le scorte di componenti e ricambi) hanno reso sempre più connesse le economie dei paesi a vocazione manifatturiera.

Il Covid-19 ci ha insegnato che non è lungimirante dismettere la produzione nazionale di mascherine protettive (perché i margini di guadagno sono esigui) per poi affidarsi alle forniture cinesi. Il tragico destino ha voluto che la prima regione colpita dalla pandemia fosse proprio la Cina e il primo Paese europeo, l’Italia…

Il virus ha anche reso evidente che Italia e Germania, per riprendersi velocemente hanno bisogno l’una dell’altra. Bastano pochi dati per rendersene conto.

Legame indissolubile

Dal 2008 al 2018 secondo Eurostat l’export italiano verso la Germania è passato da 37 a 58 miliardi di euro (+56%) mentre l’export tedesco verso l’Italia è salito da 50 a 68 miliardi di euro (+36%).

I dati Istat relativi al 2019 evidenziano che le esportazioni italiane verso la Germania hanno toccato quota 58,1 miliardi di euro mentre il valore delle importazioni si è attestato a 69,6 miliardi di euro.

La Germania è il primo partner commerciale dell’Italia e, nella classifica dei paesi fornitori della Germania, l’Italia ha guadagnato nel 2018 la quinta posizione scavalcando il Regno Unito (alle prese con la Brexit) e riducendo la distanza da Francia e Stati Uniti che ci precedono.

Macchine utensili, industria siderurgica, apparati elettrici ed elettronici, componenti per elettrodomestici, tessile, alimentare, chimico-farmaceutico sono i settori produttivi maggiormente rappresentativi.

Il ruolo dell’Italia per la Germania è emblematico nel settore automotive: i sistemi frenanti della Brembo vengono utilizzati in molte auto tedesche, così come il pellame o le plastiche per gli interni, o le componenti elettro-meccaniche della MTA di Codogno.

In un recente articolo pubblicato da Quattroruote si legge: “Per capire l'importanza della componentistica italiana per l'industria automobilistica tedesca basta ricordare che in alcuni modelli d'alta gamma prodotti in Germania si arriva fino a quasi il 20% di componenti italiane e non si tratta solo di pellami o materiali per gli interni, ma anche di soluzioni meccaniche ed elettroniche altamente tecnologiche”.

Non a caso gli amministratori delegati di Volkswagen, BMW e Daimler, hanno fatto presente ad Angela Merkel che la produzione automobilistica tedesca - leader indiscussa a livello europeo con circa 5,5 milioni di veicoli prodotti ogni anno (pari al 12% del Pil) - non potrà ripartire senza i componenti forniti da Italia e Spagna. Il “just in time” ha innumerevoli vantaggi, ma in questi casi è devastante perché mancano le scorte.

Interscambio economico Italia - Germania

Il 9 aprile 2020 la Camera di Commercio Italo-Germanica  (AHK Italien) ha presentato  i dati della partnership economica tra i due paesi relativi al 2019, con un approfondimento dedicato alla diffusione del Covid-19.

Nel 2019, con 127,7 miliardi di euro, i rapporti economici tra Italia e Germania hanno sostanzialmente confermato le performance 2018. A livello regionale Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna e i Land più industrializzati (Baviera, Baden-Württemberg e Renania Settentrionale-Vestfalia) hanno un peso relativo in termini di interscambio superiore a quello di interi Paesi.

Interscambio commerciale Italia - Germania 2019

Perno della partnership commerciale italo-tedesca è la produzione industriale: la corrispondenza tra i principali settori di export dei due Paesi conferma ancora una volta l’esistenza di un legame di co-produzione e interconnessione.

Nell’ambito delle indagini condotte a livello globale dall’associazione tedesca delle Camere di Commercio e Industria (DIHK) emerge un clima di diffusa preoccupazione per la congiuntura economica italiana. L’83% delle aziende intervistate valuta in maniera negativa le prospettive di sviluppo economico del nostro paese a medio termine e il 63% dei rispondenti teme anche un’evoluzione negativa per il business della propria azienda.

La preoccupazione è dettata principalmente dalla prospettiva di un forte calo della domanda, che rappresenta il principale fattore di rischio per l’81% delle imprese partecipanti. I timori associati al calo della domanda sono legati in primo luogo alla diffusione del Covid-19 in Italia e nel mondo.

La Camera di Commercio Italo-Germanica a inizio marzo ha condotto tra i soci un’altra survey, poi ripetuta a distanza di un mese, per sondare la percezione della business community italo-tedesca in Italia rispetto agli effetti della diffusione del virus:

  • a inizio marzo il 26% dei rispondenti aveva segnalato un impatto della situazione sanitaria sulle attività aziendali
  • ad aprile è il 73% delle imprese a ravvisare un effetto sul proprio business, con più della metà delle imprese che prospetta perdite tra il 10 e il 50% sul fatturato 2020.

La stima sui tempi di ripresa faceva riferimento nella prima survey di marzo a un arco temporale di 3 mesi, ora l’atteggiamento è più cauto e quasi la metà (48%) dei rispondenti non si aspetta di tornare al normale regime di attività prima di 6 mesi.

Gerhard Dambach, Presidente della AHK Italien, ha dichiarato: «In questo momento di difficoltà è necessaria una forte unione d’intenti e un grande sforzo a livello europeo per garantire le migliori misure per la tenuta dei sistemi economici di tutti i Paesi. Italia e Germania stanno collaborando attivamente e a supporto l’una dell’altra anche in questo momento. Siamo le due prime economie manifatturiere europee e mai come ora abbiamo il dovere di trainare le scelte economiche per dimostrare che uniti possiamo far tornare a prosperare la joint-production italo-tedesca, a vantaggio di tutti».

Enrico Forzato

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito
Secondo un'analisi Coldiretti dei dati Istat relativi al commercio estero di gennaio 2021, le esportazioni Made in Italy nel Regno Unito sono crollate del 38,3% per effetto degli ostacoli burocratici e amministrativi.
Censis: Reinventare il turismo
Censis: Reinventare il turismo
Il quarto numero del “Diario della transizione” curato dal Censis è dedicato al settore del turismo, uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria.
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.